Ledum: quando fiorisce, dove cresce, proprietà utili e descrizione con una foto

Sarebbe bello iniziare questo articolo con le parole della canzone:

Da qualche parte il rosmarino selvatico fiorisce sulle colline,

I cedri squarciano il cielo...

Sembra che mi stia aspettando da molto tempo

La terra dove non sono mai stato.

Ledum è un bellissimo arbusto sempreverde con una corona arrotondata e foglie strette verde scuro. Nel periodo in cui fiorisce il rosmarino selvatico, da aprile a giugno, un profumo inebriante inebriante aleggia sulla zona in cui cresce. E a differenza di fiori, foglie e steli, al contrario, hanno un odore pungente a causa della grande quantità di oli. Non per niente anticamente la gomma di rosmarino di palude veniva usata per fare l'incenso. Diamo uno sguardo più da vicino a questa controversa pianta..

Descrizione dell'impianto

Ledum appartiene alla famiglia delle eriche, cresce in Estremo Oriente e in Siberia.

In diverse località è chiamato in modo diverso - rosmarino, insetto, gushatnik - ma la sua essenza non cambia da questo.

I cespugli raggiungono uno, meno spesso un metro e mezzo di altezza. In natura cresce in intere piantagioni. Ecco perché, quando fiorisce il rosmarino selvatico, l'intera contrada è immersa in aromi affascinanti. I fiori sono bianchi o rosa chiaro, ma belli come sono, così pericolosi. Il Ledum in fiore è estremamente velenoso a causa del colossale contenuto di olio essenziale velenoso nel polline. Il suo aroma è così forte che è severamente vietato portarlo nella stanza. Per lo stesso motivo, quando si pianta il rosmarino selvatico in appezzamenti personali, deve essere piantato a una certa distanza dalle finestre dei salotti, in modo che quando il rosmarino selvatico fiorisce, il suo aroma non penetra in casa..

Dove cresce

Il posto migliore per il rosmarino selvatico sono i terreni paludosi, ma può crescere in quasi tutte le condizioni: colline, torbiere, foreste e tundra.

Oltre alla Russia, può essere trovato in Bielorussia, Groenlandia e America..

Raccolta di fiori e germogli

La pianta è ampiamente utilizzata nella medicina popolare. Per questi scopi, il rosmarino selvatico viene raccolto, quando fiorisce, non solo i fiori stessi, ma anche i suoi rami vengono raccolti. Poiché abbiamo già scritto sopra che i gambi di rosmarino sono estremamente velenosi, devono essere tagliati con guanti con forbici speciali, indossando una benda di garza. Viene raccolto il rosmarino selvatico, il cui periodo di fioritura va da aprile a giugno, di solito a maggio - proprio nel mezzo della sua fioritura, quando la quantità massima di oli essenziali si è raccolta nei fiori e negli steli.

Essiccano il rosmarino selvatico per due settimane, solo in aree non residenziali che hanno una buona ventilazione.

È necessario conservare il rosmarino selvatico così preparato in sacchetti di stoffa o di carta, separatamente dai prodotti. Periodo di validità - non più di tre anni.

Perché il rosmarino è così utile

Il valore principale del rosmarino selvatico risiede proprio negli oli essenziali, così ricchi della sua parte aerea. Quando il rosmarino selvatico è in fiore, ha il più alto contenuto di olio possibile. Questo è il motivo per cui il periodo migliore per il raccolto è il periodo di fioritura. Inoltre, la quantità di oli e la sua concentrazione dipendono dall'area di coltivazione..

L'olio di ghiaccio è una sostanza velenosa, ricca di oli essenziali di rosmarino selvatico. È questo che conferisce all'olio essenziale una tinta verdastra, uno spessore e un sapore bruciante. Ma oltre a questo, il rompighiaccio ha proprietà antitosse e avvolgenti, quindi è fondamentalmente sbagliato parlare solo della sua inutilità. Sulla sua base, sono stati creati molti preparati medici: battericida, sedativo, stabilizzante l'ipertensione. Il rosmarino selvatico in fiore è anche un magazzino di altre vitamine e minerali utili, acido ascorbico, phytoncides e flavonoidi..

etnoscienza

Le proprietà curative del rosmarino selvatico sono note da tempo immemorabile. In Russia, la prima menzione risale al XVII secolo. I guaritori hanno persino un libro scritto da uno dei guaritori tradizionali, che contiene tutte le ricette efficaci e popolari con il rosmarino selvatico in quel momento. Si chiama "Tutto sui benefici dell'erica puzzolente".

Attualmente, l'interesse per questo arbusto non svanisce. È usato non solo nella medicina tradizionale, ma anche nella farmacologia ufficiale. Ha dimostrato scientificamente di avere proprietà battericide e antinfiammatorie.

Un decotto di rosmarino selvatico ha proprietà espettoranti, diradanti e catarro. Viene utilizzato per malattie gravi come la tubercolosi, la pertosse, la bronchite e altre malattie broncopolmonari, nonché la gotta e le patologie reumatoidi..

Inoltre, i guaritori popolari prescrivevano un decotto di rosmarino selvatico per insufficienza cardiaca, malattie degli organi interni (reni, fegato), crisi ipertensiva. Usato come antistaminico nei bambini e negli adulti.

La parte macinata del rosmarino selvatico ha proprietà sedative, ipnotiche, disinfettanti e cicatrizzanti. Le foglie vengono preparate e i seni nasali vengono lavati con questo brodo. Con il decotto si fanno anche impacchi per varie lesioni cutanee e malattie dermatologiche, oltre che per congelamento, edema. Aggiungendolo ai bagni o facendo lozioni con un decotto di rosmarino selvatico, puoi migliorare il flusso sanguigno negli arti..

Altre applicazioni

Nella medicina veterinaria, i bovini malati vengono trattati con l'aiuto del rosmarino selvatico per una varietà di malattie. Inoltre, appendere mazzi di rosmarino selvatico spaventare mosche e altri insetti e annaffiare il giardino con infuso di rosmarino può sbarazzarsi di molti parassiti.

Le parti macinate dei germogli sono in grado di proteggere dalle tarme, quindi i sacchetti con la polvere sono disposti negli armadietti. Ledum è utilizzato nella produzione di saponi, profumeria, è impregnato di pelle, utilizzato nella produzione tessile.

Precauzioni

Nonostante il suo uso diffuso, non bisogna mai dimenticare quanto sia velenoso e quanto possa essere pericoloso. E proprio quando ha le proprietà più curative, devi maneggiarlo con estrema cautela, durante il periodo di fioritura.

Gli aromi intensi possono provocare nausea, paralisi degli arti, forti capogiri e vomito in una persona. Se non conosci esattamente i dosaggi richiesti, non usare mai il rosmarino come decotti e tinture..

Un sovradosaggio ti minaccia non solo con una terribile intossicazione del corpo, ma anche con la paralisi dei muscoli respiratori e cardiaci.

In nessun caso il rosmarino selvatico deve essere assunto con ipotensione (bassa pressione sanguigna), disturbi del sistema nervoso autonomo, malattie renali ed epatite.

Sulla rete ci sono foto di donne incinte sullo sfondo della fioritura del rosmarino selvatico. Questo è severamente vietato: le donne in gravidanza e in allattamento non dovrebbero nemmeno avvicinarsi a questo cespuglio.!

Come puoi vedere, ci sono molte controindicazioni e questa non è l'intera lista. Pertanto, è necessario pensare bene prima di iniziare il trattamento e, ancora di più, l'automedicazione, con l'aiuto di questo bellissimo e pericoloso arbusto. In farmacia puoi trovare facilmente vari preparati a base di rosmarino selvatico e tutti i dosaggi sono già stati osservati lì..

Ricette della medicina tradizionale

  1. Malattie broncopolmonari. Versare acqua bollente sui germogli secchi e sulle foglie di rosmarino selvatico raccolti nell'anno in corso (mezzo litro d'acqua per 1 cucchiaio. Un cucchiaio di rosmarino selvatico secco) e lasciare sotto il coperchio per 15 minuti. Prendi mezzo bicchiere di infuso una volta al giorno. Ha proprietà espettoranti, favorisce la liquefazione e l'escrezione dell'espettorato.
  2. Ischemia del cuore. Per un bicchiere di acqua bollente, prendi sei grammi di rosmarino secco. Metti tutto a fuoco e fai sobbollire per 15 minuti. Successivamente, raffreddare, filtrare e portare al volume originale con acqua pulita. Prendi 15 ml tre volte al giorno. Per la laringite, usa questo decotto, prendendolo ogni 2 ore fino alla scomparsa dei sintomi.
  3. Pulizia dei reni. Versare un cucchiaino in un bicchiere di acqua bollente. germogli secchi. Chiudete il coperchio e lasciate fermentare per mezz'ora. Prendi 20 grammi tre volte al giorno.
  4. Gocce con rinite. Versare 25 grammi in un litro di acqua bollita calda. asciugare i germogli e lasciarli fermentare in un luogo caldo per dieci ore. Filtrare e instillare tre gocce nei seni. Per il trattamento della gotta, puoi prendere questa infusione da 125 ml cinque volte al giorno..

Conclusione

Prima di decidere un trattamento al rosmarino, valuta attentamente i pro ei contro. Credimi, azioni sconsiderate possono fare molto più male che bene. Inoltre, se stai pensando di preparare il rosmarino selvatico, non farlo mai da solo: ricorda che anche solo inalare questo aroma inebriante può essere troppo costoso. Il più ragionevole sarebbe guardare il rosmarino fiorire dal monitor: ti abbiamo fornito una foto.

Ledum

Ledum

Marsh Ledum a settembre. Riserva idrologica delle isole Duleby. Bielorussia
Classificazione scientifica
Dominio:Eucarioti
Regno:Impianti
Sottodominio:Piante verdi
Dipartimento:Fioritura
Classe:Dicotiledoni [1]
Superordine:Asteranae
Ordine:Erica
Famiglia:Erica
Sottofamiglia:Eric's
Tribù:Rhodoreae
Genere:Ledum
Nome scientifico internazionale

Ledum L., 1753

Bagulnik (lat. Lédum) è un genere o sottogenere di piante della famiglia Heather (Ericaceae). Nella letteratura occidentale, alcuni autori hanno incluso tutte le specie di questo genere dagli anni '90 nel genere Rhododendron; nella letteratura non tradotta in lingua russa, una tale visione della classificazione di questo genere non è stata supportata fino ad oggi (2018)..

Ci sono una decina di specie, quattro delle quali sono diffuse in Russia. Secondo The Plant List (2013), il genere Ledum contiene 6 specie [⇨].

Altri nomi: cimice, rosmarino di bosco, bagun. Va tenuto presente che gli abitanti dell'Estremo Oriente della Russia e della Siberia chiamano spesso altri rappresentanti dei rododendri, in particolare il rododendro Dauriano, come rosmarino selvatico.

Soddisfare

  • 1 Descrizione botanica
  • 2 Significato e applicazione
  • 3 Classificazione botanica
    • 3.1 Specie
  • 4 Note
  • 5 Letteratura
  • 6 Riferimenti

Descrizione botanica

Il ledum è rappresentato da arbusti e arbusti con foglie sempreverdi, alterne, a taglio intero, coriacee, spesso con bordo arricciato [3]. La foglia al sole, così come in autunno, acquisisce una tonalità marrone-marrone, una foglia verde scuro solo nei cespugli che crescono in un'ombra stabile, così come nei rami che hanno svernato sotto la neve. La pianta cresce in boschi di conifere e misti, spesso di larice con elevata umidità del suolo, nonché lungo ruscelli e su maria, spesso formando un tappeto di sottobosco aspro e continuo. I mirtilli rossi possono crescere nei boschetti di rosmarino selvatico, fruttificando con bacche rare ma grandi.

Le foglie e i rami del rosmarino selvatico (e soprattutto fiori, polline e semi) emanano un odore acuto e specifico inebriante, che si spiega con il contenuto di olio essenziale di complessa composizione nella pianta.

I fiori sono bisessuali, bianchi, a cinque dimensioni, in infiorescenze umbellate o corimbo all'estremità dei germogli dell'anno scorso.

Il frutto è una capsula a cinque celle che si apre verso l'alto dalla base. I semi sono molto piccoli, alati.

Il ledum viene propagato dai semi, nella cultura - per talea, stratificazione, cespugli divisori e ventose di radici.

Significato e applicazione

Insieme al catrame, l'olio essenziale di rosmarino può essere utilizzato nella lavorazione della pelle, può essere utilizzato nella produzione di saponi e profumeria, nonché nell'industria tessile come fissativo [4].

L'odore di foglie fresche e rami di rosmarino selvatico spaventa gli insetti succhiatori di sangue, protegge la pelliccia e la lana dalle tarme.

La coltivazione artificiale è difficile, poiché è necessario un terreno calcareo e i semi devono essere seminati immediatamente dopo la raccolta in terreno sabbioso o torboso..

Tutti i tipi di rosmarino selvatico sono buone piante mellifere, danno una piccola raccolta di miele, ma il miele di rosmarino selvatico è velenoso (il cosiddetto miele "ubriaco"), non può essere mangiato senza bollire [5]. Può essere utilizzato solo dalle api stesse per lo sviluppo delle famiglie..

Classificazione botanica

Secondo The Plant List (2013), il genere comprende 6 specie [6]:

Le specie del genere Ledum, rappresentate in Russia e nei paesi limitrofi, sono contrassegnate da asterischi (*).

Molti nomi più specifici di questo genere hanno lo status di un nome non risolto in The Plant List (2013), cioè è impossibile dire inequivocabilmente su questi nomi se dovrebbero essere usati come nomi di specie indipendenti - o se dovrebbero essere ridotti a sinonimi per altri taxa [6].

Ledum - proprietà medicinali e controindicazioni

Tra tutte le piante palustri, non c'è niente di più profumato e utile del rosmarino. Ma
il suo valore non risiede solo nel suo aspetto decorativo e nell'odore caratteristico.
Ledum è utilizzato attivamente in medicina, nell'industria leggera. Inoltre, la pianta
ha una ricca storia sia dal punto di vista scientifico che mitologico.

  1. Descrizione botanica e morfologica
  2. Sottospecie comune di rosmarino selvatico
  3. Superstizioni sul cespuglio di palude
  4. La composizione chimica del rosmarino selvatico
  5. Ambiti di applicazione dell'impianto
  6. Proprietà curative
  7. Indicazioni per l'uso in medicina
  8. Ricerca scientifica sul rosmarino selvatico
  9. Controindicazioni
  10. Preparazioni di Ledum e metodi del loro utilizzo
  11. Ledin
  12. Ledum-GF
  13. Fitopril
  14. Germogli di rosmarino di palude per la produzione di birra
  15. Overdose ed effetti collaterali
  16. Coltivazione di rosmarino selvatico in giardino
  17. Regole di atterraggio
  18. Caratteristiche della cura del rosmarino
  19. Propagazione di arbusti
  20. Raccolta e approvvigionamento

Descrizione botanica e morfologica

Ledum è una pianta della famiglia delle eriche, che è un arbusto o arbusto sempreverde con un'altezza di 20-125 centimetri. Ha foglie oblunghe e strette con bordi arricciati verso il basso. Dal basso hanno una pubescenza rossastra, che ricorda il feltro in senso tattile. I fiori della pianta sono bianchi, fissati su piccioli sottili. Crescono fino a un centimetro di diametro, ma allo stesso tempo sono abbastanza densi. La forma standard dell'infiorescenza di rosmarino è uno scutello o un pennello a forma di ombrello, tutto dipende dalla sottospecie della pianta.

Invece dei fiori che compaiono a maggio o giugno, i frutti si formano già ad agosto. I frutti di Ledum sono capsule ellittiche con una lunghezza da tre a otto millimetri. Man mano che matura, si apre e versa i semi. Sono di colore giallo chiaro nella pianta, piatti ea forma di fuso. La lunghezza dei semi non supera un centimetro e mezzo.

Importante: poiché la pianta si insedia lungo i bordi delle torbiere o anche sulla loro area, ha radici potenti che penetrano almeno 25-40 centimetri di profondità.

Sottospecie comune di rosmarino selvatico

  • Marsh ledum ha le proprietà medicinali più pronunciate. Ma questo arbusto resistente al freddo è pericoloso al di fuori dei prodotti farmaceutici industriali, poiché contiene molti componenti tossici. Questa sottospecie di rosmarino selvatico è più diffusa in tutto il mondo, quindi la si trova spesso nei giardini insieme ad altre eriche;
  • Il rosmarino selvatico strisciante cresce in Siberia, nella parte russa dell'Estremo Oriente e nel Nord America, in Groenlandia. La sua altezza non supera i 20-30 centimetri, il che rende la pianta la più corta tra le altre sottospecie. È famoso per i fiori più grandi tra i rosmarini selvatici. Le gemme raggiungono i due centimetri di diametro;
  • Il rosmarino selvatico della Groenlandia è onnipresente nella zona artica. Preferisce le torbiere e le rive umide di fiumi o laghi. Sarà possibile distinguere il rosmarino della Groenlandia dalle sue dimensioni maggiori. Questa pianta raggiunge un'altezza di due metri;
  • Ledum "Compact" - coltivato artificialmente sulla base dell'arbusto della Groenlandia, utilizzato per scopi decorativi. La sua altezza non supera i 45 centimetri. E la richiesta di giardinieri è dovuta all'insolito colore crema delle infiorescenze semicircolari;
  • Il rosmarino selvatico a foglia larga cresce nella parte orientale dell'Eurasia. Predilige il sottobosco delle foreste di conifere di montagna, meno frequenti nelle torbiere di sfagno e lungo il perimetro dei giacimenti di pietra, tra le eriche. L'altezza massima di una tale pianta è di 130 centimetri. E fiorisce nella seconda decade di maggio.

Superstizioni sul cespuglio di palude

La maggior parte delle credenze dice che il rosmarino selvatico, appeso in casa, è in grado di scacciare gli spiriti maligni. Si ritiene inoltre che da esso si possa preparare una potente visione d'amore. Ma, allo stesso tempo, il rosmarino selvatico è considerato un componente delle pozioni degli stregoni oscuri: secondo le superstizioni del villaggio, le pozioni sul suo succo spezzano l'amore e l'amicizia, mandano follia o esacerbano la libido. A proposito, le persone hanno ragioni abbastanza obiettive per vedere il potenziale male nel rosmarino selvatico. Il suo aroma provoca emicranie o anche gravi avvelenamenti, soprattutto durante la fioritura..

La composizione chimica del rosmarino selvatico

L'erba rosmarino selvatico contiene oli essenziali, tra cui palustrol, iceol, cimene, geranile acetato e altre sostanze complesse. Forniscono alla pianta un caratteristico odore pungente. Contiene inoltre la flavonoide quercitrina, il glicoside arbutina, numerosi phytoncides, acidi organici e vitamine utili per l'uomo. In una concentrazione minore, la pianta contiene resine e tannini. Si nota che quanto più vecchia è la pianta, tanto più pericolosi sono i componenti nella sua composizione chimica. Pertanto, solo i germogli di un anno relativamente teneri sono adatti per la raccolta..

Importante: il pregiato olio essenziale di rosmarino selvatico occupa circa il 3% della massa totale della parte aerea di questa pianta officinale, che è considerato un buon indicatore.

Ambiti di applicazione dell'impianto

Ledum è ampiamente utilizzato in settori completamente diversi dell'attività umana. Viene utilizzato per creare olio per la lavorazione della pelle, la produzione di sapone, l'industria tessile e la profumeria. In tutte queste aree, l'olio agisce come fissativo. Le foglie fresche della pianta aiutano a proteggere gli indumenti da tarme e altri parassiti. E anche nel secolo scorso e prima, il rosmarino selvatico veniva utilizzato nella produzione di birra contraffatta. Ma una tale bevanda ha provocato delirio, allucinazioni, dolore addominale e gravi coliche, quindi questa tecnologia di produzione della birra è stata abbandonata..

Inoltre, tutte le varietà di questa pianta aiutano a curare gli animali da fattoria e sono buone piante di miele. Ma il miele sul rosmarino selvatico è pericoloso per l'uomo, quindi può essere mangiato solo dopo l'ebollizione, ed è meglio lasciarlo alle api per lo sviluppo delle famiglie. Inoltre, non una singola area di applicazione del rosmarino selvatico può essere paragonata in scala con la medicina..

Proprietà curative

  • Ammorbidisce la tosse per raffreddori e malattie infettive;
  • Allevia le sensazioni di prurito dopo le punture di zanzara;
  • Migliora la produzione di catarro;
  • Sopprime le reazioni allergiche causate da agenti patogeni non vegetali;
  • Promuove l'equilibrio del sudore e del sale nel corpo;
  • Rilassa il tessuto muscolare liscio dei bronchi;
  • Elimina l'infiammazione;
  • Espande i vasi sanguigni e normalizza il flusso sanguigno;
  • Allevia il dolore nelle malattie respiratorie;
  • Ha un effetto battericida;
  • Accelera i processi metabolici, incluso ha un effetto diuretico;
  • Ripristina i capelli e rinforza le unghie.

Indicazioni per l'uso in medicina

  • Dissenteria;
  • Diabete;
  • Angina pectoris;
  • Polmonite;
  • Pertosse;
  • Rachitismo;
  • Enterocolite;
  • Forme acute o croniche di bronchite;
  • Laringite;
  • Tubercolosi polmonare;
  • Foruncolosi;
  • Scabbia;
  • Varicella;
  • Influenza;
  • Poliartrite;
  • Artrosi deformante;
  • Scrofola;
  • Rinite acuta o cronica;
  • Reumatismi, gotta e altre malattie articolari;
  • Neurodermite;
  • Eczema;
  • Morsi di insetti e artropodi;
  • Licheni di origine batterica e non batterica;
  • Ferite, lividi, lividi, graffi e altri danni alla pelle.

Ricerca scientifica sul rosmarino selvatico

Le prime informazioni sul rosmarino selvatico appaiono nei manoscritti danesi del 12 ° secolo. Si trova anche negli antichi erbari scandinavi. Nella pratica medica, è stato registrato per la prima volta in Svezia. E i primi studi sulle caratteristiche medicinali della pianta appartengono a Karl Linnaeus. Ma il rosmarino selvatico ha trovato la sua massima fama in Russia nel XIX e XX secolo.

Nel 1896, lo scienziato russo Karl Andreevich Rauchfus isolò per primo l'olio essenziale dal rosmarino fresco. Lo ha descritto in uno dei suoi lavori scientifici e ha sottolineato che l'olio essenziale è costituito da particelle cristalline e liquido. E nel 1912, l'accademico Andrei Petrovich Krylov descrisse per primo le regole per il trattamento della pertosse usando farmaci a base di rosmarino. Diversi decenni dopo, appariranno le prime informazioni che il rosmarino selvatico è adatto per il trattamento dell'asma bronchiale, della bronchite acuta e della tosse. La pianta è stata utilizzata attivamente durante la seconda guerra mondiale.

Importante: la ricerca sul rosmarino selvatico continua nel 21 ° secolo, ad esempio, presso la Tomsk Medical University è stato dimostrato che la pianta inibisce i processi dei radicali liberi nel corpo.

Controindicazioni

I dati sull'opportunità di utilizzare il rosmarino selvatico nel trattamento dei bambini variano. Alcune fonti affermano che i preparati su questa pianta possono essere somministrati dall'età di 14 anni, mentre altri affermano che il rosmarino è pericoloso fino all'età di 18 anni. Pertanto, prima di utilizzare il farmaco, è necessario consultare un pediatra. Tra i divieti severi ci sono glomerulonefrite, ipotensione ed epatite. È inoltre vietato somministrare farmaci con rosmarino selvatico nella composizione se al paziente viene diagnosticata un'intolleranza individuale alla sua composizione chimica.

Importante: non è consigliabile utilizzare medicinali sul rosmarino selvatico se una persona ha sofferto di malattie gravi, intervento chirurgico - i componenti tossici possono influire negativamente sulla sua salute.

Preparazioni di Ledum e metodi del loro utilizzo

Sono tante le ricette in rete che prevedono la realizzazione in casa di preparati a base di rosmarino selvatico. Ma i medici si oppongono a tali misure. Il fatto è che le materie prime raccolte o preparate in modo errato e le più piccole violazioni delle proporzioni dei componenti possono solo peggiorare le condizioni del paziente. Pertanto, è meglio scegliere uno dei medicinali ufficiali.

Ledin

Ledin è chiamato tablet, il cui effetto è dovuto all'alcol sexviterpene. E lui, a sua volta, si distingue dagli oli essenziali del rosmarino di palude. Ledin è prescritto per il trattamento della tosse secca e, parallelamente ad esso, devono essere presi espettoranti per accelerare l'azione. Il farmaco viene assunto per via orale 0,05-0,1 grammi da tre a cinque volte al giorno, indipendentemente dal programma dei pasti. Il corso deve essere continuato fino al sollievo, ma non può durare più di 10 giorni. Il costo di Ledin non è inferiore a 1277 rubli. Ed è quasi impossibile acquistarlo: non è più registrato in Russia.

Ledum-GF

La medicina omeopatica Ledum-GF è un unguento per uso esterno. È prescritto per dolori articolari, gonfiore o prurito, provocati da punture di insetti o artropodi. L'unguento viene applicato in uno strato uniforme sulla zona interessata fino a quattro volte al giorno. In questo caso, è vietato applicare una benda su di esso. I medici trattano questo rimedio in modo diverso. Primo, non tutti si fidano dell'omeopatia. In secondo luogo, provoca spesso allergie. Sì, e un barattolo di unguento Ledum-GF è piuttosto costoso: circa 288 rubli per 25 grammi di fondi.

Fitopril

Fitopril normalizza il battito cardiaco e corregge la pressione sanguigna. È adatto per il trattamento delle aritmie cardiache, nonché per la prevenzione di infarto miocardico e ictus. L'effetto è dovuto all'azione dei beta-bloccanti naturali, che riducono il numero di battiti cardiaci al minuto. L'intero rimedio è costituito da ingredienti erboristici, tra i quali ci sono anche erbe di rosmarino selvatico. Il regime è abbastanza semplice: si consuma un cucchiaio di liquido al giorno. Fitopril costerà almeno 690 rubli per bottiglia.

Germogli di rosmarino di palude per la produzione di birra

In farmacia si possono acquistare anche semplici germogli di rosmarino di palude. Questo materiale vegetale secco è prescritto per malattie polmonari acute e croniche accompagnate da tosse. L'effetto terapeutico è dovuto agli oli essenziali che provocano l'espettorazione e alleviano lo spasmo dai tessuti lisci dei bronchi. I germogli dovrebbero essere preparati al ritmo di 10 milligrammi per 200 millilitri di acqua e presi per via orale in mezzo bicchiere due volte al giorno. Il prezzo di mercato per questo rimedio naturale a base di erbe è di 59-80 rubli russi.

Overdose ed effetti collaterali

In caso di sovradosaggio di un rimedio che contiene rosmarino di palude o qualsiasi altra sottospecie vegetale, il sistema nervoso centrale viene soppresso. La sovraeccitazione non è esclusa. Per sbarazzarsi di questi sintomi, è necessario lavare lo stomaco. Quindi devi seguire le istruzioni del medico: non puoi fare a meno dell'intervento di uno specialista.

Sono possibili anche alcuni effetti collaterali. In genere, le persone che consumano rosmarino selvatico dimostrano irritabilità, nervosismo, emotività eccessiva e maggiore eccitabilità. Se queste reazioni causano un particolare disagio, dovresti abbandonare temporaneamente il farmaco sul rosmarino e ricorrere alla terapia sintomatica.

Coltivazione di rosmarino selvatico in giardino

A causa delle peculiarità della composizione chimica e dell'odore pungente, è impossibile coltivare il rosmarino in casa. Può provocare allergie o peggiorare la qualità dell'aria nell'appartamento. Ma sistemare i letti con esso in giardino è una buona idea se prevedi di raccogliere e raccogliere indipendentemente questa pianta per scopi medicinali..

Regole di atterraggio

Ledum si distingue per un'invidiabile vitalità. Ma idealmente, dovrebbe essere piantato in un luogo ombreggiato con terreno sciolto. È importante che abbia un livello di acidità sufficiente. È questo requisito che determina il divieto di utilizzare fertilizzanti con cenere. Per creare condizioni il più vicino possibile alla natura, puoi scavare il terreno e fornirlo con una scorta di torba di alta palude, aghi caduti e sabbia di fiume in un rapporto di 3: 2: 1. Per il rosmarino della Groenlandia o le foglie larghe, puoi prendere una proporzione più impressionante di sabbia, perché sono a loro agio in terreni poveri.

È necessario piantare un arbusto in primavera. Per fare ciò, vengono estratti fori di 40-60 centimetri in un terreno adatto. Il loro fondo dovrebbe essere riempito di circa sette centimetri con grandi ciottoli di fiume o drenaggio di sabbia. Puoi piantare più piante contemporaneamente, ma la distanza tra loro dovrebbe superare i 65-70 centimetri. Dopo la semina, i cespugli vengono triturati.

Caratteristiche della cura del rosmarino

Ledum è senza pretese. Lo nutrono solo una volta all'anno, in primavera. I cespugli adulti necessitano di 60 grammi di fertilizzanti minerali per metro quadrato e quelli giovani hanno bisogno della metà della norma. Il rosmarino non necessita di potatura, ma puoi potare i rami spezzati liberamente. La pianta non necessita di annaffiature in quanto tale. Ma è meglio rifornirlo ulteriormente di acqua in caso di siccità. L'irrigazione viene effettuata una volta alla settimana, sette o dieci litri di acqua declorata sono sufficienti per un cespuglio di rosmarino. Dopo l'irrigazione, il terreno intorno alla pianta viene allentato e pacciamato con torba, che trattiene l'umidità a lungo.

Propagazione di arbusti

Il metodo di allevamento standard per il rosmarino selvatico in un giardino è la stratificazione. I giovani germogli sottili si inclinano e si fissano a terra e nel tempo mettono radici vicino al cespuglio madre. Per farlo accadere più velocemente, metti il ​​germoglio in un buco di 20 centimetri e cospargilo con terra e torba sopra, fissa la parte superiore verticalmente con un piolo. Innaffia la pianta prima che le talee attecchiscano, quindi tagliala con cura dalla pianta principale. È anche possibile la propagazione del rosmarino selvatico da parte delle piantine. È sufficiente piantarli in piena terra e pacciamare adeguatamente con humus di palude..

Importante: per il successo del radicamento delle piantine di ledum, vengono lasciate per 24 ore in una soluzione fatta in casa di eteroauxina 0,01%, acido indoleacetico (IAA) o acido succinico 0,02% o in qualsiasi altro stimolante della crescita già pronto.

Raccolta e approvvigionamento

Prima di tutto, devi stare attento quando raccogli il rosmarino selvatico. In natura cresce nelle paludi che rappresentano un potenziale pericolo per l'uomo. Quindi, è necessario indossare guanti protettivi spessi sulle mani. Ed è meglio proteggere la respirazione con un respiratore. E devi iniziare a raccogliere prima che compaiano i frutti, durante il periodo della fioritura più attiva. È allora che il rosmarino selvatico ha il più grande valore farmaceutico. È necessario raccogliere piante annuali con fiori e foglie non più di 10 centimetri. I rami di rosmarino vengono potati dove iniziano le foglie.

È necessario asciugare i rami in uno stato sospeso. Gli spazi aperti sono adatti a loro, ad esempio verande, balconi. Ma è importante proteggere le piante dalla luce solare diretta, potrebbe essere necessario mettere uno schermo protettivo. Se non è possibile essiccare naturalmente il rosmarino selvatico, utilizzare un essiccatore con un livello termico fino a +55 gradi. Vale la pena avvertire: la pianta diminuirà di dimensioni di circa tre volte. Ma la dimensione della materia prima non è la cosa principale, è molto più importante che tutte le proprietà benefiche del rosmarino selvatico siano solo esaltate. E decidi di raccogliere tu stesso il rosmarino selvatico, o preferisci le materie prime acquistate?

Ledum - erba inebriante

Ledum è un arbusto sempreverde della famiglia Heather. Il nome scientifico - ledum - lo avvicina all'incenso, poiché le foglie dense emanano anche un intenso profumo legnoso. La parola "rosmarino selvatico" dall'antica lingua russa è tradotta come inebriante, velenosa, inebriante. A volte la pianta è chiamata origano, cicuta, rosmarino selvatico, dea. Il suo habitat è piuttosto ampio. Colpisce l'emisfero settentrionale, in particolare la fascia subartica temperata. Il ledum è molto spesso usato per scopi medicinali, ma può essere utilizzato anche per la decorazione del giardino.

Aspetto della pianta

Il ledum è un arbusto o arbusto perenne alto 50-120 cm, alimentato da un rizoma superficiale ramificato con brevi germogli. Gli steli rigidi e ramificati non differiscono in grande diametro. Possono essere eretti, ascendenti o striscianti. I giovani germogli verde oliva sono ricoperti di pubescenza arrugginita, ma nel tempo sono ricoperti di corteccia scura nuda.

Il fogliame picciolato corto persiste tutto l'anno. Ha forma allungata o lanceolata con venatura centrale rialzata e bordi arricciati verso il basso. Il colore delle foglie è verde scuro. Diventa marrone brunastro in piena luce. Successivamente crescono le foglie coriacee. Quando vengono strofinati, emettono un forte odore inebriante..

In aprile-giugno fioriscono dense infiorescenze umbellate sui germogli dell'anno scorso. Ogni fiore ha un breve peduncolo. Petali ovali bianchi formano una coppa a forma di campana. Il numero di tutti gli elementi del fiore è un multiplo di 5. Il rosmarino selvatico viene impollinato dagli insetti, dopodiché maturano baccelli secchi con 5 sezioni. Piccoli semi alati vi si ammassano.

Attenzione! Tutte le parti del rosmarino sono velenose! Dopo il contatto con la pianta, assicurati di lavarti le mani. Anche solo stando vicino ai boschetti e respirando l'aroma, puoi presto sentirti stordito e debole. Sebbene il rosmarino selvatico sia una buona pianta di miele, il suo polline e il suo miele sono velenosi. Puoi provare il prodotto solo dopo un trattamento termico prolungato e in piccole quantità.

Specie Ledum

Il genere del rosmarino selvatico ha solo 6 specie di piante. 4 di loro crescono sul territorio della Russia.

Marsh Ledum. Un tipico rappresentante del genere, comune nei climi temperati. È un arbusto denso alto fino a 1,2 m. I germogli ramificati rialzati sono ricoperti da peli corti arrugginiti. Le foglie verde scuro e lucide emanano un piacevole profumo. In tarda primavera si aprono fitti ombrelli o scudi con piccoli fiori bianchi o rosa chiaro.

Rosmarino selvatico della Groenlandia. I gambi di alloggio rigidi crescono fino a 90 cm di lunghezza. Sono di colore marrone chiaro. Sui germogli, vicini l'uno all'altro, come aghi morbidi verde brillante, ci sono foglie lineari strette. C'è un mucchio di feltro sul retro delle foglie contorte. Durante il periodo di fioritura sbocciano piccoli ombrelli (larghi fino a 6 cm) con fiori bianchi o crema. La vista tollera perfettamente anche gelate intense.

Rosmarino selvatico a foglia larga. L'abitante dell'Estremo Oriente, del Giappone e della Corea cresce di 40-80 cm di altezza. Si insedia su argini rocciosi e pendii montuosi. Il fogliame ovale è lungo 3-4 cm e largo 8-15 mm. Sui giovani germogli e sul retro delle foglie c'è una spessa pila rossa.

Alcuni anni fa, il rododendro era sinonimo di rosmarino selvatico. Fino ad ora alcuni floricoltori attribuiscono a questo genere il rosmarino selvatico Transbaikalian, ma in realtà è solo un lontano parente e ha il nome scientifico "Daurian rhododendron". La pianta è anche un cespuglio molto ramificato di 50-200 cm di altezza. I rami sono ricoperti da foglie strette e dense di colore verde scuro. Ma i fiori hanno una ricca tonalità rosa. Spesso questo particolare "rosmarino" può essere visto in un vaso in una disposizione a bouquet.

Metodi di riproduzione

Ledum si riproduce in modo eccellente per seme e metodi vegetativi. In natura, nuove piante spesso emergono dai semi. Sono raccolti da piccole capsule maturate, che si rompono indipendentemente dal basso verso l'alto. Da lontano, gli acheni assomigliano a minuscoli lampadari. I semi vengono raccolti in autunno, ma seminati solo all'inizio della primavera. Per questo, i contenitori vengono preparati con terreno da giardino sciolto mescolato con sabbia. Il terreno dovrebbe essere sciolto, umido e acido. I semi vengono sparsi sulla superficie e solo leggermente pressati nel terreno. Il contenitore è ricoperto di materiale trasparente e posto in un luogo fresco. Periodicamente, la serra viene ventilata e irrigata. Le piantine compaiono in 25-30 giorni. Le piantine coltivate vengono poste in vasi di torba separati o in un'altra scatola con una distanza maggiore in modo che le radici non si aggroviglino.

È conveniente propagare le piante da giardino stratificando. Per questo, i rami flessibili vengono inclinati al suolo e fissati in un foro con una profondità di cm 20. La parte superiore deve essere lasciata in superficie. Dopo il rooting, le riprese vengono separate.

Un grande cespuglio può essere diviso in più parti durante un trapianto primaverile. Per fare questo, la pianta viene completamente scavata, liberata dal terreno e tagliata in divisioni. I luoghi di taglio vengono elaborati con carbone tritato. Le radici non si seccano e determinano immediatamente le piantine in un luogo permanente.

Per l'innesto, durante l'estate vengono tagliati germogli semi-lignificati con 2-3 foglie. Il taglio inferiore viene trattato con stimolanti della crescita ei germogli vengono radicati in vasi con terreno sciolto e nutriente. Le foglie più vicine al terreno vengono tagliate completamente o il piatto fogliare viene accorciato. Il radicamento e l'adattamento richiedono un lungo periodo, quindi le piantine vengono trasferite in piena terra solo la prossima primavera.

Piantare e partire

Ledum appartiene a piante senza pretese, quindi non causa molti problemi ai proprietari. Piantare è meglio farlo in primavera, anche se questo non è necessario per le piante con rizomi chiusi. Poiché le radici si trovano vicino alla superficie della terra, il buco di piantagione viene scavato a 40-60 cm di profondità. Sul fondo vengono versate sabbia di fiume o ciottoli di 5-8 cm di spessore, il terreno stesso deve essere sufficientemente acido e sciolto. Si consiglia di piantare cespugli su terreni umidi con l'aggiunta di aghi. Se vengono piantate più piante contemporaneamente, la distanza tra loro è di 60-70 cm Dopo aver completato tutto il lavoro, il terreno viene compattato e annaffiato abbondantemente. Quindi la terra vicino ai cespugli viene pacciamata con torba.

Nel suo ambiente naturale, il rosmarino selvatico cresce vicino ai corpi idrici, quindi l'irrigazione regolare è di grande importanza. L'irrigazione non è necessaria solo con precipitazioni frequenti. L'illuminazione per le piante non è troppo importante. Si sentono ugualmente bene in un luogo soleggiato e in ombra parziale. Anche con forti ombreggiature, il rosmarino non morirà, ma potrebbe sembrare meno decorativo e fiorire meno spesso..

Di tanto in tanto, il terreno dovrebbe essere allentato e le erbacce rimosse. Tuttavia, non dimenticare che le radici si trovano vicino alla superficie, quindi fai attenzione. Più volte per stagione (in primavera ed estate) il rosmarino selvatico viene fertilizzato con complessi minerali. La potatura si effettua nei mesi di marzo e ottobre. Accorcia i germogli che si rompono da una determinata forma e rimuovi anche i rami secchi e danneggiati.

Gli inverni non sono terribili per il rosmarino selvatico. Tollera perfettamente anche gelate intense, ma in assenza di neve la giovane crescita può congelarsi fino all'altezza del manto nevoso. In primavera, è sufficiente rimuovere i rami colpiti e la crescita giovane prenderà rapidamente il loro posto.

Ledum è resistente alle malattie delle piante. Non ha paura delle inondazioni del suolo, ma solo con un regolare allentamento. Senza accesso all'aria, il fungo può ancora svilupparsi. Molto raramente insetti e acari si insediano sui germogli. Sono facili da eliminare con gli insetticidi. Più spesso, la pianta stessa spaventa insetti fastidiosi, anche dai vicini nell'aiuola.

Utilizzare in giardino

La corona densa con foglie strette verde scuro e pubescenza rossastra sembra molto decorativa in giardino. Ledum è adatto per l'abbellimento di terreni umidi, le sponde di bacini artificiali e fiumi, argini rocciosi e spazi sotto gli alberi. Le piante hanno un aspetto migliore nelle piantagioni di gruppo. Spesso le piantagioni di cintura vengono utilizzate come siepe o per la suddivisione in zone di un sito. Il rosmarino selvatico può essere accompagnato da erica, mirtilli rossi, mirtilli, rododendri, gaulteria, stachis e cereali.

Caratteristiche benefiche

Foglie e fiori di rosmarino selvatico contengono molte sostanze biologicamente attive riconosciute non solo dalla gente, ma anche dalla medicina ufficiale. Tra loro:

  • oli essenziali;
  • tannini;
  • flavonoidi;
  • vitamina C;
  • gomma;
  • phytoncides.

Fin dai tempi antichi, il brodo è stato utilizzato come agente antisettico e antibatterico. È stato utilizzato esternamente, aggiunto a bagni o impacchi e bevuto anche per combattere la tosse, la SARS e le infezioni intestinali.

Il tè alle foglie di rosmarino lenisce e combatte l'insonnia. La pianta affronta bene malattie come polmonite, pertosse, bronchite, malattie epatiche e renali, gastrite, eczema, foruncoli, varicella, colecistite. I farmaci sono utili anche per la salute delle donne. Rafforzano i muscoli e combattono le malattie a trasmissione sessuale. Inoltre, in diversi paesi, la "specializzazione" del rosmarino selvatico può differire.

Hanno piante e scopi domestici. L'odore del fogliame spaventa insetti e falene succhiatori di sangue.

Ledum è controindicato per le persone che soffrono di allergie e sensibili ai componenti vegetali. Poiché aumenta il tono dell'utero, il trattamento è inaccettabile per le donne in gravidanza. E, naturalmente, il dosaggio non deve essere superato, quindi il trattamento è meglio farlo sotto la supervisione di un medico.

Segni e superstizioni

L'erba del rosmarino selvatico è avvolta in un gran numero di leggende, accetterà anche superstizioni, quindi molti dubitano che valga la pena tenerlo in casa. Sebbene alcuni diffidino del rosmarino selvatico, è molto benefico, previene la diffusione di microbi patogeni nell'aria e guarisce il corpo. Certo, se lasci molti rami fioriti in una piccola stanza, la famiglia avrà mal di testa. Da qui il presagio che il rosmarino selvatico aumenti il ​​nervosismo, l'irritabilità e porti guai. Ma un paio di germogli non faranno affatto male. Al contrario, purificheranno l'atmosfera dall'energia negativa e riempiranno la stanza di un aroma gradevole e discreto..

Ledum, inebriante e curativo

Il rosmarino selvatico di palude è letteralmente velenoso da cima a fondo, ma forse proprio per questo è diventato una delle piante officinali più famose..

"Da qualche parte il rosmarino selvatico sta fiorendo sulle colline, i cedri stanno perforando il cielo..." - queste sono le parole di una canzone che un tempo era popolare e amata da molti. Ma qualcuno pensa alla confusione nei nomi delle piante che è avvenuta qui? In effetti, la canzone parla del rododendro Dauriano (Rhododendron dauricum L.), che in Siberia e in Estremo Oriente è popolarmente chiamato rosmarino selvatico. Il nome "rosmarino selvatico" si fondeva così saldamente con esso che spesso si possono trovare frasi: "Rododendro dauriano, o rosmarino rosa... Siberiano... Estremo Oriente", ecc. Ma il dizionario esplicativo di SI Ozhegov distingue chiaramente un vero rosmarino selvatico da uno falso: " 1) Un arbusto sempreverde dall'odore inebriante della famiglia delle eriche, che cresce nelle torbiere. 2) Il nome popolare di una pianta arbustiva con delicati fiori rosa lilla - uno dei tipi di rododendro ".

La confusione è aggiunta anche dal fatto che nella letteratura occidentale alcuni autori hanno incluso tutte le specie del genere Ledum dagli anni '90 nel genere Rhododendron, ma nella letteratura non tradotta in lingua russa questa visione non è stata supportata fino ad ora. Secondo il sito "Gruppo di filogenesi delle angiosperme", nella classificazione moderna il genere Ledum rimane indipendente e comprende 8 specie, 4 delle quali diffuse in Russia. Il rappresentante più diffuso del genere Ledum in natura è il rosmarino di palude, di cui parleremo nel nostro materiale.

Il rosmarino di palude (Ledum palustre L.) appartiene alla famiglia Heather (Ericaceae). È un arbusto sempreverde fortemente ramificato con un'altezza da 50 a 120 cm, con tralci edificanti ricoperti da un fitto feltro "arrugginito" ricadente. Il diametro del cespuglio in età adulta è di circa 1 metro. Le foglie sono lanceolate, scure, lucide, con un odore. I bordi delle foglie sono fortemente arricciati. I fiori (fino a 1,5 cm di diametro) sono bianchi, meno spesso rosati, dall'odore pungente, in ombrelli a più fiori. Il frutto della capsula si apre con cinque foglie. I semi maturano a metà agosto. Radici superficiali.

Ledum è una pianta velenosa ed è velenosa nel suo insieme. Le sue foglie e rami (e in particolare fiori, polline e semi) emettono un odore acuto e specifico inebriante, che in grandi quantità ha un effetto negativo su una persona sotto forma di vertigini, mal di testa e nausea. Ciò è dovuto al contenuto di un olio essenziale complesso nella pianta. Ai vecchi tempi, i locandieri rurali spesso insistevano sul rosmarino selvatico al chiaro di luna per stupire il cliente e ottenere più soldi da lui.

Marsh Ledum. (Foto: Oleg Mitrofanov)

Ledum è una pianta che ama l'umidità, resistente al gelo, che ama la luce, ma può crescere in ombra parziale, cresce lentamente. Come tutte le eriche, il rosmarino di palude è una pianta micorrizica, i cui funghi simbionti necessitano di terreno acido (le “micorrize” sono fragili guaine simbiotiche di ife fungine che ricoprono le punte delle radici).

La terra nativa del rosmarino selvatico palustre è l'Artico, la pianura dell'Europa orientale, la Siberia occidentale e orientale, l'Europa occidentale, settentrionale e meridionale, la Mongolia settentrionale, la Cina nord-orientale, la Corea, il Nord America. L'area di distribuzione è l'Artico, la zona settentrionale e le regioni settentrionali della zona temperata dell'Eurasia e del Nord America. Sul territorio della Russia, la specie ha una gamma molto ampia, che copre la tundra e le zone forestali della parte europea, la Siberia e l'Estremo Oriente. Il rosmarino di palude cresce nella tundra e nella foresta-tundra sulle torbiere, nelle paludi rialzate, nel sottobosco di umide foreste di conifere, lungo fiumi e torrenti di montagna, in alta montagna, a gruppi, in piccoli boschetti, tra i cedri nani. Nonostante la vasta gamma olartica di rosmarino selvatico, "ama" di più la Siberia. In molte regioni della parte europea della Russia, il rosmarino selvatico è incluso nei Red Data Books (Voronezh, Lipetsk, Penza, Tula, regioni di Ulyanovsk, Mosca, così come le repubbliche di Bashkortostan e Tatarstan).

L'origine del nome latino della pianta Ledum ha diverse versioni: secondo una versione, il nome del genere fu preso in prestito da Linneo da Dioscoride, che chiamò un altro genere vegetale con il nome "ledon" - Cistus, che secerne una resina aromatica - incenso, simile nell'odore agli oli essenziali secreti dal rosmarino selvatico. Secondo un'altra versione, il nome deriva dal latino "laedere", che significa "nuocere, tormentare", a causa del forte odore soffocante che provoca vertigini. Il nome russo della pianta deriva dall'antico slavo "rosmarino selvatico", cioè avvelenare (tutte le parti della pianta, come ricordiamo, sono velenose). Il nome specifico palustris, cioè "palude", è associato al luogo della sua crescita. Inoltre, il rosmarino selvatico ha molti nomi popolari: bagun, rosmarino selvatico, bagunnyak, dea, bagunnik, bugun, cicuta di palude, puzzle, bagno (questo è anche chiamato un luogo basso e paludoso), origano, origano, kanabornik, marsh canabra, big bug, bedbug erba, torpore di palude, rosmarino di bosco. Tutti riflettono accuratamente la tossicità e la guarigione simultanee della pianta..

Ci sono leggende sul rosmarino selvatico. Uno di loro racconta di un misterioso serpente di palude che vive nella taiga di Pomorie e appare quando il rosmarino selvatico viene dato alle fiamme. Il serpente fu attirato dal profumo inebriante della pianta e assorbì tutti gli aromi del fumo. E se una persona malata incontrava un serpente, poteva avvolgersi in anelli attorno alla persona ed espellere la malattia da lui. Un'altra leggenda sul rosmarino selvatico racconta di un sovrano della palude che si innamorò di una bellissima ninfa della foresta, ma lei rifiutò le sue avances con una risata. Una volta, dopo aver ricevuto un altro rifiuto della bella ninfa, il sovrano si arrabbiò, si infuriò e distruggiamo tutto intorno. Da una scintilla accidentale, una palude divampò e il fumo del rosmarino selvatico bruciato fu trasportato dal vento nella foresta dove viveva la ninfa e le inebriò la testa. All'odore del fumo, arrivò alla palude stessa, dove il signore della palude la attirava. Da allora, si ritiene che se c'è nebbia nella palude, la ninfa, dopo essersi calmata, cerca di scappare dal signore e lui lascia entrare la nebbia in modo che si perda. E se le paludi stanno bruciando, significa che la ninfa è scappata dal signore, e nella disperazione cerca di attirarla a sé. Forse per il caratteristico aroma del rosmarino selvatico era dotato di proprietà magiche. Il rosmarino selvatico è particolarmente onorato dai popoli del Nord. Secondo le antiche credenze nordiche, l'odore brillante del rosmarino selvatico allontana gli spiriti maligni. Pertanto, è stato ampiamente utilizzato dagli sciamani, sviluppando il dono della chiaroveggenza e cercando di entrare in trance. Bevevano un infuso di rosmarino selvatico prima e durante le cerimonie, inalavano il fumo dei rami in fiamme. Un fumatore speciale a base di rosmarino selvatico era un attributo obbligatorio di uno sciamano insieme a un tamburello, una cintura e un costume. Si ritiene che tale fumo influenzi non solo la psiche dello sciamano, ma anche degli altri presenti alla cerimonia, e contribuisca alla comunicazione con gli spiriti e al passaggio della coscienza ad un'altra dimensione. Anche il rosmarino selvatico era ampiamente utilizzato dai guaritori, che con esso preparavano varie pozioni d'amore. Gli infusi di rosmarino selvatico venivano usati anche dalle streghe per sbarazzarsi di gravidanze inutili.

In generale, a giudicare dalle credenze popolari, il rosmarino ha proprietà magiche per tutti i gusti. Da qualche parte si credeva che con il suo aiuto fosse possibile mandare la follia, provocare uno spirito malvagio, da qualche parte era venerato come una delle droghe d'amore più efficaci. Quindi, nelle leggende dei Carpazi, è attratto da un forte incantesimo d'amore. In Estremo Oriente esiste un'antica credenza, vagamente simile alla leggenda sulla felce, che il rosmarino selvatico sia un cespuglio magico che sa parlare, conosce tutti i segreti, compreso il luogo in cui sono sepolti i tesori. In una luna piena, può rivelare il suo segreto e portarlo al tesoro. Ma non ha mostrato il tesoro a tutti, ma solo a una vergine che avrebbe sciolto i suoi capelli e gli avrebbe portato del latte o del miele. Nel linguaggio simbolico delle piante, i fiori di rosmarino selvatico simboleggiano il coraggio e il disprezzo per la morte. Per secoli si è creduto che il rosmarino selvatico rafforzi la memoria e la lucidità mentale, migliori l'umore, protegga dalle influenze malvagie dall'esterno e dai pensieri malvagi all'interno.

Nonostante le sue proprietà velenose, il rosmarino selvatico è ancora una pianta medicinale. Poiché il rosmarino selvatico è una pianta del nord, non era noto nel mondo antico, ma sin dall'Alto Medioevo è stato menzionato come medicina negli erboristi danesi e tedeschi. Fin dall'antichità un decotto di rosmarino selvatico veniva utilizzato per curare malattie del fegato e dei reni, del cuore e dei polmoni. Per la prima volta, i medici svedesi hanno introdotto il rosmarino selvatico nella pratica medica europea: lì il decotto di fiori e giovani germogli della pianta veniva usato per curare la gotta, la bronchite, la dissenteria e le malattie della pelle. Le proprietà medicinali del rosmarino selvatico furono descritte nel XVIII secolo dall'eccezionale biologo Karl Linnaeus. Ledum è anche menzionato nei vecchi erboristi russi - dicevano che questo rimedio è "molto potente, curante il cancro, che placa il dolore e rompe il tumore". Nella regione slava orientale, il rosmarino selvatico è stato usato come medicinale sin dal XVIII secolo - i primi scienziati russi lo chiamarono "erica puzzolente". A quel tempo, in Russia fu persino pubblicato un libro intitolato "Sui benefici dell'erica puzzolente". Tra le persone, il rosmarino selvatico è una droga preferita, è stato a lungo considerato una panacea, utilizzato per quasi tutte le malattie, e durante eventuali epidemie per la prevenzione, hanno certamente bevuto il tè al rosmarino selvatico.

Rosmarino selvatico di palude nelle vicinanze del lago Kampyurku. (Foto: Oleg Mirofanov)

Popoli diversi hanno le loro peculiarità nell'utilizzo del rosmarino selvatico: nella Repubblica dei Komi, il rosmarino selvatico viene trattato con un'eccessiva dipendenza da bevande forti, una tintura della pianta viene aggiunta a una bevanda, in modo che una persona abbia un'avversione all'alcol. In Transbaikalia, in Siberia, il catrame è prodotto con rosmarino selvatico, che viene usato per trattare l'eczema mescolandolo con panna acida. Ledum è utilizzato anche in altri paesi. Ad esempio, in Francia, l'estratto vegetale viene aggiunto a unguenti e gel contro le malattie della pelle. In Bulgaria, la tintura calda di fiori di rosmarino selvatico è molto popolare, è usata per trattare la colecistite. Gli indiani del Nord America usano il rosmarino selvatico come spezia, immergono la carne in un decotto dei suoi germogli, bevono un inebriante infuso di rosmarino e masticano le sue foglie fresche.

Non sorprende che il rosmarino selvatico sia una pianta medicinale popolare, poiché la sua composizione è unica. Tutte le parti della pianta contengono una grande quantità di tannini, acidi organici, vitamine, arbutina glicoside, flavonoidi. Il componente principale del rosmarino selvatico è l'olio essenziale, che include iceol, palustrol, cimene, geranile acetato e altri componenti che hanno un sapore amaro e un odore balsamico. La maggior quantità di olio essenziale si trova nelle foglie giovani nella fase di fioritura della pianta. È vero, la composizione chimica del rosmarino selvatico di palude, e in particolare il contenuto del suo principale ingrediente attivo - il ghiaccio nell'olio essenziale, ha una variabilità chimica pronunciata a seconda della regione di crescita. La composizione qualitativa dell'olio essenziale di rosmarino di palude raccolto in Europa è praticamente la stessa, mentre le popolazioni della Siberia e dell'Estremo Oriente sono eterogenee nella composizione degli oli essenziali.

L'olio essenziale di rosmarino è un farmaco efficace che fa bene ai crampi, allevia l'infiammazione e aumenta la resistenza dei tessuti dello stomaco, allevia attivamente gli spasmi e può essere un buon rimedio per il raffreddore. L'unguento all'olio di Ledum è prescritto per il trattamento di ferite, ustioni, lenisce anche il prurito della pelle con punture di insetti. Nella medicina ufficiale, l'erba di rosmarino selvatico viene utilizzata per l'enterocolite, sotto forma di tinture viene utilizzata per le malattie respiratorie nella bronchite acuta e cronica come vasodilatatore, ammorbidente per la tosse (farmaco antitosse "Ledin", "Breast collection No.4"), come diuretico, disinfettante e antisettico... I preparati a base di Ledum sono usati per diabete, reumatismi, ittero (ma a causa del fatto che la pianta contiene sostanze velenose, il trattamento con mezzi a base di rosmarino selvatico dovrebbe essere concordato con il medico, poiché la pianta può causare gravi danni al corpo, e in nessun caso il suo dosaggio non può essere superato).

Ledum è utilizzato anche nella pratica veterinaria. In particolare, viene aggiunto all'alimentazione animale per malattie epidemiche. A proposito, nonostante la sua tossicità, il rosmarino di palude nella tundra e nella taiga serve come un aiuto significativo per nutrire le renne selvatiche, ma le capre e le pecore domestiche sono state avvelenate dopo aver mangiato questa pianta. Brodo, infuso, polvere, fumo di rosmarino selvatico: un rimedio provato per lo sterminio di zanzare, tarme e cimici, nonché per espellere fastidiosi roditori. Insieme al catrame, l'olio essenziale di rosmarino selvatico può essere utilizzato nella lavorazione della pelle, può essere utilizzato nella saponeria e nella profumeria, nonché nell'industria tessile come fissativo.

Infine, tutti i tipi di rosmarino selvatico sono buone piante di miele. È vero, danno una piccola raccolta di miele, inoltre, il miele di ledum è velenoso (il cosiddetto miele "ubriaco"), non può essere mangiato senza bollire. Quindi la morbidezza del rosmarino selvatico è benefica solo per le api stesse..

Il rosmarino selvatico è stato introdotto nella cultura dalla metà del XVIII secolo. La prima menzione di questo genere nei cataloghi del Giardino Botanico di San Pietroburgo risale al 1736 e, forse, fissa la crescita di Ledum palustre L. sul territorio del Giardino Aptekarsky allo stato selvatico. In cultura questa specie è molto difficile, ma con il giusto approccio può essere utilizzata per decorare parchi e giardini di erica, dove può vivere per più di 30 anni..

Nella Riserva Naturale dell'Altai, il rosmarino selvatico di palude è una specie comune nella parte inferiore della fascia alpina. Raramente trovato nelle cinture del Chern e della steppa della foresta. Cresce in quasi tutte le aree floristiche della riserva, ad eccezione di Yazulinsky, ad altitudini di 700-2.300 m sul livello del mare, e in aggiunta alle vicinanze del cordone Baigazan.

Ricercatore della Riserva Naturale dell'Altai Miroslava Sakhnevich.