Cactus comune: una foto di una pianta e tutto ciò che devi sapere al riguardo

I cactus, nonostante il loro aspetto spinoso, sono piante molto popolari. Inoltre, la loro straordinaria bellezza durante la fioritura attira gli amanti dei vasi domestici con le erbe. A molti sembra che un cactus sia noioso, anche se senza pretese, ma questa pianta ha migliaia di fan.

Ti diremo come si chiama in inglese e perché esattamente così, in quale continente e dove cresce, e se cresce in Africa, che aspetto ha e perché è spinoso, e anche velenoso o meno.

Che cos'è: un riccio verde domestico in una pentola: una breve descrizione e una succulenta o meno?

Scopriamo cosa significa il nome ea quale famiglia appartiene questa pianta. Il cactus prende il nome dalle sue caratteristiche spine: da altri greci. κάκτος significa pianta spinosa.

La famiglia delle piante dicotiledoni Cactaceae (dal latino Cactaceae) appartiene all'ordine Garofano. La famiglia comprende 150 generi e il numero di specie supera 3000. Inoltre, le caratteristiche comparative di piante grasse e cactus.

I rappresentanti del cactus sono piante grasse perenni con steli spessi, carnosi, quasi completamente a coste. Le piante grasse (che in latino significa succulentus - succulenta) sono piante perenni in luoghi asciutti, le riserve d'acqua che vengono immagazzinate nelle foglie o nei fusti (cactus - in inglese Cactus). Tuttavia, dovrebbe essere chiaro che cactus e piante grasse sono tutt'altro che la stessa cosa..

I cactus sono piante da fiore. Sarebbe sbagliato chiamarlo fiore, perché un fiore è un organo vegetale. Tuttavia, molti tipi di cactus fioriscono. La pianta ha molte proprietà e caratteristiche insolite. Ad esempio, un pigmento floreale unico, un'ampia varietà di forme e dimensioni di steli - da minuscole palline di due centimetri alle piante più alte di diversi metri.

Una caratteristica distintiva dei cactus è un organo speciale dell'areola, che è una gemma ascellare modificata con squame renali sotto forma di peli o spine.

I cactus hanno un'originale struttura floreale e frutticola: sono il tessuto del fusto. I fiori ei frutti della pianta hanno quasi sempre gemme e queste, a loro volta, appartengono allo stelo, responsabile della fotosintesi. I fiori stessi sono spesso singoli, a volte raccolti in un'infiorescenza racemosa, situata su una cefalea - una sporgenza speciale.

I cactus non sono solo steli verdi ricoperti di spine. Hanno fioriture piuttosto interessanti. I sepali si trasformano dolcemente in petali, che sono bianchi, gialli, rosa, viola, rossi e multicolori. I fiori sono molto piccoli e talvolta il loro diametro raggiunge i 20 cm.

I frutti sono simili a bacche, luminosi, con molti piccoli semi. Molti cactus sono commestibili..

Foto di fiori

Qui puoi vedere tutte le foto del cactus più bello (cactus), in vaso e all'aperto:

Legge della crescita

I cactus sono davvero piante molto modeste e belle, ma il loro svantaggio significativo è la crescita lenta. Sebbene si creda che i cactus amino il terreno asciutto e non abbiano bisogno di annaffiature frequenti, crescono meglio sotto la pioggia quando si tratta di piante selvatiche. Oltre al livello di umidità, anche la luce solare è importante per loro. Pertanto, i cactus iniziano a crescere attivamente in primavera..

È facile determinare l'inizio di questa fase, perché in molte specie vegetali si manifesta esternamente. Ad esempio, in alcuni - le punte delle spine diventano più luminose, le spine diventano più grandi, la pelle della parte superiore dello stelo acquisisce un'ombra diversa e più satura.

In inverno, il cactus attraversa un ciclo dormiente e ha bisogno soprattutto di sostanze nutritive. In primavera, la pianta inizia a fiorire, ha bisogno di più umidità, fertilizzante, molta luce e calore. La fioritura continua in estate.

Maggiori dettagli su come crescono i cactus possono essere trovati qui.

Come determinare l'età?

È impossibile determinare visivamente l'età di un cactus. Ci sono solo due modi per scoprirlo: seguirlo dal momento della semina o chiedere alla persona che lo ha coltivato. L'età di un cactus è calcolata in base ai periodi di riposo. Se, ad esempio, un cactus cresce per tre anni nelle stesse condizioni - dall'umidità alla luce, allora tutti e tre gli anni sono un anno della vita di un cactus. Se in 5 anni il cactus ha avuto un periodo di dormienza, significa che non ha 5 anni, ma solo il secondo anno (e per quanto tempo i cactus vivono a casa e in natura, leggi qui).

Quanto cresce un cactus dipende, prima di tutto, dalla specie. Alcune specie possono raggiungere diversi metri di altezza con un vaso opportunamente selezionato. Ma in ogni caso, è più facile per i cactus selvatici raggiungere la massima altezza rispetto a quelli domestici. La famosa "Regina della Notte" può raggiungere i 20 m di altezza.

Storia delle origini: dov'è la sua terra natale e come cresce in natura?

Ora su dov'è la patria dei cactus. Le prime menzioni di cactus si trovano nei giornali spagnoli nel 1535. Poi hanno iniziato a coltivarli. I cactus arrivarono per la prima volta in Europa dopo la spedizione di Colombo in America. Negli anni '30 del XVIII nelle sue opere, Karl Linnaeus descrisse 22 specie di piante, che chiamò Cactus. In questo secolo c'erano molte descrizioni e informazioni sui cactus, nacque una moda per l'allevamento di queste piante. Il loro paese di origine è considerato il Sud e il Nord America. In quale altro luogo vivono i cactus, lo diremo ulteriormente.

I cactus sono comuni principalmente in questo continente, compresi i deserti. Inoltre, i rappresentanti di alcune specie crescono in Africa, Mauritius e Madagascar, si trovano in Australia, India e nei paesi del Mediterraneo. In generale, i cactus vivono in tutti i continenti tranne l'Antartide..

Come si adatta all'ambiente?

Ora sul perché il cactus ha spine invece di foglie. Per adattarsi all'habitat, la natura ha premiato i cactus con scanalature speciali, lungo le quali l'acqua si accumula alle radici e si accumula in esse. La forma sferica facilita la bassa evaporazione dell'umidità. Le nervature sullo stelo prevengono la rottura.

La buccia spessa protegge la pianta dal calore, mentre le spine ei villi creano un'ombra protettiva. Inoltre, le spine hanno la capacità unica di attirare elettrostaticamente le goccioline d'acqua, oltre a proteggere la pianta dagli animali affamati e promuovere l'impollinazione. Il cactus non ha foglie per non sprecare preziosa umidità..

Posso tenerlo a casa?

I cactus sono stati a lungo imparato a crescere e tenere a casa in una stanza. Le piante d'appartamento non sono affatto velenose. Il massimo che possono infastidirti è pungerti con le loro spine (come non pungere un cactus e cosa fare se ciò accade, scoprilo qui).

Benefici e informazioni sulle calorie

I frutti di cactus sono ampiamente usati in cucina, perché differiscono per proprietà utili (scopri di più sui frutti e sul loro utilizzo qui). Hanno un basso contenuto calorico: solo 41 kcal per 100 grammi. I frutti commestibili sono ricchi di carboidrati (5,97 g), grassi (0,51 g) e proteine ​​(0,73 g). I cactus aiutano a combattere l'ipertensione, il diabete, l'abbassamento del colesterolo.

  • La bevanda della pianta Echinocactus Lofofora si carica di forza ed energia, è efficace per nevralgie, convulsioni e spasmi, ha proprietà emostatiche.
  • Il brodo di Opuntia ha un effetto diuretico (leggi qui su agave e fichi d'india).
  • C'è una teoria secondo cui il succo di cactus può prevenire la formazione di cellule tumorali e lo sviluppo di malattie oncologiche..
  • Il succo di cactus è anche famoso per la sua capacità di combattere la sindrome da sbornia (scopri il succo di cactus e la sua preparazione in questo materiale).
  • Il succo di frutta di cactus è un potente antiossidante, contiene un'enorme quantità di vitamina C, rallenta l'ossidazione dei grassi e previene l'aterosclerosi. Il succo di cactus viene utilizzato per prevenire malattie degenerative e legate all'età.
  • I frutti del fico d'India migliorano la circolazione sanguigna e hanno un effetto benefico sulle pareti dei vasi sanguigni, hanno un effetto antibatterico e cicatrizzante, aiutano a ripristinare il naturale equilibrio idrico e idratano la pelle.

Scopri di più sui benefici e sui danni di un cactus per gli esseri umani in questo materiale..

Cosa puoi cucinare?

Tutte le parti della pianta vengono mangiate, tranne, ovviamente, le spine. I succhi sono fatti da cactus che dissetano bene, sciroppi sostitutivi dello zucchero che possono essere usati dai diabetici.

Piatti di frutta di cactus

I frutti vengono consumati non solo crudi, ma utilizzati anche per fare marmellate, conserve, marmellate e anche condimenti. I frutti di alcune specie non hanno solo un gusto gradevole, ma anche proprietà curative. Si mangiano anche i gambi di cactus: possono essere marinati, fritti, bolliti, al forno, in umido, trasformati in insalata.

Le bevande

Non solo il succo rinfrescante e salutare è prodotto dai cactus, ma anche dall'alcol. Il "re" di questa tendenza è il fico d'India, diffuso in Messico. La bevanda al cactus più famosa è il liquore Baytra, prodotto a Malta..

Non molto tempo fa, i cechi hanno imparato a fare la birra dietetica dal cactus, che non ha ancora ottenuto il riconoscimento mondiale, ma è popolare in Europa. I messicani fanno una bevanda alcolica forte "Sahuaro" dai cactus, che viene utilizzata non solo in forma pura, ma anche nei cocktail, e si abbina bene anche con il martini.

Caratteristiche di cura

Un cactus in casa ha bisogno di abbastanza luce, quindi è meglio posizionare i vasi sulla finestra a sud o ad est. Ma solo se parliamo di specie desertiche! I cactus della foresta, d'altra parte, preferiscono le finestre occidentali e settentrionali..

In estate, è meglio posizionare il cactus sul balcone per fornire più aria fresca. In inverno, hanno bisogno di un luogo fresco (15-17 gradi) e all'ombra. Contrariamente alla credenza popolare, il cactus necessita di abbondanti annaffiature. Per fare ciò, è meglio usare acqua a temperatura ambiente e, idealmente, pioggia o acqua di fusione..

Riproduzione

A casa, un cactus si riproduce nei seguenti modi:

  • Bambini (processi).
  • Talee.
  • Semi.
  • Vaccinazione.

I più semplici sono i primi due modi.

Bambini

  1. I bambini sono staccati dalla pianta madre (1,5-2 cm).
  2. I bambini sono fissati su un bicchiere d'acqua a una distanza di 5-7 mm dall'acqua al cactus.
  3. Man mano che l'acqua evapora, viene aggiunta. Meglio mantenere la temperatura a 25-30 gradi.
  4. Dopo la formazione delle radici, i bambini si siedono. Cospargere wirmiculite, zeolite, sabbia grossolana o piccole pietre intorno al cactus.

Talee

  1. Vengono selezionate parti sane e robuste del cactus.
  2. La parte superiore del cactus viene tagliata, affilata, essiccata per circa 7 giorni e radicata nel terreno.
  3. Per un migliore radicamento, la parte inferiore del cactus tagliato viene posta in una soluzione calda di Kornevin (1 cucchiaino per 0,5 l di acqua) per diverse ore. Quindi viene essiccato per 2-3 giorni e piantato nel terreno.

Semi

Raramente incoronato con successo. Il fungo appare su alcuni dei germogli che appaiono, altri perdono radici, si seccano o marciscono.

Blossom my star!

I cactus potrebbero non fiorire affatto se non ci sono condizioni adatte per questo. Alcune specie iniziano a fiorire già a tre anni di età, alcune impiegheranno fino a 10 anni per questo. La fioritura dei cactus di solito inizia in primavera, dopo un periodo dormiente. È abbastanza difficile ottenere la fioritura di una pianta e le condizioni adatte per loro non sono sempre sufficienti..

È necessario alternare fasi di vita, che si osservano nelle condizioni naturali della crescita dei cactus. Pertanto, se vuoi che un cactus fiorisca, devi scegliere uno dei due percorsi: o fare ogni sforzo per il risultato desiderato o scegliere specie senza pretese.

Malattie

Le malattie dei cactus sono più spesso causate da batteri, funghi inferiori, micoplasmi, virus. Il loro impatto può portare alla morte della pianta e le specie rare e preziose sono spesso prese di mira dai nemici. Per evitare l'infezione dei cactus, saranno di nuovo utili condizioni di esistenza favorevoli..

Tra le malattie dei cactus, le più comuni sono:

  • spotting;
  • mosaico virale di epifilli;
  • virus del mosaico dell'euforbia;
  • ittero;
  • scope di fichi d'india;
  • marciume secco e umido;
  • crescita eccessiva di funghi e altri.

Puoi conoscere malattie e parassiti dei cactus qui.

I cactus, come tutte le piante, richiedono un'attenta cura, cura e condizioni speciali. A volte devi prenderti cura dei fiori di casa come faresti con i tuoi figli, perché è l'atteggiamento del proprietario nei confronti delle piante che ne determina la salute, la bellezza e il loro normale sviluppo..

Se trovi un errore, seleziona una parte di testo e premi Ctrl + Invio.

Cactus fiore da interno

Al giorno d'oggi, i cactus sono senza dubbio diventati una delle piante da interno più versatili, adatte a qualsiasi casa. Sono finiti i giorni in cui erano considerate piante selvatiche. Hanno una capacità unica di sopravvivere in condizioni estreme. Allo stesso tempo, possono facilmente purificare l'aria, rendendola più adatta ai residenti. Non per niente, le nostre nonne hanno messo questi spinosi preferiti accanto a televisori e monitor.

Prendersi cura dei cactus a casa

Descrizione

Questi "ricci" spinosi sono riferiti alla classe dei "dicotiledoni", l'ordine è "garofano". I nostri amici spinosi provengono principalmente dai continenti d'America, Europa e persino Africa. Anche se dobbiamo rendere omaggio e in parte del territorio della Russia crescono anche qua e là. Ciò riguarda principalmente il territorio del territorio di Krasnodar.

Si dividono in due gruppi principali:

I primi vivono allo stato brado in zone con climi secchi e molto caldi. L'adattamento alle dure condizioni ambientali è la loro carta vincente. Il substrato principale sono i terreni rocciosi con sabbia. Molto spesso raggiungono dimensioni enormi, impressionando i turisti. Da vicino, sembrano più alberi enormi che piccole creature spinose in una pentola su un davanzale. La foto sotto mostra diversi esemplari nel deserto, sulla costa della baia.

Per quanto riguarda il secondo gruppo, il loro numero è molto più piccolo e non sono così termofili. I fratelli della foresta hanno bisogno di una luce più diffusa ed esigente sul suolo. La sua composizione dovrebbe essere più ricca: i nutrienti sono vitali per queste specie.

Tuttavia, sono uniti da una struttura comune dello stelo principale. Entrambi i gruppi hanno una tipica struttura carnosa, grazie alla quale immagazzinano e trattengono con successo l'umidità durante i periodi di siccità..

I membri di questa famiglia accumulano acqua nei tessuti per adattarsi agli ambienti secchi e caldi. Inoltre sono varietà abbastanza resistenti che richiedono pochissima e non difficile manutenzione. Anche un principiante dilettante può coltivarli. Tuttavia, anche tra i cactus professionisti, sorgono serie difficoltà con i singoli rappresentanti di questi amici spinosi..

In generale, questa famiglia è uno dei rappresentanti di succulente più famosi al mondo. Tutti hanno molto successo nell'accumulare e trattenere l'umidità nello stelo principale, grazie al quale sopravvivono facilmente anche nelle condizioni più estreme. Notiamo anche il fatto che la stragrande maggioranza di tutte queste specie protegge con grande successo questa riserva idrica con le loro spine. Nonostante siano tutti così simili, ci sono molte specie, sottospecie e varietà..

Questi "ricci" hanno un discreto apporto di nutrienti al loro interno, di cui hanno bisogno per vivere in condizioni asciutte e calde. Le foglie seghettate mantengono questi tesori ben protetti. Il corpo stesso a forma di stelo o la sua linfa irritante che secerne aiuta i nostri animali a difendersi dagli erbivori, molti dei quali li percepiscono esclusivamente come cibo..

Tuttavia, attualmente ci sono enormi piantagioni per la coltivazione dei nostri amati abitanti del deserto, per la preparazione di delizie culinarie da loro in futuro. Puoi leggere di più a riguardo nell'articolo sui frutti di Mammillaria.

Irrigazione e irrorazione

Primavera ed estate: caratteristiche dell'irrigazione

All'inizio della primavera il rischio di gelate scompare e la pianta inizia ad entrare nella fase di crescita attiva. La necessità di annaffiare con una certa frequenza (una volta ogni 10-12 giorni) si verifica con il primo forte riscaldamento e un aumento della temperatura. La frequenza dell'umidità del suolo può aumentare gradualmente fino al raggiungimento dei mesi più caldi. In questo momento, l'irrigazione dovrebbe essere effettuata almeno ogni 4-8 giorni, a seconda delle condizioni generali di temperatura e del volume del terreno.

In estate, al contrario, l'umidità dovrebbe essere fornita al terreno regolarmente. Durante questo periodo di rapida crescita, la pianta ha semplicemente bisogno di accumulare molta acqua nello stelo. È necessario annaffiare mentre il terreno si asciuga, dando alla pentola l'opportunità di assorbire completamente tutta l'umidità. L'eccedenza che fuoriesce dallo scarico viene rimossa 10-20 minuti dopo l'irrigazione. Non lasciare che il contenitore sotto la pentola sia costantemente in acqua. Ricorda: una pianta, o meglio il suo apparato radicale, ha bisogno di accesso all'aria. L'acqua, tuttavia, è solo un conduttore per la fornitura di sostanze nutritive. Va utilizzato per l'irrigazione solo dopo aver lasciato riposare per almeno alcune ore..

Come innaffiare in autunno e in inverno

In autunno è necessario ridurre l'intensità delle annaffiature, portandola a 1 volta ogni 8-10 giorni e distanziate sempre di più tra loro in modo da portare i nostri spinosi amici in uno stato di riposo. In inverno, a dicembre e gennaio, l'irrigazione non viene quasi eseguita. Il massimo è farlo circa una volta al mese. Nei periodi più freddi non è generalmente consentito aggiungere acqua al terreno, soprattutto con fertilizzanti. L'irrigazione a temperature inferiori a 10ºC non è consigliata in nessun caso. Ne marciscono e basta.

Ricorda che è meglio fare una buona annaffiatura, che bagna tutto il volume del terreno, rispetto a più di quelle superficiali, che non raggiungono bene le radici. Il secondo caso è molto più pericoloso per la salute del cactus. Ancora più importante, il terreno dovrebbe essere ben asciugato tra un'annaffiatura e l'altra..

Temperatura

In inverno, i tuoi animali domestici non dovrebbero essere in ambienti molto riscaldati, poiché temperature superiori a 20 gradi Celsius interferiranno con il riposo invernale. Questo, a sua volta, influenzerà notevolmente la fase di crescita imminente e la possibile fioritura. Allo stesso tempo, va tenuto presente che la stragrande maggioranza delle specie di questa famiglia non resiste a temperature inferiori a 7 gradi Celsius. Un punto molto importante è che il freddo e l'umidità non dovrebbero coesistere nel terreno o nel loro ambiente - questo porterà invariabilmente alla malattia. Questo è forse uno dei motivi principali della comparsa del marciume sui cactus..

Illuminazione

Sebbene tutti i cactus abbiano bisogno di molta luce, non tutti tollerano bene la luce solare diretta. In genere, le specie con peli e molte spine richiedono molto sole diretto o illuminazione artificiale. Mentre le specie con poche spine non sono così capricciose. Possono esistere con successo e persino fiorire in aree ombreggiate. Anche la ventilazione con illuminazione aggiuntiva diventa molto importante. Evita di stare in stanze non ventilate. La fornitura d'aria dovrebbe essere regolare e stabile, ma tieni d'occhio la temperatura. Nel caso di tenere i cactus per strada, la questione dell'aria fresca non vale certamente la pena. Qui è necessario avvicinarsi con particolare cura alle procedure di profilassi contro i parassiti, l'acaro del ragno è particolarmente pericoloso.

Fertilizzanti

Ovviamente esistono fertilizzanti sviluppati appositamente per le nostre piante. Idealmente, l'alimentazione dovrebbe essere bilanciata con proporzioni uguali di azoto, potassio e fosforo. La frequenza di applicazione dipende dalle dimensioni della nostra pianta e dalla stagione. Se vogliamo stimolare la fioritura la prossima primavera, dobbiamo aggiungere additivi al terreno almeno una volta ogni due settimane. Se è necessario stimolare la crescita, si consiglia di utilizzare fertilizzanti per piante decidue decorative, ad alto contenuto di azoto. La medicazione superiore può essere applicata solo durante i periodi di crescita attiva. Certo, stiamo parlando della seconda metà della primavera e dell'estate. È consentita una leggera alimentazione delle piante all'inizio dell'autunno. È severamente vietato nutrirsi in inverno. In questo modo, puoi stimolare lo sviluppo di molte malattie causate dal sovraccarico di nutrienti. Evita queste situazioni.

Substrato

Sebbene le piante grasse amino i terreni asciutti, dovrebbero essere coltivate su un terreno più nutriente. In questo caso, la loro crescita sarà molto vigorosa e la loro fioritura sarà molto più impressionante. Il terreno standard dovrebbe avere porosità, contenuto di nutrienti moderato, ritenzione di umidità moderata e un pH vicino a 6. Queste sono le regole di base e più importanti. Saranno la chiave per ottenere una pianta bella e sana. Nei negozi di fiori, puoi trovare facilmente substrati già pronti con le caratteristiche necessarie..

Trasferimento

Se la pianta smette di crescere, assume un colore malsano, cattivo o sono già apparse radici dai fori di drenaggio, significa che deve essere trapiantata. Inoltre, un segno indiretto della necessità di terreno fresco sarà la crescita quasi interrotta dello stelo principale. Pertanto, quando si esce in casa, dobbiamo trapiantare per tre motivi:

  1. Il cactus ha superato la dimensione del vaso
  2. Le radici sono concentrate nel drenaggio della pentola
  3. È necessario cambiare il substrato

Sebbene il trapianto sia un processo abbastanza semplice, tutte le nostre raccomandazioni di cui sopra dovrebbero essere seguite attentamente per non mettere a repentaglio la salute del tuo animale domestico spinoso..

Quale pentola è meglio scegliere

Si consiglia di scegliere un contenitore, se possibile, laccato, argilla. Grazie a questo materiale naturale l'evaporazione dell'umidità non è così rapida e questo permette al terreno di trattenerla più a lungo. Per quanto riguarda la vernice, impedisce l'accumulo di sali, che possono essere dannosi per la pianta, soprattutto a lungo termine..

Dimensioni del vaso

È meglio iniziare con un diametro di almeno 10 centimetri e una profondità di circa 12-14 cm. Inoltre è molto importante avere almeno un centimetro di foro sul fondo per un drenaggio corretto e affidabile. L'acqua dovrebbe uscire facilmente, senza ristagnare sul fondo. Il nuovo vaso dovrebbe essere leggermente più grande di quello vecchio. Come abbiamo detto sopra, per tutta la nostra famiglia, è meglio usare vasi di terracotta o ciotole..

Come drenare

Uno strato di drenaggio deve essere posizionato sul fondo. È costituito da roccia vulcanica, argilla o ghiaia, ma il più ottimale è l'uso di argilla espansa fine. Quindi, il mazzo di radici viene inserito in una nuova pentola usando guanti spessi, mentre i vuoti vengono riempiti con molto terreno. Dopodiché, ha senso applicare un altro strato di terreno vulcanico sulla superficie, che funge da elemento decorativo. In questo modo la base dello stelo non sarà a diretto contatto con l'umidità o il terreno durante l'irrigazione..

Istruzioni fotografiche passo dopo passo:
  • Selezioniamo un vaso di dimensioni per i futuri abitanti, tenendo conto del loro numero e delle dimensioni del sistema di root. Va notato che il contenitore non dovrebbe essere profondo. Meglio provare a scegliere opzioni più sobrie.
Un pezzo di ceramica sul foro di drenaggio
  • Copri leggermente il foro di drenaggio con argilla espansa grande o metti un pezzo di ceramica rotta. Inoltre, va bene un pezzo di una vecchia pentola di terracotta..
Drenaggio da argilla espansa

Riempiamo uno strato di argilla espansa o lava vulcanica. Lo spessore deve essere scelto in relazione alle dimensioni della pentola. Mediamente lo strato per sottofondi drenanti è di circa 3-4 centimetri.

Sopra lo strato di drenaggio, riempire il terreno preparato. Non mescolare con argilla espansa, la terra dovrebbe essere versata dall'alto.

Successivamente, prendiamo una pianta, nel nostro caso, questa è Haworthia, e cospargiamo accuratamente la terra fresca su tutti i lati, regolando la profondità di semina. Provalo: in realtà è estremamente semplice !

Si consiglia di riempire la terra non fino all'orlo. In questo caso, avrai un posto per la decorazione in cima. L'opzione ideale è cospargere con piccoli ciottoli o argilla espansa. Questo proteggerà anche lo stelo dal ristagno d'acqua durante l'irrigazione. Inoltre, una tale decorazione sopra le pietre contribuisce a un'ulteriore ritenzione di umidità nel terreno e impedisce alla terra di incrinarsi lungo la superficie..

Se hai fatto tutto correttamente, dovrebbe apparire come nella foto sopra..

Tempo di trapianto

Il momento migliore per trapiantare è la primavera. Se questo viene fatto in inverno, può verificarsi un grave ritardo della crescita. Non è consigliabile annaffiare il cactus per 3-6 giorni dopo il trapianto per curare le ferite che potrebbero essersi verificate durante questa procedura. Il momento migliore per piantare un nuovo vaso è senza dubbio la metà della primavera o la tarda primavera..

Cactus

Varietà di cactus

Fornire la massima illuminazione per tali cactus. In estate è utile per questa pianta esporla all'aria fresca e monitorare le annaffiature. In inverno, vengono posti in una stanza dove la temperatura viene mantenuta da 6 a 10 gradi..

I cactus di questa specie includono le piante di Rebutia, Lobivia e Oreocereus. Come per le specie precedenti, anche questo tipo di cactus necessita di una buona illuminazione, ed è vantaggioso anche stare all'aperto in estate e in inverno a temperature comprese tra 6 e 10 gradi. Ma ai cactus di questa specie non piace molta acqua, quindi dovrebbero essere annaffiati meno spesso di quelli del deserto. Poiché i cactus di questo tipo non amano molta umidità, un buon drenaggio dovrebbe essere fatto in vaso durante il trapianto..

Cactus delle pianure dell'erba

Non sono esigenti in termini di illuminazione come le specie precedenti, possono crescere all'ombra. Amano l'umidità, quindi dovresti annaffiarli abbondantemente in estate. In inverno si conservano abbastanza bene a temperature dagli 8 ai 10 gradi. Questi cactus richiedono solo annaffiature una o due volte al mese, è necessario prestare attenzione per evitare di seccare completamente il terreno..

Cactus della foresta secca

La scelta della capacità e del terreno

Luce e temperatura

Drenaggio

Irrigazione

Top condimento con fertilizzanti

Trasferimento


Corruzione

Sulla sezione trasversale dello stelo del cactus è chiaramente visibile un anello di fasci conduttori. È auspicabile che durante l'innesto, l'anello dei fasci conduttivi del cactus innestato (rampollo) sia di dimensioni uguali all'anello del cactus su cui è innestato (portainnesto). Se ciò non è possibile, si ottiene il massimo allineamento dei fasci conduttori di marza e portainnesto, in modo che dopo la fusione formino un unico sistema di vie conduttrici.

Alcuni strumenti e accessori sono necessari per l'innesto: un coltello in acciaio inossidabile sottile e affilato, anelli di gomma per stringere il calcio e la marza, panni puliti per pulire il coltello, alcool per disinfettare l'utensile e zolfo per spolverare le sezioni aperte.

La tecnica di vaccinazione si riduce alle seguenti operazioni. Al portainnesto viene tagliata la parte superiore del fusto, preferibilmente all'inizio della crescita dell'anno in corso. Gli spigoli vivi del gambo vengono tagliati, altrimenti la superficie tagliata verrà tirata verso l'interno quando si asciuga e la marza non crescerà insieme al brodo. Con un movimento del coltello, si taglia un piatto sottile dal portainnesto e si mette rapidamente in posizione. Questo è necessario affinché il taglio sia assolutamente fresco. Fanno anche un taglio sulla marza e lo applicano velocemente al brodo, togliendo prima il piatto. Vengono effettuati diversi movimenti rotatori del rampollo per spostare le bolle d'aria tra i tagli e massimizzare l'allineamento dei fasci conduttori. Successivamente, gli anelli di gomma vengono inseriti attraverso il fondo del vaso del portainnesto e il portainnesto con il rampollo viene stretto insieme. Gli anelli dovrebbero fornire la massima pressione sul rampollo senza ferirlo. I tessuti nudi del portainnesto sono cosparsi di zolfo.

La pianta innestata viene posta in serra, serra o sacchetto di plastica e, dopo che il taglio si è asciugato, annaffiata abbondantemente. La spruzzatura può essere avviata solo dopo che il portainnesto e la marza sono cresciuti insieme. Questo richiede almeno una settimana. È meglio sovraesporre gli anelli di gomma che rimuoverli presto. L'estate è considerata il momento più favorevole per la vaccinazione. Oltre al metodo descritto, per alcune specie si utilizza l'innesto con “cuneo” (Aporocactus, Rhipsalis, Schlumbergera) e “split” (Rhipsalis, Schlumbergera).

I migliori portinnesti universali sono rappresentanti del genere Eriocereus, Echinocereus, Trichocereus, Selenicereus e alcuni altri. Hylocereus triangularis è un buon brodo per le piantine e Pereskia aculeata per i cactus epifiti. Gli steli del portainnesto dovrebbero essere morbidi e succosi. Le piante con steli legnosi duri non sono adatte per l'innesto.

Malattie

  • eventuali danni all'integrità delle radici o del tronco di un cactus o di una succulenta devono essere asciugati. Più lungo è il contenuto secco, maggiore è il danno.
  • se vi è il sospetto di una lesione putrefattiva, la pianta viene posta in una stanza calda con bassa umidità dell'aria e mantenuta senza annaffiare.
  • assicurati di rimuovere la pianta dal vaso ed esamina le radici. Tutte le aree sospette con un colore cambiato vengono ritagliate in tessuto sano e quindi asciugate.
  • tutte le parti marce del gambo vengono tagliate fino a quando non sono sane. Il coltello viene trattato con una soluzione disinfettante per escludere la possibilità di trasmissione di infezione.
  • lo sviluppo del marciume è spesso un segno della presenza di un parassita.

Marciume del cactus, inizia al collo.
I primi segni: la pianta si inclina da un lato, il collo del cactus si ammorbidisce, i tessuti diventano acquosi. Colpisce sia le piante adulte che le piantine.
Come trattare: è necessario un intervento chirurgico e la successiva rimozione delle parti marce manualmente del cactus (ma questo dovrebbe essere fatto con molta attenzione) fino al tessuto sano. È necessaria un'ulteriore asciugatura di un amico spinoso e il radicamento.

Parte dalle radici e si diffonde lungo i fasci conduttivi.
I primi segni: le radici del cactus diventano fragili, ma sembrano normali, sul taglio si trova un colore arrugginito. Segni esterni: un arresto improvviso nella crescita di un cactus, un colore sbiadito, un cambiamento nel turgore del tronco.
Come trattare: trattamento fungicida, ponendo il cactus in isolamento in assoluta secchezza e calore. Un segno di ripresa è l'essiccazione della parte interessata del cactus. Perché la malattia si diffonde lungo i fasci conduttivi, spesso si forma un canale nel fusto dal collo all'apice. Dovrebbe essere pulito dai detriti di tessuto e fatto passare. Questo "tubo" può essere radicato. Nel tempo, l'aspetto del cactus si riprenderà.

Di solito infetta i cactus in primavera, a condizione che siano circondati da basse temperature combinate con un'elevata umidità.
Primi segnali: sotto la piantina si vede un cuscinetto color palude (questo è un fungo portatore di spore).
Come trattare: è necessario rimuovere urgentemente il cactus danneggiato, così come tutti i cactus che si trovavano nelle immediate vicinanze, insieme a un pezzo di terra. Esamina attentamente i cactus. Se il processo di infezione non si è fermato, i cactus devono essere rimossi dai loro vasi preferiti, disposti su una superficie che fornirà loro una temperatura ambiente e uno spazio asciutto e guarderanno gli amici spinosi. Assicurati che le piante non si tocchino in alcun modo, altrimenti le loro possibilità di morte aumenteranno, non lo vuoi? Dopo circa 10-15 cactus sani possono già essere piantati di nuovo nei loro vasi preferiti, ma già in terreno cotto a vapore.

Quattro miti comuni sui cactus:

Mito 1: i cactus sono così senza pretese che difficilmente puoi annaffiarli e vivranno e si svilupperanno perfettamente.
In effetti: vivranno, ma lo sviluppo sarà tutt'altro che ideale. Le grandi piante adulte possono davvero fare a meno dell'acqua per un tempo piuttosto lungo, ma non piccoli esemplari in crescita attiva. In primavera e in estate, soprattutto con il caldo, i cactus, come altre piante d'appartamento, hanno sete!

Mito 2: se le radici sporgono dal foro di drenaggio, il cactus deve essere trapiantato.
Niente affatto, se allo stesso tempo dà una buona crescita e persino fiorisce. Le radici che sporgono dal foro di drenaggio possono solo indicare che il fiore ha sviluppato un buon apparato radicale e ora può crescere un gambo, spine, fiori e frutti. E se ora lo prendi e lo trapianti in un vaso più spazioso, dovrà di nuovo far crescere le radici per sviluppare una nuova terra e la fioritura verrà posticipata.

Mito 3: i cactus non devono essere girati o spostati, altrimenti perdono i germogli e smettono persino di crescere.
Ma se il cactus non viene periodicamente rivolto dall'altra parte verso la luce, crescerà attorcigliato! Pertanto, le giovani piante, al contrario, devono essere girate abbastanza spesso e gli adulti - se necessario. È meglio non disturbare i cactus in fiore.

Mito 4: l'argilla dovrebbe essere aggiunta al terreno per alcuni tipi di cactus.
In effetti, questa è una questione piuttosto controversa. Dopotutto, l'argilla è friabile solo allo stato secco e dopo l'umidificazione si attacca come il cemento e non lascia respirare le radici. Mantiene l'umidità a lungo, motivo per cui le radici marciscono. E quando si asciuga di nuovo, si spacca e lacera le giovani radici in pezzi. Quindi decidi tu stesso se utilizzare questa raccomandazione..

Cactus a casa

Autore: Natalya Categoria: Piante d'appartamento Pubblicato: 20 febbraio 2019 Aggiornato: 11 dicembre 2019

Il cactus (latino Cactaceae) appartiene alla famiglia dei Cactus, rappresentata da piante da fiore perenni. La famiglia è divisa in quattro sottofamiglie. La parola "cactus" è di origine greca. Karl Linnaeus introdusse questo nome nel 1737 come abbreviazione di "melocactus" (cardo) a causa delle spine che ricoprono i rappresentanti del Cactus.

Suggeriscono che i cactus si siano evoluti circa 30-40 milioni di anni fa e, nonostante il fatto che i cactus fossili non siano stati ancora trovati da nessuna parte, si ritiene che la patria dei cactus sia il Sud America e si siano diffusi nel continente settentrionale non molto tempo fa - non più di 5-10 milioni di anni fa. Quindi, si può considerare che i cactus sono piante del Nuovo Mondo. E oggi l'habitat di un cactus in natura è il Sud e il Nord America e le isole delle Indie occidentali. Oltre al continente americano, in condizioni naturali, la pianta del cactus può essere trovata in Africa, Madagascar e Sri Lanka - si dice che i semi dei cactus siano stati portati lì dagli uccelli.

Soddisfare

  • Descrizione
  • Prendersi cura dei cactus a casa
    • Come prendersi cura
    • Annaffiare i cactus
    • Fertilizzante
    • Pentole
    • Priming
    • Come trapiantare i cactus
  • Cactus fiorito
    • Lasciando durante la fioritura
    • Cactus svernante
  • Riproduzione di cactus
    • Crescendo dai semi
    • Riproduzione da parte dei bambini
  • Malattie e parassiti dei cactus
    • Perché diventare giallo
    • Perché marcire
    • Perché non cresce
    • Parassiti
    • Malattie
  • Tipi e varietà
    • Astrophytum (Astrophytum)
    • Aporocactus a forma di ciglia (Aporocactus flagelliformis)
    • Mammillaria
    • Gymnocalycium
    • Cereus (Cereus)
    • Echinopsis (Echinopsis)
    • Cactus Opuntia

Piantare e prendersi cura dei cactus

  • Fioritura: dipende dalla specie.
  • Illuminazione: luce solare intensa (davanzali meridionali).
  • Temperatura: in primavera e in estate - normale per gli alloggi, in inverno sono preferibili condizioni più fresche - 6-14 ° C con ventilazione regolare e senza correnti d'aria.
  • Annaffiatura: moderata, una volta che il supporto è asciutto. Con tempo freddo o piovoso, l'irrigazione non viene effettuata nemmeno in estate. In inverno, molti tipi di cactus vengono annaffiati una volta al mese o non vengono annaffiati affatto. In primavera, ai primi segni dell'inizio della crescita, spruzzare i cactus con acqua e, quando crescono, applicare 2-3 annaffiature sul fondo con acqua a una temperatura di 28 ˚C per saturare il substrato con l'umidità. Tuttavia, tieni presente: tali bagni sono dannosi per le specie pubescenti e lanose.
  • Umidità dell'aria: bassa.
  • Top dressing: una volta alla settimana durante il periodo di crescita attiva su un terreno precedentemente inumidito con una soluzione debole di un complesso minerale per cactus (una miscela di Kadatsky). In inverno e con trapianti annuali in un substrato fresco, i cactus non hanno bisogno di alimentazione.
  • Periodo di riposo: da novembre a marzo o dopo la fioritura.
  • Trasferimento: secondo necessità, in primavera, all'inizio della crescita attiva. I giovani cactus vengono trapiantati ogni anno.
  • Riproduzione: solitamente dai bambini, ma anche dai semi.
  • Parassiti: radice farinosa e insetti del gambo farinoso (afidi pelosi).
  • Malattie: marciume secco e nero, peronospora, rizoctonia, elmintiasi, fusarium, macchie e malattie virali.

Cactus domestico - descrizione

Molti cactus e piante grasse hanno messo radici nella cultura indoor e crescono sui nostri davanzali da più di cento anni. Tuttavia, piante grasse e cactus non sono la stessa cosa: se tutti i cactus sono piante grasse, allora non tutte le piante grasse sono cactus. Ti diremo qual è la differenza tra loro, come piantare un cactus, come coltivare un cactus, come annaffiare correttamente un cactus, come prendersi cura di un cactus a casa e quali metodi vengono usati per propagare i cactus.

La pianta del cactus differisce dalle piante grasse in presenza di un'areola, un organo speciale che è un bocciolo ascellare modificato con squame trasformate in spine o peli, sebbene molte varietà abbiano entrambe. Un'altra differenza tra cactus e piante grasse è la struttura dei loro fiori e frutti: parte del fiore e il frutto di un cactus sono allo stesso tempo parte del suo gambo. Ci sono fino a una dozzina di differenze che interessano solo gli scienziati e non ne parleremo..

  • Clivia: cura, foto, viste

È molto difficile fornire una descrizione comune a tutti i cactus e ci soffermeremo sulle loro varietà in dettaglio in una sezione speciale. Diciamo solo che la pianta d'appartamento del cactus attrae con il suo aspetto esotico e la facilità di cura, cosa che può fare anche un principiante. Le caratteristiche comuni di tutte le piante di cactus sono periodi pronunciati di crescita, fioritura e dormienza e la radice del cactus non è in grado di assorbire una grande quantità di nutrienti, quindi la crescita annuale delle piante di questa famiglia è molto modesta.

Prendersi cura dei cactus a casa

Come prendersi cura di un cactus

Il cactus domestico è senza pretese e resistente, ma se vuoi vedere le tue "spine" nella forma migliore, crea le condizioni per prendersi cura dei cactus vicino al naturale.

Dato che stiamo parlando di alcune delle piante più amanti della luce, devi sapere che i cactus a casa spesso mancano di illuminazione, quindi il posto migliore per loro è il davanzale meridionale. In estate, si sentono bene all'aria aperta - su un balcone illuminato, una terrazza e solo in giardino, in inverno non hanno davvero bisogno di luce, quindi i cactus che sono entrati in un periodo dormiente possono essere riorganizzati all'ombra. Se trascorrono l'inverno nella stessa stanza dell'estate, fornire loro una buona illuminazione. La mancanza di luce può portare al fatto che le piante saranno dolorosamente allungate e la parte superiore del cactus acquisirà un colore verde chiaro..

Poiché i cactus sono piante resistenti, praticamente non reagiscono a sbalzi di temperatura improvvisi e normalmente tollerano la freschezza, sebbene siano piante amanti del calore. In primavera e in estate, un cactus da interni si sente bene nelle normali condizioni di temperatura per appartamenti e giardini, e in inverno la temperatura ottimale è compresa tra 6 e 14 ºC, a condizione che non ci siano correnti d'aria e dispositivi di riscaldamento che asciugano l'aria nella stanza con una ventilazione regolare..

Annaffiare i cactus

La frequenza delle annaffiature e la quantità di acqua consumata per pianta dipende dal tipo di pianta, dalla stagione, dalla temperatura ambiente e dalle condizioni di luce. Innaffia il cactus con parsimonia, mentre il terreno si asciuga. Con tempo freddo e piovoso, è meglio non annaffiare i cactus, anche se è estate. In inverno, l'umidificazione del terreno in vasi con cactus è notevolmente ridotta e in alcuni casi viene completamente interrotta..

Non appena i cactus mostrano segni di crescita in primavera (la parte superiore diventa verde e compaiono spine giovani), inizia a cospargere le piante abbondantemente ogni giorno con acqua stabilizzata a temperatura ambiente, e quando inizia la crescita attiva, vengono inumidite 2-3 volte con annaffiature dal basso, posizionando i vasi con i cactus per un quarto d'ora in ciotole con temperatura dell'acqua 28 ºC. L'eccezione sono le specie lanose o densamente pubescenti: tali bagni sono controindicati per loro..

In primavera e in autunno, l'irrigazione viene effettuata al mattino e in estate la sera. L'acqua per l'irrigazione e la spruzzatura deve essere bollita e stabilizzata. Una volta al mese, è necessario aggiungere all'acqua acido citrico o ossalico, rispettivamente mezzo grammo o un decimo di grammo per litro d'acqua. Puoi infondere acqua per l'irrigazione sulla torba per un giorno - 200 g di torba per tre litri di acqua.

È bene spruzzare i cactus con spine spesse e potenti al mattino e alla sera con acqua calda da un flacone spray.

Cactus fertilizzante

I cactus dovrebbero essere nutriti con grande cura e con i trapianti annuali di piante non è possibile nutrirli affatto. I fertilizzanti vengono applicati sotto forma di soluzioni non più di una volta alla settimana durante il periodo di crescita attiva in terreno già inumidito per evitare ustioni alle radici.

Il fertilizzante più comune per i cactus è una miscela di Kadatsky, composta da nitrato di potassio, fosfato di potassio monobasico, perfosfato al venti percento, solfato di potassio, solfato di magnesio e cloruro di potassio. Per preparare una soluzione nutritiva, un grammo della miscela di Kadatsky viene sciolto in un litro d'acqua.

Vasi di cactus

I vasi di cactus possono essere in ceramica o plastica. La dimensione del vaso è determinata dalle dimensioni della pianta e l'altezza dei piatti deve superare la lunghezza del sistema di radici del cactus del 15-20% e la larghezza del vaso di una volta e mezza. In altre parole, i piatti per il cactus dovrebbero essere stretti e abbastanza profondi: in esso il cactus si sentirà più stabile e la pianta dovrà essere annaffiata meno spesso rispetto a quando viene coltivata in una pentola piatta.

Inoltre, i vasi di plastica sono preferibili per cactus medi e piccoli, poiché le ceramiche porose contribuiscono all'elevata evaporazione dell'acqua, all'alcalinizzazione e alla salinità del substrato..

Terreno per cactus

Il substrato per cactus necessita di una reazione sciolta, porosa, permeabile all'acqua e all'aria, leggermente acida - pH 6.0. Puoi acquistare terreno pronto per cactus in un negozio di fiori, oppure puoi comporlo da parti uguali di terreno frondoso, sabbia fluviale grossolana e ben lavata e terreno erboso con l'aggiunta di una piccola quantità di trucioli di mattoni o carbone. Per i cactus vecchi e colonnari, così come per le piante con una radice di rapa, al terreno viene aggiunta argilla a basso contenuto di grassi.

  • Come ho allagato Yucca. e non solo

I cactus epifiti necessitano di aggiunte di terra di humus o torba - fino a 1/3 del volume. Si consiglia di aggiungere un po 'di calce sotto forma di pezzi di gesso o vecchio intonaco al terreno per cactus con spine bianche. Se componi il terreno in modo errato, la pianta potrebbe subire marciumi radicali..

Come trapiantare un cactus

Un cactus viene trapiantato in primavera, proprio all'inizio della crescita attiva. Posare uno strato drenante di argilla espansa fine, trucioli di mattoni, sabbia di fiume grossolana o vecchi frammenti sul fondo del vaso con fori, riempire il vaso per un terzo dell'altezza con un substrato sterile, abbassare le radici della pianta nel vaso e riempire uniformemente il contenitore con terreno umido su tutti i lati. È meglio usare un cucchiaino o una piccola spatola di gomma per questo..

Non è necessario compattare troppo il substrato e l'area con il colletto della radice deve essere cosparsa di sabbia di fiume grossolana. Non innaffiare il cactus dopo il trapianto per una settimana fino a quando le lesioni alla radice non sono guarite.

Cactus fiorito

Prendersi cura dei cactus durante la fioritura

La fioritura di un cactus dipende in gran parte da quanto correttamente è organizzato il suo svernamento: nelle specie del deserto, della montagna e della steppa, i giovani germogli maturano durante questo periodo e si formano i boccioli dei fiori. Se un cactus è rimasto sul davanzale meridionale in inverno e la sua crescita non si è fermata, è improbabile che fiorirà nella prossima stagione. Con uno svernamento adeguatamente organizzato, la pianta riposa e accumula forza, ed è probabile che l'anno prossimo sarai abbastanza fortunato da vedere un fiore di cactus.

Anche se in tutta onestà va detto che specie come nonocactus, melocactus, parody, ripsalis, hymnocalycium e aporocactus possono fiorire anche dopo lo svernamento in una stanza calda.

Se il tuo cactus è sbocciato, non spostarlo o ruotarlo in nessuna circostanza: la pianta disturbata lascerà cadere tutti i fiori e le gemme. La luce solare diretta durante il periodo di fioritura è controindicata per i cactus e devi proteggere la pianta da essi con un panno o carta traslucida.

Durante il periodo di fioritura, è necessario ventilare la stanza ogni giorno, ma non dovrebbero essere consentite anche le più piccole correnti d'aria. Anche la medicazione superiore in questo momento non viene applicata, altrimenti la pianta lascerà cadere sia fiori che boccioli, o si trasformeranno in bambini di cactus. Nella prima fioritura, i fiori sono generalmente più piccoli, ma ogni anno diventano sempre più grandi e il loro numero può aumentare. La fioritura di un cactus non è solo uno spettacolo meraviglioso, aiuta a stabilire l'appartenenza della tua pianta all'uno o all'altro genere e specie, il che facilita notevolmente la cura.

Cactus dopo la fioritura. Cactus svernante

Dopo che il tuo cactus è fiorito, devi ridurre al minimo il consumo di acqua durante l'irrigazione e ridurre la frequenza di inumidimento del substrato a una volta al mese, letteralmente in modo che i cactus non si raggrinziscano per la disidratazione. La medicazione superiore deve essere interrotta del tutto. È molto importante che la pianta non riceva aria calda dai dispositivi di riscaldamento, ed è ancora meglio posizionare il cactus su un davanzale, sotto il quale non c'è il radiatore, o in una stanza non riscaldata dove la temperatura non sale sopra i 15 ºC e non scende sotto gli 8-6 ºC.

Se improvvisamente scopri che il cactus ha iniziato a raggrinzirsi, non aumentare l'irrigazione, ma spruzza leggermente la pianta con acqua tiepida - un bel po ', altrimenti, a bassa temperatura, potrebbe verificarsi la decomposizione delle radici. Il periodo dormiente per i cactus dovrebbe durare da novembre a marzo, il che significa che è necessario ridurre l'irrigazione e interrompere l'alimentazione da ottobre.

Un'eccezione alla regola comune a tutti i cactus è Schlumberger: viene annaffiato una volta alla settimana per tutto l'inverno..

All'inizio di marzo, devi aiutare i cactus a uscire dal letargo. Per fare ciò, la pianta viene trasferita sul davanzale meridionale, spruzzata, quindi aumentare gradualmente il consumo di acqua, riducendo gli intervalli tra le annaffiature. Rinnovare e nutrire il cactus.

Riproduzione di cactus

Cactus dai semi

I cactus si propagano per seme e per via vegetativa, cioè per bambini o per talea.

La coltivazione di cactus dai semi ha le sue difficoltà: dovrai pre-sterilizzare i semi acquistati in un negozio: vengono immersi per mezz'ora in una soluzione rosa pallido di permanganato di potassio. È inoltre necessario sterilizzare il substrato: cuocerlo a vapore o arrostirlo in forno a una temperatura di 110-130 ºC. Il substrato umido viene versato nel contenitore con uno strato di circa 1 cm, su di esso vengono disposti i semi preparati, dopodiché le colture vengono coperte con pellicola o vetro.

Il terreno viene mantenuto sempre leggermente umido, le colture vengono ventilate due volte al giorno. Affinché i semi di cactus possano germogliare, ci vorranno da diversi giorni a diversi mesi. Quando le prime spine compaiono ai germogli, vengono trapiantate in un substrato più nutriente, e all'età di diversi mesi iniziano a prendersene cura, come per le piante adulte, ma sono protette da sbalzi di temperatura troppo bruschi e vengono annaffiate più spesso.

  • Vriezia a casa

È meglio seminare i semi in modo che le piantine appaiano all'inizio della primavera..

Riproduzione di un cactus da parte dei bambini

È più facile propagare i cactus in modo vegetativo: su molte piante, i bambini si formano con rudimenti di radici. I piccoli si separano facilmente, dopodiché vengono adagiati su un substrato umido, nel quale germogliano le loro radici, formando nel tempo un apparato radicale. Scegli un bambino più grande, separalo con uno strumento sterile, asciuga il sito di taglio per 3-4 giorni e radica il taglio in un substrato umido.

Malattie e parassiti dei cactus

Perché i cactus diventano gialli

Questa è la domanda più spesso posta dai lettori. Le ragioni di questo fenomeno possono essere una carenza di nutrienti nel substrato, una violazione del regime di irrigazione o l'attività vitale dannosa di un acaro. Nel primo caso, è necessario aggiungere la medicazione superiore, nel secondo, è necessario regolare la frequenza di irrigazione e il tasso di consumo di acqua, e nel terzo, trattare il cactus con un po 'di acaricida - Aktellik, per esempio.

Perché i cactus marciscono

Molto spesso, un cactus marcisce per l'eccessiva umidità nel terreno. Innaffiarlo, ovviamente, è necessario, ma tenendo conto che la pianta succulenta è meglio dimenticare di annaffiare piuttosto che annaffiarla due volte. Con il ristagno cronico del substrato, il cactus inizia a marcire. Per salvare la pianta dalla morte, è necessario rimuoverla dal terreno, tagliare tutte le aree e le radici marce, elaborare i tagli con carbone tritato e trapiantare il cactus in un nuovo substrato sterile. Se la tua pianta non è troppo danneggiata, è possibile che tu possa rianimarla..

Perché il cactus non cresce

Questo problema può anche avere diverse ragioni: substrato composto in modo improprio, vaso angusto, malattie, scottature solari, rigetto delle radici o danni da parassiti..

Se hai preparato il terreno con ingredienti sbagliati o non hai mantenuto le proporzioni corrette, il terreno potrebbe essere troppo acido o, al contrario, troppo alcalino. Il terreno si deteriora anche a causa dell'irrigazione con acqua instabile e non bollita con un alto contenuto di calcare. Monitorare la qualità e la temperatura dell'acqua per l'irrigazione, preparare il terreno in base ai requisiti della coltura e, se non si sa come farlo, utilizzare un substrato disponibile in commercio appositamente preparato per i cactus da specialisti. Trapiantare i cactus in un vaso più grande nel tempo.

Per evitare scottature, cerca di proteggere la pianta dalla luce solare diretta a mezzogiorno. E ruota i cactus non fiorenti attorno all'asse in modo che si illuminino e si riscaldino in modo uniforme.

A causa di un forte calo di temperatura, grave ipotermia o, al contrario, surriscaldamento, le radici di un cactus possono morire, mentre la pianta stessa rimane sana e capace di radicarsi. Il pericolo sta nel fatto che tu, non sospettando che il cactus abbia lasciato cadere le radici, continuerai a idratarlo completamente e nutrirlo, e questo può portare alla morte della pianta - marcirà semplicemente.

Controlla il cactus il più spesso possibile e, se scopri che si è privato delle radici, posizionalo su un terreno leggero ma nutriente, quasi asciutto, coprilo con ciottoli per stabilità, proteggilo dalla luce solare diretta e spruzzalo con acqua per la prima volta dopo tre giorni. Innaffiare un cactus senza radici è pericoloso, devi solo spruzzarlo di tanto in tanto fino a quando non mette radici.

Parassiti del cactus

Tra i parassiti, i cactus danneggiano la radice farinosa e gli insetti del gambo farinoso.

Il verme della radice è pericoloso in quanto è invisibile, ma quando si esaminano le radici, è possibile trovare piccoli insetti che si lasciano dietro minuscoli grumi bianchi di "cotone". L'echinopsis più spesso di altri cactus soffre di vermi delle radici.

Per sbarazzarsi dei parassiti, il modo più semplice è trattare la pianta con le foglie e versare il terreno in una pentola con una soluzione di un insetticida sistemico - Aktara o Aktellik, e dopo due settimane, trattarlo nuovamente. Se non si desidera utilizzare prodotti chimici, rimuovere la pianta dal terreno e sciacquare l'intero cactus insieme alle radici sotto un forte getto d'acqua, quindi tenere la pianta per 10-15 minuti in acqua a una temperatura di 50-60 ºC. Quindi il cactus viene essiccato per diversi giorni e piantato in un terreno disinfettato.

Il verme dello stelo, o afide peloso, è un parente stretto del verme della radice. Il parassita fora gli steli delle piante e si nutre della loro linfa. È anche pericoloso per il fatto che le infezioni fungine penetrano attraverso queste forature, facendo marcire il cactus. Può essere difficile individuare questi parassiti, specialmente in quelle specie che sono ricoperte di peli di feltro..

Per evitare problemi con il verme dello stelo e allo stesso tempo per proteggere il cactus da altri parassiti, si consiglia come misura preventiva due volte l'anno di trattare la pianta e il terreno in un vaso con un insetticida, ad esempio Aktellik o Aktara.

Acari rossi e ragni possono anche parassitare sui cactus, che possono essere eliminati con gli stessi mezzi dei vermi.

Malattie dei cactus

I cactus e le malattie sono colpiti: marciume secco e nero, peronospora, rizoctonia, elmintosporosi, fusarium, macchie e malattie virali.

La peronospora, o zampa di radice nera (rossa), provoca la decomposizione della base del gambo e delle radici dei cactus. Nella lotta contro la malattia, le piantine in una fase iniziale della malattia vengono trattate con Benlat più volte a intervalli di 3-4 ore. Negli esemplari adulti, le parti danneggiate vengono rimosse e le sezioni vengono spruzzate con una soluzione fungicida.

Fusarium, o marciume fusarium, colpisce i cactus in condizioni di elevata umidità nel suolo e nell'aria interna. Come risultato dello sviluppo della malattia, il colletto della radice e le radici marciscono, lo stelo del cactus diventa giallo, rughe e cadute. È necessario rimuovere tutte le parti danneggiate dello stelo e delle radici, trattare le ferite con carbone schiacciato, grigio o verde brillante. Per evitare danni al cactus da parte del fusarium, non permettere danni meccanici alla pianta e di tanto in tanto innaffia il cactus con la soluzione di Fundazole.

L'elmintiasi, o marciume umido, assomiglia a macchie scure acquose ricoperte di filamenti di micelio. Gli agenti patogeni entrano nel terreno insieme ai semi.

La rizoctonia è anche marciume umido, da cui gli steli dei cactus si scuriscono e l'oscurità sale attraverso i vasi. La rizoctonia si sviluppa in condizioni di elevata umidità. La malattia può essere evitata disinfettando la miscela di terreno per i cactus e vestendo i semi prima della semina..

Il marciume secco, o la fomosi, è incurabile: il cactus si asciuga semplicemente dall'interno e non si può fare nulla. Come misura preventiva, le piante vengono talvolta spruzzate con una soluzione fungicida..

Il marciume molle grigio colpisce i siti di innesto o le parti laterali dello stelo. I tessuti della pianta si liquefanno e si trasformano in una massa pastosa, ricoperta da una fioritura di micelio di colore grigio scuro. L'infezione si attiva con ristagno cronico del substrato. In una fase iniziale dello sviluppo della malattia, un cactus può essere salvato tagliando le aree colpite su di esso e trattando le ferite con zolfo, carbone tritato o nistatina.

Il marciume nero, o Alternaria, si manifesta esternamente come macchie marrone scuro o nere lucide sotto forma di gocce. È necessario ritagliare tutte queste macchie sul tessuto sano e trattare il cactus con una soluzione fungicida.

Le macchie (antracnosi o macchia marrone e ruggine) sono di natura fungina, pertanto il trattamento viene effettuato con soluzioni di fungicidi, tuttavia, prima della spruzzatura, le aree interessate devono essere rimosse sui cactus.

Un sintomo di malattie virali sono i punti luminosi sul tronco di una pianta. Per trattare i cactus dalle infezioni virali, sciogliere una compressa di Remantadine in un litro d'acqua, tuttavia, non riporre speranze speciali sul trattamento, poiché è molto difficile sconfiggere il virus.

Tipi e varietà di cactus

La famiglia Cactus comprende quattro sottofamiglie, ognuna delle quali presenta differenze fondamentali in fisiologia e struttura: le sottofamiglie dei Pereskiev, Opuntia, Mauhienia e Cactus, che comprende l'80% di tutti i cactus.

La sottofamiglia di Cactus è rappresentata da piante prive di foglie e glochidia. Tra loro ci sono sia epifite che xerofite di tutti i tipi: colonnari, sferiche, striscianti o formanti zolle. Ci sono molte piante con frutti commestibili: ferocactus, echinocereus, mammillaria, myrtillocactus, peniocereus e altri. Ti offriamo una breve descrizione dei generi, delle specie e delle varietà, nonché dei nomi dei cactus, che sono più spesso coltivati ​​nella cultura della stanza..

Astrophytum (Astrophytum)

Una pianta con un potente fusto sferico, su cui sono pronunciate le costole. Nel tempo, i cactus di questo genere acquisiscono una forma colonnare. Una caratteristica dell'astrofito sono i fasci di peli chiari sulla superficie dello stelo, che raccolgono l'umidità. All'età di 8-10 anni, gli astrofiti iniziano a fiorire con grandi fiori a forma di imbuto di tonalità chiare di giallo, che si aprono nella parte superiore dello stelo.

Il nome della pianta è composto da due parti: "astro" - una stella (se visto dall'alto, il cactus ha la forma di una stella regolare) e "fitum", che significa "pianta". Nella cultura domestica vengono coltivati ​​astrofiti con corna di capra, maculati, a quattro coste, a forma di stella e altri.

Aporocactus a forma di ciglia (Aporocactus flagelliformis)

O "coda di topo" - un'epifita messicana con germogli lunghi, fino a un metro e sottili (solo circa 2 cm di diametro) di colore verde chiaro con nervature indistinte. All'inizio, i germogli crescono verticalmente, ma poi si abbassano e pendono dal vaso. Coltiva l'aporocactus a forma di ciglia come una pianta ampelosa. Questa specie fiorisce a fine aprile con grandi fiori tubolari cremisi lunghi fino a 7 cm, che sembrano molto impressionanti sullo sfondo della vegetazione.

Mammillaria

Uno dei generi più numerosi della sottofamiglia, che comprende, secondo varie fonti, da 150 a 500 specie, a volte completamente diverse tra loro. Comune a tutti i mammillari sono qualità come piccole dimensioni e senza pretese. Inoltre, sono facili da propagare e fioriscono rapidamente. I mammillari da interno sono piccole piante cilindriche o sferiche prive di costole. I cactus sono ricoperti di papille coniche, le loro spine sono generalmente leggere, simili a peli e setole, e alcune specie sono ricoperte da una fitta pubescenza pelosa - bianca o giallastra.

I fiori di mammillaria sono a forma di imbuto, piccoli, gialli, bianchi, rosa, rossi o verdastri, spesso con un centro scuro. Molto spesso vengono coltivati ​​a casa:

  • la mammillaria allungata è una pianta con un fusto lungo e sottile, papille basse e spine dorate raccolte in una rosetta ordinata. Questa specie fiorisce con piccoli fiori bianchi;
  • La mammillaria spinosa è una specie con fusto sferico e spine sottili e appuntite bianche o brune. I fiori sono rosa brillante;
  • Mammillaria bokasskaya - un cactus con uno spesso gambo allungato fino a 4-5 cm di circonferenza, con papille lunghe e sottili. La colonna vertebrale centrale è uncinata, di colore marrone, attorno ad essa ci sono diverse spine a forma di ago e diverse lunghe spine bianche simili a peli. Questa specie si sviluppa facilmente e fiorisce in casa con fiori bianchi di medie dimensioni..

Gymnocalycium

Il genere dei cactus sferici, apparso tra i primi nella floricoltura indoor. I rappresentanti di questo genere variano per colore e dimensione, hanno forti spine ricurve e grandi fiori bianchi, giallo chiaro o rosa con tubi caratteristici. Ci sono molte specie nel genere e crescono tutte in Sud America. Sia le grandi specie del genere che le miniature vengono coltivate nella cultura della stanza. Le forme prive di clorofilla con steli gialli, rosa, viola o rossi sono molto richieste: vengono innestate su talee verdi.

Il più delle volte coltivato a casa:

  • humpback hymnocalycium (Gymnocalycium gibbosum) - una grande pianta con un gambo blu-verdastro a forma di palla, che alla fine assume una forma cilindrica e fiori crema. L'altezza del cactus può raggiungere i 50 e il diametro di - 20 cm L'areola è costituita da una spina centrale e una dozzina di spine radiali non così lunghe. La megattera hymnocalycium ha una specie con fusto e spine quasi nere;
  • hymnocalycium a fiore piccolo (Gymnocalycium leptanthum) - cactus a coste fino a 7 cm di diametro con spine radiali premute sul gambo e fiori bianchi con una base rossastra dei petali;
  • tiny hymnocalycium (Gymnocalycium parvulum) è il più piccolo della specie, solo fino a 3 cm di diametro. Il gambo di questo cactus è sferico, con costole basse, una tonalità marrone-verde polverosa. Le areole sono grandi, senza spine centrali e quelle radiali sono curve e premute sullo stelo. I fiori sono bianchi, apicali, lunghi fino a 6 cm;
  • L'hymnocalycium di Mikhanovich (Gymnocalycium mihanovichii) è un cactus con un gambo verde-grigiastro appiattito e costole ondulate e irregolarmente convesse, il che fa sembrare che si trovino sia verticalmente che orizzontalmente. Le spine chiare sono solo radiali. I fiori sono rosa-verdastri, anche se esistono varietà con fiori rosa, bianchi e gialli..

Cereus (Cereus)

Un genere di cactus degli alberi con 46 specie e molte varietà. Questi sono alberi e arbusti succulenti, che sono divisi in due gruppi: cactus tropicali della foresta e cereus. I cactus della foresta, a loro volta, sono divisi in tre sottogruppi:

  • Ripsalis - epifite con una varietà di steli (a coste, cilindrici o piatti) e piccoli fiori o frutti. Ci sono 12 specie in questo genere;
  • phyllocactus - 10 specie epifite con fusti piatti privi di spine e grandi fiori e frutti;
  • hylocereus - 9 specie epifite di piante rampicanti e rampicanti con steli spinosi e spinosi e grandi fiori e frutti.

I Cereus, o cactus di candela, sono divisi in due sottogruppi:

  • Cereus settentrionale, che cresce in Nord America in Canada e Messico, così come in Sud America - Colombia, Paraguay, Bolivia, Perù ed Ecuador. Queste piante sferiche mancano di spine e setole su frutti e fiori;
  • Cereus meridionale, che cresce in Sud America - Ecuador, Bolivia, Perù, Uruguay, Isole Galapagos. I fiori e i frutti del cactus di questo sottogruppo hanno spine e setole..

Il più delle volte coltivato in condizioni ambientali:

  • Il Cereus Peruvian è una pianta che in natura raggiunge i 12 m di altezza, formando germogli fino a 10-12 cm di diametro con 6-8 costole piatte sezionate grossolanamente. A casa, il cactus cresce solo fino a 4 m.Le giovani piante sono di colore verde chiaro, gli adulti sono di colore grigio-verde. Le areole hanno una spina dorsale centrale lunga fino a 2 cm e 4-6 spine radiali lunghe fino a 1,5 cm Le spine sono aghiformi, di colore rosso-marrone;
  • la forma mostruosa di peruvian cereus, o roccioso cereus, è una specie anomala comune in coltura, formata a seguito di disturbi della crescita e deformazione. Questo è un cactus senza pretese a crescita rapida, che raggiunge solo 1,5 m in casa, sebbene in natura possa crescere fino a 5-6 m di altezza e fino a 5 m di diametro. Gambi verde chiaro con una sfumatura bluastra, in espansione fantasiosa, formano forme uniche sotto forma di tubercoli, frammenti di costole e altre escrescenze, su cui si trovano areole con spine aciculari marroni e spine simili a spine. Questo cereus è spesso usato come portainnesto..

Echinopsis (Echinopsis)

Più spesso di altri cactus, viene utilizzato per l'allevamento di ibridi. In natura, l'Echinopsis cresce in Perù - fa fresco lì, piove spesso, ma non c'è quasi gelo. Ecco perché l'echinopsis si adatta perfettamente alle condizioni di casa..

Nella cultura della stanza vengono coltivati ​​i seguenti tipi di echinopsis:

  • echinopsis dal naso adunco - cactus verde sferico, leggermente appiattito fino a 8 cm di diametro con tubercoli sulle costole. Nelle areole leggere ci sono da tre a dieci spine radiali piegate e flessibili e piegate fino a 1,5 cm di lunghezza. La spina centrale uncinata, lunga fino a 2 cm, è solitamente una. Fiori bianchi, rossi o rosa lunghi fino a 15 cm aperti ai lati del fusto;
  • l'echinopsis dorato - verde scuro, in giovane età è sferico, e in un cactus cilindrico maturo alto fino a 10 cm e con un diametro di 4-6 cm dà molti processi basali. Il fusto a coste è ricoperto da areole con pubescenza marrone, spine centrali lunghe fino a 3 cm, circondate da 10 spine radiali lunghe fino a 1 cm. Numerosi fiori giallo-arancio di circa 8 cm di diametro sono a campana.

Cactus Opuntia

Uno dei più grandi generi di cactus, che conta circa 190 specie. Puoi scoprire di più su queste piante dall'articolo che è già stato pubblicato sul nostro sito web. Nella cultura della stanza, i seguenti sono più spesso coltivati:

  • fico d'India - una pianta alta fino a 30 cm con piccole spine uncinate, che, a seconda della varietà, possono essere bianche o rosse.

Oltre ai generi, specie e varietà descritti, cactus come Chamecereus Silvestri, Cleistocactus Strauss, Echinocereus comb, Nonocactus Otto, Rebutia tiny, Trichocereus whitening, Schlumberger, Echinocactus rainbow e molti, molti altri sono coltivati ​​in coltura.