Fito-lampade (fito-lampade) - lampade per piante e illuminazione di piantine

L'inverno è un periodo sfavorevole per le piante d'appartamento. Le ore diurne sono ridotte al minimo e il tempo non è felice con le giornate di sole.

In queste condizioni la fotosintesi, base della vita di una cellula verde, rallenta e i nostri "animali domestici in vaso" difficilmente riescono ad arrivare all'estate.

Non puoi sognare di coltivare piantine forti durante questo periodo, se non ti prendi cura dell'illuminazione artificiale dei letti.

Come aiutare le piante a evitare la fame di sole e quali innovazioni in questo settore offre la moderna tecnologia di illuminazione, parleremo in questo articolo..

Quale luce artificiale è migliore?

È possibile fornire alle piante un flusso di fotoni necessario per il normale sviluppo con l'aiuto di sorgenti luminose artificiali. Alla fine del secolo scorso, la risposta alla domanda su quale lampada per piante fosse migliore è stata risolta semplicemente. C'erano solo due tipi di apparecchi di illuminazione: lampade a incandescenza e lampade fluorescenti. I primi non sono adatti per serre da interni e piantine in crescita. Il loro spettro di radiazioni è tutt'altro che solare e la maggior parte dell'energia (95%) viene spesa per generare calore.

Le lampade fluorescenti sono più redditizie a questo proposito. Sono molte volte più economiche e creano un flusso luminoso più potente da un kilowatt di energia consumata. La composizione spettrale della loro radiazione è vicina a quella del sole. Per questo vengono chiamate "lampade fluorescenti".

Oggi non è facile scegliere una lampada per illuminare le piantine, poiché il mercato si è rifornito di nuovi tipi di lampade. Nonostante la significativa differenza di design, tutti questi dispositivi sono chiamati phytolamps..

Qual è la differenza fondamentale tra un phytolamp e le tradizionali sorgenti di luce artificiale? Il fatto che generi fotoni non in un'ampia, ma in una ristretta gamma di colori, più favorevole per la fotosintesi.

È stato stabilito sperimentalmente che lo spettro blu dello studio stimola la crescita delle piante e quello rosso avvicina l'inizio della loro fioritura e accelera la maturazione dei frutti (grafico n. 1).

I fitolampi per piantine sono progettati in modo da non creare radiazioni dannose per le cellule verdi (ultravioletti e infrarossi), ma allo stesso tempo generano attivamente fotoni nelle regioni spettrali del rosso e del blu.

Le fito-lampade rosse (il loro bagliore è visivamente percepito come rosa) sono progettate per illuminare le piante in fase di fioritura e fruttificazione. Quelli blu stimolano la crescita della piantina e lo sviluppo del suo apparato radicale. Nella progettazione della maggior parte dei phytolamps, il bagliore blu e rosso sono combinati, il che li rende fonti universali di luce artificiale.

Raccomandazioni per l'installazione di phytolamps

Per ottenere piantine forti e svernamento di successo delle piante da interno, è necessario conoscere le regole per l'utilizzo di questi dispositivi:

  • La luce dovrebbe essere diretta in modo simile al sole (dall'alto verso il basso).
  • La distanza ottimale dal phytolamp alle piante è di 25-40 cm.
  • Per un'illuminazione di 1 m2, la potenza del dispositivo deve essere di almeno 70 W..
  • In inverno, la durata naturale delle ore diurne deve essere aumentata di 4-5 ore a causa dell'illuminazione artificiale.
  • Le piantine necessitano di illuminazione 24 ore su 24 per i primi 3-4 giorni dopo la germinazione. Successivamente, la durata della retroilluminazione viene ridotta (prima a 16 e poi a 14 ore al giorno).

Tipi di fitolampi

Come abbiamo già detto, le lampade fluorescenti hanno iniziato ad essere utilizzate prima di altre per illuminare piante e piantine da interno. Oggi i produttori hanno imparato a modificare il loro spettro luminoso nell'intervallo ottimale per la fotosintesi..

Le qualità positive di questi dispositivi sono il prezzo contenuto, l'elevata resa luminosa e l'efficienza energetica. I punti deboli includono una bassa risorsa (non più di 10.000 ore) e una rapida diminuzione dell'intensità della luminescenza con il "invecchiamento" della lampada. Considerando ciò, questo tipo di apparecchi di illuminazione è più redditizio da installare nelle serre per l'illuminazione supplementare a breve termine (3-4 settimane) di piantine situate su una vasta area..

Le lampade fitoluminescenti generano una luce rosa-lilla. È dannoso per la vista e può causare mal di testa. Pertanto, nelle aree residenziali dovrebbero essere utilizzati con uno schermo riflettente a specchio..

Phytolamps a risparmio energetico (governanti)

Un tipo moderno di lampade fluorescenti. Si differenziano dai loro predecessori per le dimensioni compatte, la lunga durata (15.000 ore), la presenza di uno starter integrato e una comoda base "lampada" di tipo e27.

Tuttavia, i coltivatori di fiori esperti non sono contenti di loro. Preferiscono le lampade fluorescenti lineari.

Spiegano la loro scelta con il fatto che le "governanti" hanno un'emissione luminosa inferiore a causa di un tubo di vetro strettamente attorcigliato (effetto autooscurante).

Phytolamps di sodio

Economico, durevole, caratterizzato da elevata potenza e stabilità del flusso luminoso. Il bagliore giallo-arancio che generano è benefico per le piante e non irrita gli occhi. Pertanto, questo tipo di illuminazione può essere utilizzato non solo nelle serre, ma anche negli appartamenti. Per uso domestico (illuminazione supplementare di piantine e fiori sul davanzale della finestra), è sufficiente una lampada con una potenza non superiore a 100 W.

Nelle stanze dove non c'è luce solare, le lampade al sodio vengono utilizzate insieme a lampade fluorescenti (marchi LB o LBT).

Gli svantaggi di questo tipo di lampade includono l'alto costo dei reattori. Quando si utilizzano lampade al sodio, è necessario fare attenzione, poiché i loro flaconi diventano molto caldi (fino a + 300 ° C) e possono esplodere se gocce d'acqua colpiscono la superficie.

Lampade a induzione

In base al principio di funzionamento, sono simili a quelli luminescenti (una scarica elettrica in un tubo di vetro avvia il bagliore di un fosforo). Differiscono in modo significativo nel design. La lampada a induzione non ha elettrodi interni, il che aumenta notevolmente la sua durata (almeno 60.000 ore). In termini di 12 ore di funzionamento, si tratta di circa 20 anni..

La luminosità della lampada con una bobina di induzione diminuisce nel tempo al minimo (circa il 5%). Non ha paura degli sbalzi di tensione e non lampeggia durante il lavoro. L'assenza di forte riscaldamento del bulbo consente di posizionare lampade ad induzione in prossimità delle piante, aumentando l'intensità luminosa.

La loro resa cromatica è il più vicino possibile allo spettro della luce solare. Pertanto, le lampade a induzione possono essere utilizzate senza combinarle con altre sorgenti di phytolight. Il principale svantaggio di queste lampade è il costo elevato..

Phytolamps LED

Durante la creazione di fito-lampade, i progettisti non hanno trascurato i LED. Hanno molti vantaggi importanti. Consumando un minimo di energia, i LED generano potenti radiazioni. La sua composizione spettrale è selezionata abbastanza semplicemente (installando un certo numero di diodi blu e rossi).

Le lampade a LED per piante si differenziano dalle altre fonti di fito-luce con una lunga durata (circa 50.000 ore) e caratteristiche di radiazione stabili che dipendono poco dal periodo e dalle condizioni operative. Il riscaldamento del modulo LED è basso, il che elimina il rischio di ustioni dell'impianto. Posizionamento compatto in una unità con la lampada ballast, l'uso di una base "lampada" standard semplifica e riduce il costo del loro utilizzo come retroilluminazione.

Caratteristiche principali delle lampade vegetali

Sulla confezione delle phytolamps, i produttori indicano caratteristiche, molte delle quali non contengono informazioni utili per l'utente..

Si consideri ad esempio la marcatura di un fitolampada ad induzione:

  • Potenza 60 W..
  • Flusso luminoso 4800 lm (lumen).
  • Efficienza energetica 30-40 lm / w.
  • Temperatura colore 2000 / 7000K.
  • Resa cromatica 80 Ra.
  • Stabilità del flusso luminoso 90%.
  • Vita utile 100.000 ore.

Di queste sette caratteristiche, solo una è necessaria per calcolare l'illuminamento: il flusso luminoso in lumen. È possibile effettuare una valutazione economica della qualità di un dispositivo in termini di potenza, efficienza energetica e durata. La temperatura del colore e la resa cromatica sono quantità che non appartengono alle piante, ma caratterizzano le caratteristiche della percezione visiva dell'occhio umano.

Per coloro che vogliono "rompere" il loro cervello, comprendendo le caratteristiche spettrali di phytolight, i produttori suggeriscono di valutare un altro parametro - PAR (PAR). È un indicatore della radiazione fotosinteticamente attiva della lampada. Indica la frazione di radiazione che viene assorbita in modo ottimale dalle piante (negli spettri blu e rosso). Ti consigliamo di non complicarti la vita, ma di fidarti di marchi di fiducia e acquistare i loro prodotti.

E ora rispondiamo alla domanda più importante: quante fito lampade sono necessarie per creare un'illuminazione sufficiente per il normale sviluppo di piantine da giardino e piante d'appartamento. La maggior parte dei nostri amici verdi richiede un livello di illuminazione di 8.000 lux (lx). Le lampade indicano un valore diverso: il flusso luminoso in lumen (lm). Il collegamento tra loro è semplice: l'illuminamento è pari al flusso luminoso diviso per la superficie.

Ad esempio, prendiamo lo stesso fitolampada a induzione da 60 watt. Genera un flusso luminoso di 4.800 lumen (lm). Diciamo che abbiamo installato fito-lampade con riflettore ad un'altezza di 30 cm dalle piantine, come consigliato dagli esperti nella coltivazione di piante domestiche. 30 centimetri di distanza ridurranno la potenza del flusso luminoso di 1,3 volte e sarà 4800 / 1,3 = 3692 lm.

Supponiamo ora che la scatola della piantina abbia una superficie di 1 m2. Per illuminare una tale piantagione, sono necessari 8.000 lux x 1,0 m2 = 8.000 lumen.

Una lampada a induzione (60 W) con riflettore a una distanza di 30 cm dalla pianta produce un'emissione luminosa di 3.692 lumen. Non è difficile calcolare il numero richiesto di corpi illuminanti: 8.000 / 3.692 = 2,16. Arrotondare a un numero intero e ottenere 2 lampade.

I produttori di phytolamps e apparecchi di illuminazione stanno cercando di semplificare il problema della scelta per gli acquirenti. Nelle caratteristiche dei loro prodotti, indicano l'area di illuminazione consigliata in m2.

Prezzi indicativi per phytolamps e lampade

Il costo medio (per il 2016) di un phytolamp luminescente da 36 W Osram Fluora, popolare tra i floricoltori, è di 700-900 rubli. Una lampada dotata di tale lampada può essere acquistata per 4.000-4.500 rubli.

Una lampada a diodi a emissione di luce (LED) della stessa potenza, progettata per l'illuminazione di 1 m2, può essere acquistata per 2000-3300 rubli. Il prezzo più alto di una lampada a LED in questo caso non è un argomento contro l'acquisto, poiché per un'illuminazione equivalente della stessa superficie (1m2) dovrai acquistare 4 lampade fluorescenti.

Poiché la lampada a LED è più adatta per l'illuminazione spot, è più vantaggioso acquistare un dispositivo di illuminazione lineare per piantine in crescita. Ad esempio, possiamo nominare una lampada a LED sigillata Solntsedar-P Fito con una potenza di 40 watt. Il suo prezzo approssimativo è di 6400 rubli. Con una lunghezza di 1,25 metri, fornisce la quantità di luce necessaria per piantine su un'area di 1 m2 (in completa oscurità).

Il costo medio di una lampada al sodio reflusso (Reflax) con una potenza di 70 W (5.700 lumen) è di 1.000-1.200 rubli. Per un'illuminazione di alta qualità di 1 m2 di piantine, saranno necessarie due di queste lampade. Completo di una lampada, puoi acquistarlo per 5000 rubli..

Il prezzo approssimativo di una lampada a induzione da 80 W (6.500 lumen) dotata di una base standard (e27) è di 5.300-6.200 rubli. Completo di una lampada, una lampada del genere può essere acquistata per 9.000 rubli.

Realizzare una fito-lampada con le tue mani

Un artigiano domestico può realizzare un phytolamp per le piante con le proprie mani. Il modo più semplice è lavorare con i LED, selezionandoli in base a due parametri: colore e potenza.

Per assemblare il modello più semplice di un design fatto in casa, avrai bisogno di elementi da 3 Watt nella seguente proporzione:

  • blu - 4 pezzi (lunghezza d'onda 445 nm);
  • rosso - 10 pezzi (660 nm);
  • bianco - 1 pz;
  • verde - 1 pezzo.

I LED sono montati incollando grasso termico su una piastra del dissipatore di calore in alluminio. Dopo l'installazione, vengono collegati in serie con fili mediante saldatura e collegati a un dispositivo di zavorra (driver) adatto alla forza di corrente.

Sul retro del radiatore, una ventola è collegata dall'unità di sistema del computer.

Come scegliere un phytolamp per le piante

Ora, alla fine dell'inverno, quasi tutte le case hanno finestre illuminate dalla luce rosa dei fitoolampi. A febbraio, molti giardinieri hanno iniziato a coltivare piantine e le brevi ore diurne li fanno cercare opzioni retroilluminate. Non puoi coltivare piantine forti senza un phytolamp, ma non tutta l'illuminazione aggiuntiva darà il risultato desiderato. Considera quali fitolampi per piante sono adatti solo per le serre, quali possono essere usati per le piantine, come sceglierli correttamente e come usarli nel modo più efficiente possibile.

Soddisfare

  • Come scegliere una fitolmap per piantine
  • Quale dovrebbe essere il rapporto tra i colori nello spettro del phytolamp
  • A che distanza posizionare il phytolamp dalle piantine
  • Come calcolare l'illuminazione

Come integrare correttamente le piantine

Quando si sceglie un fitolamp per piantine, è più facile decidere la sua forma. Tutto è semplice qui. Se i vasi con piantine in fila si trovano su uno scaffale di un rack speciale, o su un davanzale, o su un'altra superficie stretta e lunga (e le piantine vengono solitamente coltivate in questo modo), è necessario un fitolampo lineare.

A volte le file di piantine sono integrate con due lampade di base (o più).

È più difficile decidere sulla scelta della sorgente luminosa. Il significato di illuminazione supplementare è che le lampade di illuminazione artificiale sono tali che, prima che la luce del giorno inizi o alla fine di essa, sostituiscono la luce solare alle piante, che consiste in onde di diversi colori e diverse lunghezze. Per la crescita e lo sviluppo delle piante, i colori rosso e blu dello spettro sono i più importanti, quindi non tutte le lampade sono adatte alla coltivazione di piante..

Il fito rosa è semplicemente efficiente dal punto di vista energetico in quanto non esiste uno spettro aggiuntivo. Per le piante, 100 watt di rosa sono paragonabili a 200 watt di bianco, ma per te sono due volte più economici..

Le lampade a incandescenza sono la scelta peggiore per illuminare piantine e piante in generale. Lo spettro di emissione delle lampade ad incandescenza è principalmente limitato allo spettro del giallo e del verde; non c'è blu in esso. Il secondo problema è che gran parte dell'elettricità di queste lampade viene convertita in calore. Dobbiamo allontanarli il più possibile dalle piante, da questo il già basso rendimento dell'illuminazione aggiuntiva diminuisce ancora di più. Le piante che sono cresciute sotto una lampada a incandescenza convenzionale sono facilmente riconoscibili: sono attratte dalla luce e sono sempre eccessivamente allungate.

Con le lampade fluorescenti, al contrario, il blu predomina nel loro spettro, ma emettono poca luce nelle aree rosse e arancioni, e le piantine rosse sono ancora necessarie (e le piante da interno sono semplicemente necessarie, soprattutto esotiche tropicali come i limoni e il caffè).

A volte nelle serre combinano "apparecchi" a luce fredda e lampade ad incandescenza che riscaldano l'aria.

Phytolamps LED

Negli ultimi anni, la popolarità dei phytolpamp che utilizzano i LED è aumentata. Per molto tempo sono stati considerati "buoni, ma costosi", ma alcuni anni fa i LED sono diminuiti drasticamente. Lo spettro di tali fito-zampe include sia il blu che il rosso, sono chiamati bicolore. Uno spettrogramma è solitamente posizionato sulla confezione, che mostra la lunghezza d'onda sia nello spettro blu che in quello rosso. La lunghezza d'onda ottimale per le piantine è:

  • nello spettro blu - 440-450 nm,
  • nello spettro rosso - 650-660 nm.


A FORUMHOUSE, la questione del rapporto di prestazione per l'illuminazione supplementare di piantine e per l'illuminazione di giardini d'inverno è stata discussa per diversi anni. Sembra che ora questa domanda sia terminata e l'immagine ottimale assomigli a questa:

Il rapporto tra i colori nello spettro del phytolamp

Applicazione

Blu 2, rosso 5

Integrare piante in serre e giardini d'inverno per tutta la loro vita. Una grande quantità di rosso stimola la crescita della massa verde, accelera e facilita la fioritura, aumenta la produttività.

Blu 1, rosso 4

Fornisce una rapida germinazione e fioritura, ideale per forzare i bulbi.

Blu 1, rosso 1.

Per la coltivazione di verdure e ortaggi a foglia verde. Il colore rosso nello spettro garantisce la rapida crescita della massa verde, il blu inibisce la fioritura e aumenta la massa radicale.

Blu 3, rosso 1

Per la coltivazione di piantine di pomodori e peperoni. A causa dell'alto contenuto di blu, il sistema radicale si sviluppa e la crescita della massa verde viene inibita. Le piantine sono tozze, con internodi corti. Tali lampade vengono utilizzate anche per rallentare l'estrazione delle piantine..

Il significato dei colori dello spettro per le piante

Sebbene il blu e il rosso siano i colori principali nello spettro per la normale crescita e sviluppo delle piante, altri colori nella gamma da UV-C (370-410 nm) a NIR-A (700-780 nm) sono importanti a modo loro. Per risolvere con successo i problemi della coltivazione di piantine e piante da appartamento utilizzando i fitolampi, è necessario sapere come le diverse parti dello spettro li influenzano..

  • UV-C (370-410 nm) aiuta nella produzione degli ormoni di cui la pianta ha bisogno per vivere; promuove lo sviluppo della massa verde e dell'apparato radicale.
  • Blu (410-480 nm) - in questo colore la pianta sviluppa un apparato radicale, acquisisce resistenza al gelo, produce carotenoidi e accumula massa verde;
  • Il blu e il verde (480-565 nm) fanno parte dello spettro visibile all'occhio umano. È necessario per i livelli inferiori di foglie e il fusto della pianta. Le foglie pallide del livello inferiore segnalano che non c'è clorofilla in esse, e quindi non ci sono blu e verde nello spettro della sorgente luminosa;
  • Giallo e arancione (565-625 nm): in questa parte dello spettro, il processo di fotosintesi viene accelerato nelle piante, le foglie vengono rafforzate, le piante producono beta-carotene;
  • Il rosso e l'IR-A (625-780 nm) sono necessari per la maturazione dei frutti, ma scoppiare con questi colori nello spettro della sorgente luminosa può diventare fatale per la pianta e portare a surriscaldamento, caduta di infiorescenze e lo stesso allungamento. Per la maggior parte, il rosso e l'IR sono vitali per la maturazione dei frutti.

Il vantaggio principale delle sorgenti LED è che puoi creare qualsiasi spettro da esse, impostare qualsiasi modalità e controllarle. Qui è importante non commettere errori con la potenza del diodo. Vengono venduti diodi con una potenza di 1 W, 3 W o 5 V ed è preferibile 3 W per le piantine: 10-20 di tali lampade vengono utilizzate per illuminare un metro quadrato di piantine.

Per un'illuminazione aggiuntiva, sono necessari 10-20 di essi per metro quadrato con una distanza dalle piantine non superiore a 10-15 cm. O per tutte le tue porte lunghe da 2 m2 4-8 (che sono 36 W ciascuna), con la stessa distanza dal foglio. Puoi fino a 20 cm, vedere lo stato delle piante.

L'utente FORUMHOUSE Lift, grande esperto nel tema dell'illuminazione supplementare delle piantine, ha derivato empiricamente la formula:

Come calcolare la distanza dalle piantine

L'illuminazione è calcolata come segue: è inversamente proporzionale al quadrato della distanza dalla lampada alla superficie, e se sposti la lampada, che era appesa a 25 cm dalle piantine, di 50 cm, l'illuminazione diminuirà di 4 volte. Anche l'angolo della lampada è importante qui: puoi fare un'analogia con il sole, che splende più luminoso allo zenit che sospeso all'orizzonte. È necessario regolare la distanza del fitolamp, controllando il benessere delle piantine, ma questo è un bel tavolo da lavoro:

Distanza dalle piante

Copertura dell'area (diametro)

In media, si consiglia di integrare le piantine con fitolampi per 8-13 ore al giorno. Per garantire che tutta la luce arrivi a destinazione, la pellicola viene incollata sulle lampade.

conclusioni

Nei climi della maggior parte delle regioni russe, è necessaria un'illuminazione supplementare sia per le piantine che per le piante da interno. Per le piantine, i colori blu e rosso dello spettro sono principalmente importanti. Le lampade a LED ti permetteranno di selezionare lo spettro desiderato e selezionare la modalità ottimale.

Puoi creare un fitolamp per piantine con le tue mani e un tale dispositivo sarà molte volte più economico di uno acquistato. A FORUMHOUSE, abbiamo spiegato in dettaglio come realizzare un phytolamp economico con le nostre mani. Impara come piantare correttamente piantine in serre e OG. Partecipa alla discussione su fito lampade, lampade ad incandescenza e LED per l'illuminazione di piante. Guarda un video su come indurire e nutrire correttamente le piantine adulte.

9 consigli su come scegliere il fitolampada LED giusto per le piantine

Aggiunta di un articolo a una nuova raccolta

Nel nostro clima rigido, quando può nevicare a maggio e il sole è un ospite raro, le piantine che molti giardinieri coltivano sui davanzali delle finestre potrebbero non sopravvivere fino alla primavera. Phytolamp aiuterà a mantenere la forza delle giovani piante nella stagione fredda..

In questo articolo, risponderemo alla domanda, perché le lampade a LED sono così buone rispetto ai loro predecessori: lampade al sodio e fluorescenti, e anche qual è il loro vantaggio rispetto ai moderni dispositivi di illuminazione a risparmio energetico.

Vantaggi delle lampade a LED:

  • risparmio energetico,
  • durevolezza,
  • compattezza,
  • contenuto nel flusso luminoso di spettri utili per le piante che accelerano la fotosintesi.

1. Decidi la forma del phytolamp

Se hai un davanzale, un tavolo, una lunga mensola, scaffali, allora, ovviamente, è più conveniente acquistare un phytolamp lineare. Illuminerà in modo uniforme piantine o fiori piantati in una lunga fila. Se i fiori si trovano su un supporto a raggio, è necessario evidenziare un albero in miniatura o una piccola area sul tavolo, è meglio usare un phytolamp di base.

2. Controllare lo spettro dei diodi nel phytolamp

È noto che le piante hanno bisogno della luce solare, che consiste in diverse lunghezze d'onda e colori, per crescere e svilupparsi. In primavera, durante il periodo di crescita delle piantine, quando non c'è abbastanza luce solare, vengono solitamente utilizzate lampade di illuminazione artificiale per integrare le piante. Tuttavia, il loro spettro di emissione è limitato e si verifica principalmente nei settori dei colori giallo e verde. Inoltre, le lampade a incandescenza consumano molta elettricità. Le lampade fluorescenti e moderne a risparmio energetico sono più economiche, ma emettono poca luce nelle regioni spettrali rosse e arancioni. E le piante rispondono bene alla crescita in risposta ai colori blu e rosso..

Questa combinazione ottimale di colori è stata ottenuta quando si utilizzano i LED nelle lampade phytolamp. Pertanto, queste sorgenti luminose sono chiamate bicolore. Per scegliere la lampada giusta, è necessario guardare il cosiddetto spettrogramma (vedere la Figura 1). Si trova anche sulla confezione della lampada stessa. Lo spettrogramma dovrebbe avere picchi nei settori blu e rosso dello spettro. Nel settore blu, la lunghezza d'onda ottimale per le piantine è 440-450 nm e nel settore rosso - 650-660 nm. Se gli indicatori spettrali deviano fortemente in entrambe le direzioni, non dovresti acquistare una lampada del genere, poiché onde di lunghezza diversa sono inefficaci per le piantine.

3. Distinguere tra la potenza reale e quella nominale del diodo

I diodi sono disponibili in diverse potenze: 1W, 3W o 5W. Per le esigenze della "serra domestica" le più adatte sono le lampade emettitrici con lente primaria, che diffondono la luce con un angolo di 120 gradi. Una lampada da 3 W con il corretto rapporto tra luce emessa e calore è considerata ottimale..

Per non essere confusi con la scelta di una lampada, è necessario distinguere tra i concetti di potenza nominale e reale. Scopriamo cosa significano. La potenza nominale è la potenza alla quale il diodo opera al suo limite massimo. Ciò significa che la "vita" del diodo sotto un tale carico sarà breve. Per far durare più a lungo i diodi, sono "alimentati" dalla metà della loro potenza, cioè un diodo da 3 W in realtà "mostrerà" 1,5 watt. Questo è il suo vero potere. I produttori che si rispettano di lampade a LED sono tenuti a indicare queste informazioni sui loro siti web (vedi Figura 2).

4. Calcolare correttamente la potenza dei LED nella lampada

Come calcolare la potenza totale dei LED? Quanti diodi dovrebbero esserci in una lampada? La risposta a queste domande dipende dalla tua situazione specifica. La cosa più importante nella scelta è il rapporto tra il diodo e il radiatore (maggiori informazioni al punto 6).

La formula per calcolare il numero di diodi è abbastanza semplice: M = K × M1, dove M è la potenza totale della lampada (W), K è il numero di diodi e M1 è la potenza di un diodo. Tuttavia, non tutti i produttori sono estremamente onesti con i propri clienti. Colmare il divario di conoscenza per evitare di cadere nell'esca.

Supponiamo che tu abbia scelto una lampada da 54 W con 18 diodi di Aliexpress, dove il produttore afferma che la potenza di ciascun diodo è di 3 W. Se misurato con un wattmetro (un dispositivo per misurare la potenza dei dispositivi collegati), risulta che produce 11 W.

Va tenuto presente che il diodo non può funzionare al massimo per molto tempo! Quindi, contiamo: dividiamo 54 W per 18 diodi, otteniamo 3 W per ogni diodo, che funziona a pieno! Ma questo non può essere! Tuttavia, si paga per 54 watt di potenza nominale e 27 watt di potenza reale (vedere le informazioni sopra). In realtà, produce 11,6 watt. È lontano da 27 watt.

L'uscita reale del diodo è la metà della potenza. Quindi se prendiamo 1,5 W della potenza di ciascun diodo e la moltiplichiamo per 18 diodi, allora otteniamo che questa lampada dovrebbe essere composta da almeno 27 diodi, e non 18, come in realtà è. Imbrogliare? No, è solo che ci sono diodi di potenza inferiore, cioè con una potenza di 1 W, che lavorano la metà della loro potenza. I produttori, ovviamente, non ne scrivono..

Ma come è successo? Prendiamo 11,6 watt di potenza reale dalla presa, dividendoli per 18 diodi. E otteniamo 0,64 W! Cioè, 0,64 W è circa la metà di 1 W..

Ora prendiamo la lampada Minifermer.ru. Il pacchetto dice che la lampada è composta da 12 diodi con una potenza di 3 W - in totale, questo è 36 W, cioè la potenza reale dalla presa dovrebbe essere 15-18 W. E c'è!

Ciò significa che la lampada contiene esattamente 3 W diodi! Funzioneranno a lungo e otterrai buoni risultati. Quindi nelle informazioni per la lampada, sia la potenza nominale che quella reale.

5. Considera l'area del radiatore

Il radiatore è un corpo in alluminio, che si trova in un cerchio nelle lampade da seminterrato, oppure, se si tratta di una lampada lineare, l'intero corpo è il radiatore. Nella Figura 3, il radiatore è indicato dalle frecce.

Il radiatore è progettato per dissipare il calore generato dai diodi. Pertanto, il volume del radiatore deve essere calcolato per il numero di diodi in modo che non si surriscaldino. La temperatura massima sul cristallo dei diodi non deve superare i 70-75 ° С, altrimenti si "degradano". Cioè, se ci sono molti diodi nella lampada e il radiatore è piccolo, una tale lampada fallirà rapidamente..

Affinché il phytolamp LED funzioni correttamente, il rapporto tra l'area del radiatore e il numero di diodi deve essere ben verificato. La distanza tra i diodi è altrettanto importante, cioè se c'è abbastanza spazio tra i diodi, il calore viene distribuito più velocemente. Un esempio del corretto "atterraggio" dei diodi su un radiatore è mostrato nella Figura 4.

Puoi trovare informazioni dettagliate sui fitolampi a LED dal seguente video:

6. Considerare la distanza dalla lampada all'area di illuminazione

A quale distanza dalle piante devono essere posizionati i phytolamp? La risposta a questa domanda dipenderà dalla stanza e dal numero di piante che prevedi di coltivare, nonché dalla durata delle ore diurne..

Potenza della lampada realeDistanza dalle pianteCopertura dell'area (diametro)
7-10 W20-30 cm25-30 cm
10-15 watt35-40 cm45-50 cm
15-20 watt40-45 cm85-90 cm

Affinché la lampada mantenga le sue funzioni e l'effetto di tale illuminazione non diminuisca, può essere dotata di lenti aggiuntive per restringere il fascio di luce. L'area del chiarore dipenderà dall'obiettivo scelto. Per non pagare più del dovuto per lampade extra e energia non necessaria, è meglio raccoglierle con l'aiuto di professionisti.

7. Considerare l'installazione di lenti aggiuntive

Come accennato in precedenza, i diodi hanno già una lente primaria e un angolo di esposizione di 120 gradi. Ma se appendi la lampada troppo in alto, meno luce raggiungerà le piante e sarà dispersa di più. Cioè, la luce coprirà un'area non utile. Tale uso è inefficace, ma dovrai pagare un extra per l'elettricità. L'installazione di lenti aggiuntive aiuterà a risolvere questo problema. Sono 15, 30, 45, 60, 90 gradi. La selezione della lente consentirà di selezionare l'altezza desiderata e di mantenere la potenza utile della lampada richiesta dalle piante.

8. Selezionare la lampada dello spettro desiderato

Bicolor (spettro bicolore) - lo spettro principale per dare alla pianta l'energia necessaria per la fotosintesi.
Si consiglia una lampada con questo spettro:

  • per evidenziare eventuali piante sul davanzale della finestra, sul balcone e in luoghi con una quantità minima di luce solare;
  • per la coltivazione di piantine e giovani piante;
  • per l'illuminazione supplementare di piante adulte in una stanza con sorgenti luminose aggiuntive;
  • per sostenere le piante in inverno e in condizioni di scarsa illuminazione.

Spettro completo. Si tratta di lampade bicolore con una gamma più ampia di picchi nel campo rosso e blu. Sono versatili e si adattano a molte piante. In termini di efficienza energetica e picchi di spettro, queste sorgenti luminose sono leggermente inferiori alle lampade bicolore, ma a causa della zona spettrale più ampia, consentono alla pianta di dare alla pianta un massimo di luce artificiale, simile per effetto al solare.

Esistono lampade più avanzate: si tratta di lampade a spettro completo con l'aggiunta di luce bianca. Sono adatti per l'uso in luoghi in cui le persone vivono. In apparenza, la luce di una tale lampada è bianca calda, ma contiene onde di una lunghezza utile per le piante..

Lo spettro multicolore è una lampada unica che combina luce rossa, blu, bianca calda e rossa lontana. Fornisce la massima stimolazione della fioritura e della fruttificazione in molte piante, comprese le orchidee e gli adenium, nonché una grande percentuale di luce rossa e blu per la fotosintesi durante la fase di crescita. Si consiglia una lampada con questo spettro:

  • per l'illuminazione di piante adulte;
  • stimolare la fioritura e la fruttificazione;
  • per coltivare indoor in assenza di luce solare;
  • per l'illuminazione supplementare di fiori da interni, in particolare orchidee;
  • per illuminare piante con fogliame decorativo.

Il tempo medio consigliato per l'illuminazione supplementare con phytolamp è di 13-14 ore al giorno. Queste lampade possono essere utilizzate non solo per allungare le ore diurne, ma anche per sostituirle in una stanza buia. Di notte, alle piante viene concessa una pausa, perché, come gli esseri umani, hanno un orologio biologico e hanno bisogno di "dormire" di notte.

Si consiglia di accendere peperoni, pomodori, melanzane, cetrioli da 8 a 13 ore al giorno. Colture verdi (insalate) - 8-11 ore al giorno, piante simili a rimorchiatori (sedano, ravanelli, rape) - 12-16 ore al giorno.

9. Acquista phytolamps con una garanzia

Questo è un punto molto importante. Le aziende produttrici e i rivenditori in buona fede devono rilasciare una garanzia sulla lampada. È molto importante. Acquistando una lampada da un venditore non verificato, non sarai in grado di dimostrargli che è fuori servizio non per colpa tua, ma, ad esempio, a causa di uno sbalzo di tensione. E non dappertutto si impegnerà a riparare una simile lampada. Scegli quindi lampadine a LED con almeno 1 anno di garanzia..

Alcune aziende, tra cui Minifermer.ru, offrono un servizio post-garanzia, che è anche importante. Dopotutto, se un diodo si guasta, verrà sostituito immediatamente. E non devi capire quale diodo è necessario e come saldarlo.

Se sei un avido residente estivo abituato a "preparare un carretto in inverno", occupati subito del raccolto futuro. Con le lampade dell'azienda Minifermer.ru, la mancanza di luce e calore sul davanzale della finestra non minaccia le tue piantine.

Scegliere un phytolamp per piantine

Come ogni residente estivo, è importante per me coltivare piantine forti e vitali, che in futuro soddisferanno un ricco raccolto. Come ogni residente estivo, le mie mani iniziano a prudere già in inverno, quando fuori è nuvoloso e grigio..


La ricerca conferma gli effetti positivi dello spettro blu e rosso sullo sviluppo delle piante

Come essere? Aspetta il sole? Oppure aiuta le piante con l'aiuto dell'illuminazione, soprattutto perché Internet è pieno di storie sull'effetto miracoloso dei fitolampi sulla loro crescita e sviluppo.

Un po 'di teoria

Cominciamo esaminando il problema. Chi ha inventato i fitolampi e perché la loro luce è così utile per le piante? Quello che ricordo dai tempi del liceo... ogni cacciatore vuole sapere dove è seduto il fagiano) Eppure - sembra che i colori dello spettro tutti insieme formino il colore bianco a cui siamo abituati... Internet, come sempre, è pronto a fornire qualsiasi informazione sullo studio dell'analisi spettrale e del suo effetto sulle piante.


Quello che ricordo dal liceo... ogni cacciatore vuole sapere dove si trova il fagiano)

Quantitativamente, la lunghezza d'onda della luce è misurata in nanometri (nm), da 400 in viola a 800 in rosso. La fotosintesi avviene alla luce, con l'aiuto di acqua e anidride carbonica. Lo ricordo anche dal curriculum scolastico. Allora devi solo crederci, perché non ho l'attrezzatura necessaria per i test. Ma posso attivare la logica. Perché vediamo questo o quel colore? Perché è questa parte dello spettro che il soggetto riflette. La foglia verde riflette la luce a 510-570 nm. Pertanto, il nostro occhio trasmette un segnale: "vedo verde". Si scopre che la pianta non assorbe questa parte dello spettro. E qui appare una nuova parola "fotomorfogenesi". Wikipedia spiega il termine come segue: la fotomorfogenesi è i processi che si verificano in una pianta sotto l'influenza della luce di varia composizione e intensità spettrale.

Per non ripetere ancora una volta quanto già scritto un milione di volte su Internet, mi limito a ricordare che la ricerca conferma l'effetto positivo dello spettro blu e rosso sullo sviluppo delle piante. Il blu favorisce lo sviluppo delle radici, il rosso è essenziale per la crescita di foglie e steli. Insieme ti permettono di ottenere piantine forti che non si allungano e si sviluppano correttamente. E cos'altro può desiderare un residente estivo)))

Scegliere un phytolamp per parametri

Prima di acquistare un phytolamp, ho deciso di confrontare cosa offrono i diversi negozi online e quanto.

Bellissimi grafici mostrano quanto stiano andando meglio la fotosintesi, la sintesi della clorofilla e la fotomorfogenesi. Non ho capito perché i valori di quest'ultimo saltano sul grafico solo nella regione dei 700 nm. Blu - per la crescita, rosso - per una fioritura più ravvicinata. Va bene, passerò a parametri più comprensibili: potenza, flusso luminoso, prezzo.

Per calcolare l'illuminazione, è necessario un indicatore del flusso luminoso (in lumen - lm). L'attività fotosintetica è indicata dal produttore in PAR (PAR). Qui devi solo credere a quello che è stato scritto, perché di certo non ho mai visto un dispositivo per determinare questo parametro..

Le piantine richiedono un'illuminazione di 8000 lux (lx). È per convenzionali o phytolamps? Le lampade sono contrassegnate da lumen (lm). Per calcolare l'illuminazione (lx), dividere i lumen (lm) per l'area (m²). Per illuminare 1 m2 di piantine, è necessario dividere 8000 per l'indicatore specificato nelle caratteristiche della lampada, il risultato sarà il numero di lampade per l'illuminazione di 1 m2.

Aprirò i primi siti che mi ha dato il motore di ricerca. Sceglierò lampade con parametri simili.

Il primo gruppo - punto fitolampi

È successo così che all'inizio ho prestato attenzione a individuare i fitolampi.

Illuminazione LED HTF. Phytolamp LED per piante E27 9 PLT 9W 220V SPOT (FITO)

Questa serie di lampade è composta da LED Epistar di alta qualità con una lunghezza d'onda di 460 nm (tonalità blu) e 620 nm (tonalità rossa).

  • altezza di sospensione consigliata - 1-1,2 m;
  • area illuminata effettiva - 3-3,5 m2.
  • flusso luminoso - lm 500 ± 15%;
  • consumo energetico - W 9 ± 10%;
  • numero di LED - 9 pezzi;
  • prezzo - 1220 rubli.

RDM-Garden. Phytolamp RDM-27

Ora sto leggendo: "I fitolampi RDM sono dispositivi universali per fornire l'illuminazione delle piante sia come aggiunta all'illuminazione naturale che come illuminazione principale".


Sito fotografico rdm-garden.ru

  • consumo energetico - 9 W;
  • area di illuminazione moderata - 0,27 m2;
  • numero di LED - 9 pezzi;
  • rosso 660 nm - 6 pezzi;
  • blu 445 nm - 3 pezzi;
  • prezzo - 1590 rubli.

Phytolight. Lampada LED da 21 W (analogica Diamond 7)

Quindi, guardiamo i suoi parametri:

  • illuminazione aggiuntiva dell'area - LED da 0,75 m2 (1 blu, 6 rossi), ultra luminoso;
  • consumo di energia - 7 W;
  • flusso luminoso - 1470 lm;
  • Lunghezze d'onda LED: 650-660nm (rosso), 440-450nm (blu);
  • prezzo - 1399 rubli.

Sito fotografico i01.i.aliimg.com

Non ho capito un po 'qui: una lampada da 21 W con una potenza di 7 W... mi sono ricordata di mia nonna. Spesso traduceva i prezzi "alla vecchia maniera", prima della riforma monetaria del 1961))) Forse c'è qualcosa di simile nella capacità, inaccessibile alla comprensione di un semplice acquirente?

Di conseguenza, il quadro generale per me era il seguente:

  • un riflettore in diversi negozi non differisce molto nel prezzo;
  • è progettato per una piccola area di illuminazione;
  • aiuterà solo quelle piante che rientrano in un cerchio di circa 0,3 m².

Nel nostro catalogo di prodotti per cottage estivi troverai una vasta selezione di fitolampi a punti, che include offerte di negozi online di grandi giardini. Visualizza una selezione di phytolamps:

Il secondo gruppo - fitolampi lineari

Nella forma, ricordano a tutti noi le familiari lampade fluorescenti. Solo il loro riempimento è diverso. Al posto dei vapori di mercurio - LED degli stessi colori delle fito-lampade puntiformi.

Lampada per piante a LED ultrasottile "Fito" 18W 0.9m 12V IP44 GL di HTF per 1490 rubli promette di illuminare un'area di 5-6 m2. Non importa quanto pensassi, purtroppo non avevo un'area di illuminazione così efficace.


Foto della lampada per piante LED ultrasottile "Fito" st26.stpulscen.ru

Poi mi sono imbattuto in alcuni siti incomprensibili in cui i venditori non si sono preoccupati di spiegazioni inutili, a loro avviso. E hanno solo indicato la potenza e il prezzo. Le lampade "NPO Agronomy 21st Century" sono state offerte, ma l'azienda stessa non è stata trovata su Internet. È strano. So di essere una persona eccessivamente meticolosa, ma dare un terzo della mia pensione per lampade che nessuno sa chi ha fatto e chi le ha vendute... E se si rompono?

Così è passata l'intera serata, e ancora non ho trovato dove scegliere. L'ultimo nella pagina del motore di ricerca era il sito "Yug-Service". Non speravo più di trovare qualcosa di utile. E ho guardato il sito con il pensiero: "Per oggi è tutto, cercherò e dormirò". Ma il "sonno" doveva essere rimandato di un'altra ora. Perché è stato qui che ho trovato ciò di cui avevo bisogno. Un phytolamp LED, che è la dimensione perfetta per il mio rack. E in base alle sue caratteristiche, normalmente metterà in risalto le piante sullo scaffale..

Phytolamp LED lineare per piantine in crescita LN-1200 "Fito-M", 220 V

Prezzo - RUB 2187.90 Leggo: “In una lampada non è importante solo la potenza del flusso luminoso, ma in un certo spettro! Ecco perché non dovresti prestare attenzione ai lux (Lux) e ai lumen (Lm) nelle caratteristiche delle lampade a LED. Abbiamo bisogno di un altro parametro: PAR (Photosynthetically Active Radiation), un indicatore della radiazione fotosinteticamente attiva. PAR si riferisce alla gamma spettrale della luce da 400 a 700 nm. Che è coinvolto nella fotosintesi... Sono la composizione spettrale e l'indice PAR che determinano l'efficienza di questa o quella lampada e quanto bene (velocemente) la pianta crescerà! ".


Foto del sito shop.hdm-rostov.ru

Mi piace quando un venditore non solo espone un prodotto in una finestra (anche se virtuale), ma cerca anche di spiegarne le proprietà e le qualità in un linguaggio accessibile. Risolto - ordinare questa lampada. Inoltre, è prodotto qui, in Russia, ed è offerto dal suo produttore. Puoi sempre chiarire qualcosa se hai domande.


Nel nostro catalogo troverai un'ampia selezione di phytolamps (lineari e pannelli), che comprende le offerte dei negozi online di grandi giardini. Visualizza una selezione di phytolamps:

Facciamo un esperimento

Il mio spirito avventuroso ha chiesto un'uscita - perché non sperimentare? Fai crescere parte delle piantine sotto i fitolampi e parte - sotto quelle bianche ordinarie. E in base ai risultati della coltivazione, decidi se ho bisogno di fitolamp o spendere soldi per l'utopia.

Detto fatto. Ecco il mio reportage fotografico sull'esperimento. Cosa pensi?

  • Quale fitolampo comprare per piantine in crescita sul balcone?
  • Quali fitolampi sono consigliati per un giardino di casa
  • Phytolamp da "Minifarmer": avere o non avere!?
  • Leggi tutti i commenti dall'inizio:
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4

Victor, chi lavori per Yug-Service? )
E perché hai tutti i calcoli non da test ufficiali, ma da compred in competizione??
Non convinco affatto nessuno, ma mi chiedo solo perché ti è successo all'improvviso un tale kipish? Il servizio del sud è stato improvvisamente tra gli altri, o qualcos'altro?)
I nostri specialisti lavorano con una vasta esperienza. Non ho detto niente di negativo sul servizio Sud, ho solo condiviso la nostra esperienza. E ha detto la verità sui fito-LED. Nessuna imposizione.
I prodotti Yug-service sono competitivi? Secondo te? Questo è meraviglioso! Inoltre, qui Katyusha lo conferma con la sua esperienza e anche una foto!
Hai solo distratto, apparentemente, letto o enfatizzato nel mio commento un po 'sbagliato. Leggi di nuovo le prime due frasi)) e anche l'ultima))
Non sono affatto per la pubblicità. Ho condiviso il vero lavoro della nostra selezione pratica, che inizia con i viaggi all'EXPO e termina con l'assistenza in garanzia non solo per i clienti delle persone giuridiche, ma anche per i pensionati ordinari. Raccogliamo anche recensioni.

E perché scoraggiate così attivamente le persone di OSRAM? Beh, semplicemente non è umanamente comprensibile. Molte persone hanno solo bisogno di questa lampada, credimi) Perché si giustifica da sola! L'unica lampada fluorescente economica. Le piante CRESCONO sotto di essa. Abbastanza efficace per un acquirente a basso budget. E ci sono persone che, in generale, prima hanno solo bisogno di provare, ma da un paio d'anni sono cresciute e hanno abbandonato del tutto questa attività, ecc..
O vuoi dire che mi sbaglio su qualcosa?))
E attenzione, non ho motivo di chiedere qualcosa adesso. Conosco anche la differenza tra l'efficienza dell'illuminazione a LED e l'illuminazione fluorescente. Mi chiedevo solo, cosa ti interessa di OSRAM? Basta non dirmi che sei un buon samaritano che vuole entrare in contatto con studenti "irresponsabili" di sette giorni) Non sembra vero. Soprattutto considerando quanto tempo hai dedicato alla tua risposta. Victor, non offenderti solo ora) Ma non puoi farlo qui, questa non è una campagna pubblicitaria e il pubblico è tutt'altro che stupido.
In ogni caso, ognuno sceglierà per sé ciò che è ottimale per lui. Capisci questo)
E più studenti di sette giorni condividono le loro scoperte su questo argomento, MEGLIO. Mostreranno esperimenti reali, condivideranno modelli delle loro lampade fatte in casa o acquistate, come non capisci)
E noi con te, ci vediamo ad aprile all'Expo) OK?)) E discutiamo in dettaglio lì))

Scegliere un phytolamp per piantine

I Phytolamps facilitano la cura delle piantine durante le brevi ore diurne. Le giovani piantine sono evidenziate, altrimenti non sarà possibile ottenere piante forti e sane. Per alcune colture in vaso, gli apparecchi vengono accesi quasi tutto l'anno. Pertanto, la scelta del dispositivo giusto è un compito responsabile. Considera quale fitolampo è il migliore per le piantine.

In che modo la luce influisce sulle piantine

La luce per le piante è fonte di pieno sviluppo. Solo sotto la sua influenza avviene il processo di fotosintesi, che contribuisce alla corretta formazione sia delle parti aeree della pianta che dell'apparato radicale.

Diverse parti dello spettro hanno un impatto sulle piantine. Il rosso è necessario per la germinazione dei semi e lo sviluppo verticale, la fioritura, la formazione dei frutti, senza di esso il germoglio sarà pallido e contorto. Quando questa parte dello spettro viene assorbita per 10 minuti, inizia il processo di fotosintesi, i cotiledoni diventano verdi, la pianta si raddrizza.

Riferimento. Prima dei primi scatti, l'illuminazione viene eseguita nello spettro rosso, quando i germogli compaiono - nel misto, quindi - nel blu.

I colori blu e viola contribuiscono ad aumentare la massa verde nella fase vegetativa della crescita, hanno un effetto inibitorio sulla divisione cellulare, quindi le piantine non si allungano e lo stelo si ispessisce.

Posso usare lampadine a incandescenza

L'errore più grande quando gli impianti di illuminazione sono le tradizionali lampade elettriche a incandescenza. Danno più del 90% di calore e solo il 5-6% di luce. Questa quantità trascurabile non è di alcun beneficio per la pianta perché non soddisfa i requisiti dello spettro dei colori. Le lampadine a incandescenza provocano solo ustioni, secchezza del terriccio e bollette elettriche elevate.

Requisiti per illuminazione aggiuntiva

Per la formazione di piantine sane, vengono mantenute le condizioni principali: il tempo di illuminazione aggiuntiva e la potenza del flusso luminoso in relazione alla fotosintesi. La durata dipende dalle piante specifiche: alcune accendono più tempo, altre meno. La potenza della lampada non dovrebbe danneggiare i germogli: se è intensa, è posizionata più in alto, se debole - più in basso.

Lampade troppo potenti installate ad un'altezza di 40-50 cm dalle piante funzioneranno in modo inefficace, diffondendo la luce. Pertanto, vengono utilizzati con paralumi o visiere che dirigono l'intero flusso luminoso verso scatole o vasi con piantine..

Tipi di fitolampi

L'ampia gamma di sorgenti luminose per piante è dovuta agli ultimi progressi dell'industria. Le tecnologie ti consentono di scegliere un phytolamp in base a efficienza, consumo energetico, durata.

I migliori dispositivi secondo il principio di funzionamento:

  • luminescente;
  • induzione;
  • sodio;
  • GUIDATO.

Per il tipo di spettro, i fitolampi per piantine sono suddivisi in radiazioni bicolore, multispettrali e a spettro completo.

Consiglio. Le piantine sono illuminate non solo al mattino e alla sera, ma anche durante il giorno, soprattutto se i vasi si trovano sui davanzali occidentali e settentrionali. In inverno e in autunno, questo viene fatto anche con piante sui lati meridionale e orientale..

Luminescente

Nella vita di tutti i giorni, tali dispositivi sono chiamati lampade fluorescenti, perché lo spettro che emettono crea l'illusione della luce solare. Sono stati a lungo utilizzati da giardinieri e coltivatori di fiori. I dispositivi non bruciano le piante, sono economici e sono prodotti in due tonalità: calda e fredda. Quelli caldi sono usati per formare una forte parte fuori terra delle piante e durante il periodo di fioritura, quelli freddi - per il pieno sviluppo del sistema radicale.

Svantaggi delle lampade fluorescenti:

  • breve durata (in media 3500 ore);
  • effetti nocivi sulla retina, radiazioni UV;
  • irritante influenza dello spettro blu;
  • bassa potenza, motivo per cui vengono utilizzate 2-3 lampade per davanzale.

Il costo medio di un dispositivo è di 500 rubli.

Per dare più luce alle piante, ai lati delle finestre sono installati schermi in pellicola riflettente..

Risparmio energetico

Questo tipo di lampada fluorescente ti consente di utilizzare un dispositivo senza troppi danni al tuo portafoglio per molto tempo. Costano di più (700-800 rubli), ma servono fino a 15.000 ore. I dispositivi praticamente non si riscaldano, quindi non bruciano le piante.

Biolamps al sodio

Tali dispositivi sono utilizzati in grandi complessi di serre e con bassa potenza (da 70 W) a casa. Sono costosi, richiedono condizioni speciali per l'accensione e lo spegnimento, osservando la distanza dalle piantine per escludere ustioni. Sono utilizzati attivamente dalle aziende agricole in grandi complessi di serre per aumentare la resa di colture orticole, verdi e floreali..

Il bagliore nello spettro rosso è bilanciato per la pianta, favorisce la fioritura, la formazione dei frutti, sicura e confortevole per gli occhi. Le lampade ad arco al sodio (DNaZ), ottimali per le piantine, sono dotate di un riflettore che protegge le piante dal surriscaldamento. Hanno un'elevata efficienza luminosa (fino a 150 lm / W), una durata fino a 25.000 ore e un flusso luminoso fino al 30% più lungo rispetto a quello delle lampade tubolari..

Riferimento. Alcuni modelli richiedono un adattatore speciale.

Il costo medio di un tale dispositivo è di 1000-2000 rubli.

Induzione

Il principio di funzionamento di tali lampade è simile a quelle fluorescenti, solo lo spettro è il più vicino possibile a quello solare. Tali dispositivi sono durevoli ed economici. La vita utile dichiarata dai produttori è fino a 20 anni con un uso costante. Il bulbo si riscalda leggermente, quindi la lampada viene installata vicino alle piantine senza il rischio di bruciarla.

I modelli bispettrali emettono luce nelle gamme rosso e blu, che è conveniente per illuminare le piante, ma non del tutto confortevole per l'uomo.

A causa della presenza di composti di mercurio, dispositivi come quelli fluorescenti richiedono uno smaltimento speciale. Emettono radiazioni UV e sono potenzialmente tossici se danneggiati..

Il costo dei fitolampi a induzione è il più alto - da 4000 rubli.

Agrolampade a LED

Tali dispositivi consumano poca elettricità, durano 20–25 anni, sono sicuri ed ecologici, ma il loro splendore non è del tutto confortevole per gli esseri umani. Nessuna radiazione UV nello spettro.

I LED emettono esattamente lo spettro di cui le piante hanno bisogno nelle varie fasi del loro sviluppo, ma senza un riflettore possono surriscaldare le foglie. È facile passare il dispositivo allo spettro richiesto: basta sostituire il diodo e il colore cambierà da blu a rosso. Tali lampade sono anche multispettrali, il che elimina la necessità di regolare qualcosa in esse..

Il prezzo medio di un agrolamp a LED è di 1500 rubli.

Utile! Se non è possibile integrare l'illuminazione delle piante, è meglio scegliere colture a maturazione precoce e seminare in un secondo momento..

Quale fitolampo scegliere per la coltivazione di piantine

I produttori offrono dispositivi per ogni gusto, portafoglio e richiesta.

Quando si scelgono i phytolamps, tenere in considerazione:

  • il flusso luminoso nella zona PAR (radiazione fotosintetica attiva) è la quantità di luce utile che colpisce la pianta;
  • tipo, costo, potenza;
  • scopo (per piantine, fiori da interno, serre);
  • economia, dimensioni, facilità di installazione;
  • sicurezza per persone e impianti.

Modelli popolari

La valutazione degli agrolamp è stata compilata sulla base di uno studio approfondito delle loro caratteristiche, recensioni di giardinieri e opinioni di esperti. L'elenco include solo modelli affidabili, durevoli, sicuri ed efficaci.

Uniel 10W

Questa è una piccola lampada LED a spettro completo. Il suo utilizzo garantisce la normale fotosintesi e accelera la crescita delle piantine. È adatto per l'illuminazione supplementare di piante negli appartamenti, in una piccola area. La potenza della lampada è di 10 W, il consumo energetico è molto basso. Prezzo: 550 rubli.

DNaZ "Reflax" 70 / G

La lampada da specchio al sodio da 70W dura fino a 20.000 ore. Adatto per illuminare piantine con una superficie di 1–1,5 m². Grazie ad un angolo di illuminazione di 120 °, regala uno spot luminoso ovale che ricopre completamente la superficie di piante. Lo spettro continuo garantisce la crescita e lo sviluppo delle colture. Prezzo della lampada: 1000 rubli.

"Tesoro della salute" per 16 W.

La lunghezza della fito-lampada è di 56 cm, l'altezza è regolabile da 10 a 50 cm La lampada a LED è sicura per piante e occhi umani. Il suo spettro contiene solo bianco, blu e rosso, che fornisce la corretta illuminazione per la parte verde e il sistema di radici. Ruotando attorno al proprio asse, la lampada favorisce una migliore crescita della piantina e una fioritura tempestiva. Costo: 2000 rubli.

"Bright Light Fito" WST-05

La popolarità di questa lampada è dovuta alla sua bispettralità e ai vari metodi di installazione. La lampadina a LED da 35W emette i colori blu e rosso. È installato su gambe o sospeso su un supporto speciale. Il dispositivo viene utilizzato per piantine e fiori da interno. Funziona altrettanto bene su davanzale e balcone. Prezzo: 3000 rubli.

Riferimento. I buoni fitolampi sono prodotti in Russia, Cina, Paesi Bassi.

Come realizzare un phytolamp con le tue mani

Per chi vuole risparmiare, suggeriamo di considerare la possibilità di realizzare il dispositivo a casa. Per questo avrai bisogno di:

  • Striscia LED in due colori (blu e rosso);
  • alimentatore (va bene il caricatore di un vecchio telefono cellulare);
  • profilo in alluminio o compensato.

Il nastro è incollato a un profilo o un pezzo di compensato, adatto alle dimensioni del davanzale della finestra. Collegare l'alimentazione. I fori sono realizzati lungo i bordi del profilo attraverso i quali viene infilata una corda, una corda o un filo forte e la struttura è sospesa all'altezza desiderata.

Come evidenziare correttamente le piantine

È necessaria un'illuminazione aggiuntiva per le piante durante l'intero periodo di crescita sul davanzale della finestra. Le ore diurne sono brevi per la piena formazione e sviluppo dei germogli. Inoltre, per 2/3 dell'autunno, dell'inverno e dell'inizio della primavera, il tempo è prevalentemente nuvoloso, soprattutto alle latitudini settentrionali. La luce naturale per le piantine è gravemente carente.

Che ore sono

Piante diverse richiedono lunghezze di giorno diverse. Ad esempio, i pomodori si sviluppano correttamente con almeno 15-17 ore di luce al giorno. Peperoni e cetrioli non sono così esigenti: 13-14 ore sono sufficienti per loro.

Utile! Assicurati di integrare le scatole luminose con semi seminati, in modo che si schiudano più velocemente.

In media, le piante necessitano di 8-10 ore di luce al giorno, quindi dall'autunno a metà primavera le lampade si accendono per 4-6 ore. Prima di piantare una nuova cultura, studiano le sue caratteristiche di crescita in natura. Per ottenere crescita, fioritura e fruttificazione, è importante simulare le condizioni naturali..

Come installare su un davanzale

Il posizionamento preferito dei fitolampi è in uno stato sospeso con la possibilità di regolare l'altezza man mano che le piantine crescono. LED, luminescenti, dispositivi di induzione sono posizionati da 10 a 30-40 cm sopra la superficie del suolo. Lampade incandescenti o al sodio - non meno di 50 cm A seconda dell'età delle piante, cambia anche l'altezza dei dispositivi.

Per determinare un'altezza di sicurezza, una mano viene tenuta sotto la lampada accesa. Se fa troppo caldo, le piante si sentiranno a disagio. In questo caso, il dispositivo è installato più in alto.

Conclusione

Per ottenere piantine forti e sane sul davanzale della finestra, fin dai primi giorni, vengono annaffiate, nutrite e integrate. Senza un'adeguata illuminazione, le piante si allungano, si formano deboli, fragili e non vitali. Per portare il massimo beneficio e non danneggiare le piantine, utilizzare LED, specchio ad arco di sodio, lampade fluorescenti o ad induzione. Se posti ad un'altezza adeguata, tali dispositivi non bruciano il fogliame, contribuiscono al corretto corso della fotosintesi e alla formazione di piantine sane..