Qual è la struttura di una felce - caratteristiche di foglie, radici di felce

Le felci crescono sul pianeta Terra da tempo immemorabile. La durata della loro esistenza è stimata in milioni di anni. Le piante hanno una varietà di forme di vita, preferendo gli habitat umidi. La particolare struttura della felce la rende estremamente adatta alla sopravvivenza..

Descrizione delle piante di felce

Cos'è la felce, ci sono diverse versioni. Gli scienziati ritengono che questi siano discendenti diretti delle piante più antiche: le rinofite. Nel processo di evoluzione, la struttura delle felci è diventata più complessa, perché le felci sono classificate come piante superiori, nessuno è sorpreso. Conferma:

  • sviluppo ciclico delle piante;
  • sistema vascolare sviluppato;
  • adattabilità all'ambiente terrestre;

Felce in natura

Per definizione, la felce è una pianta perenne che appartiene al genere delle piante di spore. Alla domanda su una felce: si tratta di un arbusto o di un'erba, puoi rispondere affermativamente in entrambi i casi. A volte è ancora un albero.

Informazioni aggiuntive. Quando si descrivono le felci, non si può non ricordare la loro variegata gamma di colori, che dà piacere estetico. Queste piante diventano spesso una vera decorazione dei siti. Il loro indubbio vantaggio è la resistenza a malattie e parassiti..

Importante! Come sapete, le felci non fioriscono, ma nella mitologia slava, il fiore di felce è diventato un simbolo di amore e felicità eterni. Nella notte di Ivan Kupala, gli innamorati cercano invano un fiore mitico.

Classificazione biologica delle felci

L'enorme numero di specie di felci complica la loro classificazione. Tali tentativi furono fatti da antichi scienziati. Gli schemi proposti sono spesso incoerenti tra loro. La classificazione delle felci moderne si basa sulla struttura dello sporangio e su alcuni caratteri morfologici. Tutte le varietà si dividono in antiche e moderne.

La divisione felce comprende le seguenti sette classi di piante vascolari, sia estinte che moderne:

  1. Aneurophytopsida (Aneurophytopsida) - il più antico gruppo primitivo.
  2. Gli archeopteridopsida sono anche antichi rappresentanti che assomigliavano alle conifere moderne.
  3. Cladoxylopsida: ci sono versioni che questo gruppo rappresenta un ramo cieco dell'evoluzione.
  4. Zygopteridopsida (Zygopteridopsida o Goenopteridopsida) - gruppo di transizione verso specie moderne.
  5. Ophioglossopsida (Ophioglossopsida) - felci moderne.
  6. Marattiopsida - piante perenni di forme piccole e grandi.
  7. Polypodiopsida (Polypodiopsida - piante perenni o meno spesso annuali di varie dimensioni). Suddiviso in tre sottoclassi: Polypodiidae, Marsileidae, Salviniidae.

Storia delle specie di piante di felce

La storia delle felci è iniziata nell'era dei dinosauri - 400 milioni di anni fa. In un clima caldo e umido delle foreste tropicali a loro favorevoli, le felci dominavano la Terra. Alcune specie hanno raggiunto i 30 m di altezza. Nel tempo, le condizioni climatiche sono cambiate radicalmente. Quanti disastri naturali dovevano verificarsi perché giganti come i dinosauri e le felci arboree scomparissero?.

Con tutta la varietà delle felci moderne, sono molto diverse dalle piante più antiche, cedendo loro per dimensioni e varietà di forme. Ma anche oggi è il più grande gruppo di specie di spore: 300 generi e più di 10 mila specie. Le felci sono molto diffuse per la loro plasticità ecologica e le sorprendenti caratteristiche di allevamento..

Importante! Le condizioni climatiche favorevoli per le felci oggi sono preservate nei tropici e subtropicali, dove le felci arboree raggiungono i 20 m.

Distribuzione in natura, esempi di specie

Quando e dove cresce la felce dipende dal calore e dall'umidità della zona. L'habitat delle piante ubiquitarie può essere:

  • livelli inferiori e superiori delle foreste;
  • paludi, fiumi e laghi;
  • anfratti e prati umidi;
  • anfratti di rocce;
  • muri di case;
  • bordo della strada.

Alle latitudini temperate si possono trovare centinaia di felci erbacee. Una breve panoramica di alcuni tipi:

  1. Orlyak ordinario. Facilmente riconoscibile dalle foglie a forma di ombrello aperto. Comune nelle pinete, adatto al consumo umano.
  2. Shieldworm maschio. Pianta erbacea con foglie lunghe fino a 1,5 m, molto rara. L'estratto di cespuglio è usato in medicina come agente antielmintico..
  3. Kochedyzhnik femminile. Pianta grande con foglie dalla forma graziosa.
  4. Struzzo comune. Grande bella felce. A causa dei lunghi rizomi, forma interi boschetti. Utilizzato in aree paesaggistiche. Le foglie di struzzo bollite sono commestibili.
  5. Osmund. Una pianta con un rizoma corto e foglie lunghe e lucenti originaria dell'Asia orientale e del Nord America.
  6. Multi-vogatore. Le sue foglie sono di colore verde scuro, disposte in file.

Importante! La felce cresce così rapidamente che la sua piantagione dovrebbe essere limitata a vari recinti scavati nel terreno.

Adatto alla coltivazione domestica:

  • Kostenets;
  • Nephrolepis;
  • Davallia;
  • Asplenio;
  • Dixonia;
  • Pteris.

Queste piante decorano perfettamente l'interno della casa. Varietà Junior molto bella con foglie ondulate.

  1. Hecystorteris pumila e Azolla cariliniana sono le piante più basse. La loro lunghezza non supera i 12 mm.
  2. Gli epifiti prosperano su alberi e viti.
  3. Nelle zone montuose puoi trovare i capelli di Venere, una pianta straordinaria con bellissime foglie traforate.
  4. I tronchi degli alberi di grandi felci nei tropici sono usati come materiale da costruzione.
  5. Marsilea quadrifolia si sente benissimo sott'acqua.
  6. Dicranopteris ha piccioli fogliari di forza metallica.

Specie rare di felci:

  • Pettine nano;
  • Legame di Phegopteris;
  • Il multi-vogatore di Brown;
  • Muro di asplenio;
  • Grozdovnik multipart.
  • La felce galleggiante Salvinia è elencata nel Libro rosso della Bielorussia.

Importante! Le piante con belle foglie hanno un valore decorativo, sono spesso utilizzate nella progettazione del paesaggio e quando si elaborano composizioni floristiche..

Quante felci vivono

La domanda "quanti anni vive una felce" non è facile. L'aspettativa di vita dipende dal luogo di crescita e dalle specie. Alle latitudini temperate, la parte terrestre della felce muore con l'inizio del freddo, ai tropici può crescere per diversi anni. Le radici avventizie vengono sostituite ogni 4 anni con altre nuove; il rizoma stesso rimane vitale fino a 100 anni. Questa caratteristica consente alla pianta di sopravvivere in qualsiasi condizione..

Caratteristiche della nutrizione delle piante

Le felci si nutrono estraendo i nutrienti essenziali dalle radici e dalle foglie. La pianta assorbe i microelementi e l'acqua necessari dal terreno. Le foglie sono coinvolte nella fotosintesi convertendo l'anidride carbonica in acidi organici. È così che la felce riceve l'amido e lo zucchero, necessari per la vita di tutti gli organi..

Analisi della struttura delle piante di felce

Gli antenati delle piante di felce avevano una struttura primitiva. Nel processo di evoluzione, è diventato più complesso..

Gambi

Il gambo delle felci è sottosviluppato, di piccole dimensioni. Si chiama rizoma. Certo, le felci tropicali legnose sono un'eccezione. Il rizoma riccio può essere perdonato su lunghe distanze.

Foglie, fronda

La foglia di felce è molto più massiccia del gambo. Non sono del tutto ordinari, hanno caratteristiche distintive di struttura e crescita, varie forme. Molto spesso sono sezionati, piumati. Vayi: questo è il nome delle foglie della felce. Il picciolo è attaccato alla parte sotterranea dello stelo: la radice o il rizoma. Guardandoli, è difficile capire dove finisce lo stelo ea quale livello inizia la foglia. Una caratteristica interessante della fronda è la crescita della punta, che è un ricciolo a forma di lumaca arricciato e che si dispiega gradualmente.

Lo sviluppo delle foglie inizia nelle gemme sottoterra e dura fino a due anni. Solo nel terzo anno possono apparire dal suolo. A causa della crescita apicale, la fronda di felce raggiunge dimensioni molto grandi..

Nella maggior parte delle piante, la fronda partecipa al processo di fotosintesi, vegetazione e, allo stesso tempo, alla formazione di spore. Le spore compaiono in sori, che si trovano sul lato inferiore delle foglie sotto forma di tubercoli singoli o di gruppo.

Sistema di root

L'apparato radicale è costituito da un potente rizoma e numerose radici avventizie. Il tessuto conduttivo sul fusto e sulle radici assorbe l'acqua e la sposta lungo i fasci vascolari fino alle foglie.

Organi riproduttivi

La vita di una felce è divisa in due cicli: asessuale lungo - sporofito e breve sessuale - gametofito. Organi riproduttivi della felce - gli sporangi, dove si trovano le spore, si trovano nella parte inferiore delle foglie. Spore mature fuoriescono dallo sporangio scoppiato e vengono trasportate dal vento lontano dalla pianta madre. Alcuni scienziati confrontano la formazione di spore con la fioritura di altre piante..

Dell'enorme numero di controversie, solo una frazione sopravvive. La fase sessuale inizia quando, in condizioni favorevoli, la spora cresce in una escrescenza aploide (gametofita), che si presenta come una placca verde a forma di cuore di diversi mm di dimensione. Sul lato inferiore della crescita, si formano genitali femminili e maschili: antheridia e archegonia. Le uova e lo sperma formati in essi si fondono con tempo umido e si forma uno zigote, da cui si sviluppa l'embrione di una giovane pianta - uno sporofito.

La pianta può anche riprodursi vegetativamente, quando si formano gemme di covata sugli steli e sulle radici. Questo è importante per i giardinieri dilettanti che coltivano alcune specie sui loro appezzamenti..

Importante! Si nota che bellissime specie rare si riproducono solo per spore.

Confronto con altre piante erbacee

Felci sono felci, equiseti e muschio. Si riproducono tutti per spore e hanno un'origine comune..

Le felci hanno caratteristiche distintive caratteristiche dalle altre piante erbacee:

  1. Differiscono dalle alghe nel rizoma e nelle foglie complesse..
  2. Nei muschi e nelle felci si alternano generazioni di gametofiti e sporofiti. Nei muschi predomina il gametofito, nella felce lo sporofito. La presenza di tessuto conduttivo sotto forma di fasci vascolari rende i rappresentanti di piante simili a felci più adattati a uno stile di vita terrestre.
  3. A differenza delle piante da fiore, si riproducono per spore e non fioriscono..

Grazie alla sua ricca composizione chimica, la felce ha proprietà benefiche per l'uomo. Viene utilizzato per scopi medicinali e in cucina, adatto per la salatura. La medicina tradizionale ha prestato attenzione anche a piante meravigliose..

Felce

Rizoma di felce maschio - Rhizoma Filicis maris

Felce maschio - Dryopteris filix mas Schott

Millepiedi famiglia - Polypodiaceae

Altri nomi:
- shieldworm maschio

Caratteristiche botaniche. La pianta ha due generazioni: sessuale e asessuale. Lo sporofito diploide asessuale è un'erba perenne con un rizoma svernante. Il rizoma è a crescita obliqua, potente, con numerose radici simili a cordoni. L'estremità superiore, crescente, del rizoma porta un mazzo di grandi foglie lunghe fino a 1 m e larghe 20-25 cm, le foglie spiegate sono piegate cocleamente. Il picciolo fogliare lungo fino a 25 cm è densamente ricoperto di scaglie bruno-rugginose, alla sua base è molto succoso e allargato; quando la foglia muore, questa parte del picciolo rimane sul rizoma. La lamina fogliare è di colore verde scuro, di contorno oblungo-ellittico, bipennati, i segmenti del secondo ordine hanno dentelli - sono ottusi, non aciculari. Sulla superficie inferiore della foglia si sviluppano sori marroni, ricoperti da una copertura reniforme, sotto la quale si trovano sporangi ovali contenenti spore marroni su gambe lunghe. Le spore, che germinano, danno una generazione sessuale - un gametofito sotto forma di una piccola escrescenza verde, lamellare, a forma di cuore che forma archegonio e antheridium. Dopo la fecondazione, una generazione asessuata cresce dall'ovulo di archegonia, la pianta sopra descritta.

Dryopteris filix mas Schott - specie altamente variabile.

Diffusione. Sotto la copertura di abete rosso o in stand di abete rosso - nella parte europea della Russia; sotto la copertura di faggio, carpino e quercia - nel Caucaso; sotto l'abete rosso di Shrenk - nel Tien Shan; sotto abete rosso e abete - nella taiga siberiana. La gamma della felce maschio viene così lacerata. Le enormi risorse della felce maschio sono utilizzate in una piccola proporzione: la necessità del rizoma è coperta da spazi vuoti negli Stati baltici, nella regione di Mosca e nel Transcaucaso.

Habitat. La felce maschio cresce nelle foreste ombrose umide.

Raccolta, lavorazione primaria ed essiccazione. I rizomi vengono scavati in autunno o all'inizio della stagione di crescita (aprile-maggio). Per preservare i boschetti, è consentito raccogliere i gamberetti sullo stesso boschetto non più di una volta ogni 20 anni..

Le materie prime scavate vengono scosse dal terreno, le foglie vengono tagliate fino alla base e le parti essiccate dei piccioli fogliari e delle radici vengono pulite con un coltello. Sui rizomi rimangono basi giallo-verdi sotterranee di piccioli lunghi 5-7 cm.

Nella felce femmina (Athyrium filix femina Roth.), Il rizoma è eretto, i piccioli fogliari sono quasi neri all'esterno, di forma trilaterale con due grandi fasci conduttivi ("pilastri"). Nello struzzo operatore - Matteucia struthiopteris (L.) Todar - il rizoma è eretto, sono presenti 2 grandi "pilastri" nei piccioli.

Essiccato all'ombra, in locali ben areati o in essiccatoio ad una temperatura non superiore a 40 ° C. Durante la conservazione, le materie prime perdono rapidamente i loro principi attivi, quindi è necessario lavorarle il prima possibile.

Standardizzazione. La qualità delle materie prime è regolata da GF X.

Misure di sicurezza. Durante la raccolta, devi essere moderato, non puoi scavare completamente tutte le piante, devi lasciare alcune piante intatte per ripristinare la boscaglia.

Segni esterni. Si tratta di rizomi interi lunghi 5-20 cm, spessi 2-3 cm, che insieme alle basi dei piccioli fogliari lo ricoprono fino a 5-7 cm È consentita la presenza di basi separate dei piccioli. Le basi dei piccioli sono ricoperte da scaglie pellicole marrone chiaro. Il colore del rizoma e dei piccioli che lo ricoprono è bruno-nero all'esterno, verde chiaro o giallo-verde in una fresca pausa, la rottura è uniforme. Un colore marrone su una frattura indica la stantia delle materie prime e inadatte all'uso. Odore debole, sapore leggermente irritante, sgradevole.

Quando si raccolgono i rizomi di una felce maschio, è necessario essere in grado di distinguerlo da possibili impurità.

Nella felce femmina Athyrium filix-femina (L.) Roth, le foglie sono tenere, triplo pennate, con piccoli lobuli. I Sori si distinguono per la loro forma oblunga. I rizomi sono seduti con le basi dei piccioli, che hanno una forma triangolare e un colore quasi nero. Bilance per tutti i bordi.

Nello struzzo operatore Matteuccia struthiopteris (L.) Todar da questo. Le foglie di Onocleaceae sono molto simili alla felce maschio, ma non portano sori e crescono fino a formare un imbuto, al centro del quale vi sono diverse brevi foglie marroni portatrici di spore. Il rizoma è grande, eretto, ovale. Squame marrone scuro, intere, basi di piccioli triangolari.

Nella felce dell'ago Dryopteris carthusiana (Vill.) H.P. Fuchs (= D. Spinulosa O. Kuntze) foglie di forma triangolare, sezionate due e tre volte; i denti marginali sono estesi in un ago morbido. I rizomi sono più piccoli; le squame lungo il bordo sono ricoperte di peli capitate.

Nella felce austriaca Dryopteris austriaca Woynar ex Schinr et Thell. foglie di contorno triangolari, tre volte pennate, il lobulo inferiore del secondo ordine è molto più lungo degli altri. Il rizoma è caratterizzato da squame recanti un'ampia striscia scura longitudinale.

Microscopia. La struttura del rizoma e dei piccioli fogliari sulle sezioni trasversali è fondamentalmente la stessa. I fasci conduttivi (i cosiddetti pilastri) si trovano alla periferia, ovali nel contorno, concentrici, centroxylem. Xylem è costituito da tracheidi di grandi dimensioni, colorate di rosso con floroglucinolo con acido cloridrico. Ogni fascio vascolare è circondato da una fila di cellule endodermiche brunastre. Il tessuto principale è costituito da cellule vagamente localizzate del parenchima a pareti sottili, che formano ampi spazi intercellulari. Negli spazi intercellulari ci sono speciali cellule verdastre chiamate cellule di Schacht. Sono arrotondati e allungati in una gamba..

Il contenuto delle cellule della miniera diventa rosso con vanillina e acido cloridrico concentrato.

Indicatori numerici. Umidità non superiore al 14%; ceneri totali non più del 3%; rizomi, marroni nella frattura, scarsamente ripuliti da radici e resti di foglie morte, non più del 5%. È consentito il contenuto non superiore al 2% di minerali e non superiore all'1% di impurità organiche. La qualità delle materie prime è valutata anche dal contenuto della somma dei floroglucidi - "filicina grezza", che deve essere almeno dell'1,8% (metodo gravimetrico).

Composizione chimica. La qualità del rizoma è giudicata principalmente dal contenuto di "filicina grezza", ovvero la somma dei floroglucidi: acido filico - filicina (fino al 3,5%), acido flavaspidico (fino al 2,5%), aspidinolo, albaspidina (0,05% ). Si tratta di cloroglucidi butirilici di varia complessità strutturale. Il composto più semplice è l'aspidinolo, che contiene un anello di floroglucinolo. Tutti gli altri componenti della filicina sono floroglucidi di- o trimerici, in cui i composti vicini all'aspidinolo fungono da monomeri. Il dimero è l'albaspidina, il trimero è l'acido filico; più anelli, più forte è l'effetto farmacologico.

I rizomi della felce maschio, oltre ai floroglucidi, contengono amido, saccarosio, tannini (7-8%), olio grasso (fino al 6%), acidi grassi volatili e loro esteri (acido butirrico, ecc.).

Conservazione. Periodo di validità non superiore a un anno in stanze asciutte e buie.

Proprietà farmacologiche. I derivati ​​del floroglucinolo ei loro prodotti di decomposizione sono piuttosto velenosi, ma sono particolarmente tossici per le cellule muscolari di vermi e molluschi. L'acido filicico paralizza il tessuto muscolare dei vermi.

Medicinali. Estratto di felce maschio denso, "Filixan" in compresse da 0,5 g.

Applicazione. In medicina viene utilizzato un estratto denso di felce maschio (elenco B). È una massa densa e inattiva di colore verde o verde-brunastro di un odore sgradevole. È usato contro tenie e ossiuri. I preparati di felce sono particolarmente efficaci per le invasioni da tenia bovina e suina, tenia larga. È usato non solo in medicina, ma anche in medicina veterinaria. Filixan viene utilizzato allo stesso modo.

Il trattamento con preparati di felce, a causa della loro tossicità, viene effettuato solo su raccomandazioni e sotto la supervisione di un medico, sotto la sua stretta supervisione..

Nella medicina popolare, l'infuso di rizomi viene utilizzato per bagni con reumatismi e contrazioni convulsive dei muscoli delle gambe.

Felce o maschio nano

Caratteristiche botaniche della felce

Felce maschio o felce maschio - Dryopteris filix-mas (L.) Schott è un'erba perenne della famiglia delle tiroidi (Aspidiaceae) con un potente rizoma marrone scuro. Il rizoma ricopre le parti più basse dei piccioli delle foglie vecchie, di conseguenza appare come una formazione cilindrica tuberosa lunga da 10 a 40 cm, a volte spessa come un braccio. Numerose radici sottili si estendono dal lato inferiore del rizoma e la sua estremità superiore termina in un mazzo di foglie.
La maggior parte delle felci è caratterizzata da foglie grandi. La tiroide maschile non fa eccezione: le sue foglie raggiungono una lunghezza di 1 mo più. Le foglie sono di colore verde scuro, oblungo-lanceolate nel profilo generale, doppie pennate. Le foglioline, in cui viene sezionata la foglia, diventano più corte e più piccole verso la parte superiore della foglia. I loro lobi terminali sono lanceolati, con un bordo frastagliato. Le foglie hanno piccioli spessi ricoperti da scaglie membranose lanceolate marrone chiaro. Anche la vena principale sul lato inferiore della foglia è ricoperta dalle stesse squame brunastre..
Le foglie di felce differiscono per origine da quelle delle piante da seme. Sono nati nel processo di evoluzione come risultato dell'accrescimento e dell'appiattimento di interi germogli, motivo per cui i botanici chiamano foglie di felce vayami. La prova della natura del fusto della fronda è dimostrata in primavera, quando le giovani "foglie" piegate a forma di chiocciola delle felci si aprono e iniziano a crescere con la loro punta come uno stelo, e questa crescita continua per quasi tutta l'estate. (Le foglie vere, inerenti alle piante da seme, si schiudono dal bocciolo entro pochi giorni, raggiungono la loro dimensione caratteristica e non crescono più.)
Sul lato inferiore della fronda di una felce maschio lungo la nervatura centrale, ci sono speciali formazioni rotonde in due file regolari, i cosiddetti sori, ricoperti da coperture speciali, che dapprima hanno un colore verde-giallastro, e poi marrone. Sorus è un gruppo di sporangi, in cui si sviluppano e maturano le spore, che sono le stesse per una felce come semi per piante da fiore. Nella felce maschio le spore fuoriescono e vengono trasportate dal vento da fine giugno a settembre. È dalle spore che la pianta nana maschio si riproduce, così come altre felci. Dopotutto, non può fiorire, nemmeno la notte di Ivan Kupala, non importa come ci convincano di questo.

Diffusione di felce

Lo scudo maschio è diffuso in tutto l'emisfero settentrionale. Nel nostro paese, si trova nella foresta e nella zona della steppa forestale della Russia europea, così come nelle montagne della Siberia meridionale. Cresce principalmente nelle foreste di abeti rossi, abeti e latifoglie, ma non è raro in molti altri tipi di foreste di conifere, miste e decidue, così come negli anfratti forestali. In alcuni punti forma boschetti in aree abbastanza grandi.

Caratteristiche della raccolta della felce maschio

I rizomi della felce maschio vengono scavati in autunno. Vengono accuratamente scosse dal terreno o lavate in acqua, le foglie vengono tagliate e pulite da piccole radici, appassite, quindi essiccate all'ombra all'aria o in essiccatoi alla temperatura di 40 ° C. Per accelerare l'essiccazione, i grandi rizomi vengono tagliati su e giù. I rizomi dovrebbero essere conservati in confezioni strette per un anno. Nello stesso luogo, la felce può essere raccolta solo dopo 20 anni, lasciando intatti il ​​30% di esemplari per la riproduzione. Poiché la radice perde il suo effetto medicinale durante la conservazione a lungo termine, si consiglia di rinnovare le sue riserve ogni anno.

Il valore medicinale della felce e i metodi di uso medicinale

Gli slavi hanno molte leggende associate a questa pianta, specialmente quella che la felce presumibilmente fiorisce, anche se nessuno ha mai visto i suoi fiori. Questa bellissima leggenda è associata al giorno di Ivanov, il 7 luglio, il giorno della Natività di Giovanni Battista, il profeta che predisse la venuta di Gesù Cristo e lo battezzò in Giordania.
In ricordo della cerimonia battesimale, nacque l'usanza di fare il bagno nel giorno di mezza estate. Si credeva che in questi splendidi giorni d'estate, l'acqua acquisisse proprietà curative miracolose che purificarono il corpo da tutta la sporcizia. Ragazze e ragazzi hanno ballato in cerchio, bruciato falò "Kupala", saltato sul fuoco, liberandosi dalle "brutte disgrazie". E i più coraggiosi di notte si sono fatti strada nella giungla profonda alla ricerca di un fiore di felce.
Si credeva che "il paport sboccia con un colore infuocato solo la notte prima del giorno di mezza estate e chiunque riuscirà a strapparlo ed è così coraggioso troverà il tesoro". Il fiore era considerato una pozione magica (buona per la stregoneria). Molte superstizioni erano collegate a lui..
La felce non è dimenticata a Domostroy: “C'è un'erba felce con un cuore (cioè senza nucleo), cresce ad est con la sua faccia. Scavala a Giovanni Battista, porta una radice con l'erba addosso: dovunque vada, nessuno si adira con quella persona, anche se non è un amico, ma non penserà al male "..
Per secoli, le persone hanno usato il rizoma, che, sebbene non portasse molta ricchezza, ma la radice in polvere ha aiutato a sbarazzarsi di tenia e vermi. Sapevano di questo vantaggio della felce in Europa e in Asia. Dioscoride consiglia: "Chi vuole bere una felce deve prima mangiare un po 'di aglio". Teofrasto osservò: “Gli egiziani, gli arabi, gli armeni, i siriani e i cilici di solito hanno i vermi. Degli Elleni li hanno i Tebani che frequentano le palestre e in generale i Beotin. Gli ateniesi non li hanno. " Non c'è bisogno di mettere in discussione le dichiarazioni del padre dei botanici, così come è inutile cercare qui una certa regolarità. I vermi non fanno nemmeno i conti con la posizione più alta: ad esempio, l'esausto Luigi XVI fu costretto a pagare un sacco di soldi per la ricetta del farmaco, che includeva il rizoma di felce.
In Russia alla fine del XIX secolo. annualmente sono stati raccolti più di 2mila pood di rizomi, che sono stati esportati, il che indica la popolarità di questo prodotto fin dai tempi antichi.
Quindi, come rimedio nella medicina scientifica, vengono utilizzati i rizomi della felce maschio, la cui composizione chimica è ben studiata. Vengono prodotti preparati a base di rizoma: estratto denso in capsule di gelatina ed estratto secco in pillole (filixan), che vengono utilizzati per varie elmintiasi.
Va ricordato: questi farmaci sono controindicati per chi soffre di epatopatia cronica, malattie renali ed epilessia.

Il principale farmaco utilizzato per la cestodosi intestinale (un gruppo di malattie elmintiche causate dalla tenia) è l'estratto di felce maschile. Per un effetto più efficace del farmaco, l'intestino viene liberato il più possibile dalle masse di cibo. Due giorni prima di assumere l'estratto, al paziente vengono prescritti zuppe di verdure, cereali, gelatina, pesce bollito, latticini, cracker bianchi, tè, esclusi carne, grassi e olio. I parassiti muoiono a causa della paralisi muscolare. Il trattamento con questi farmaci deve essere effettuato rigorosamente sotto la supervisione di un medico, tenendo conto della dose, delle condizioni fisiche e dell'età del paziente..

Controindicazioni
I preparati di felce maschio sono tutt'altro che sicuri, non possono essere utilizzati per alcune malattie cardiovascolari, disturbi gastrointestinali, gravidanza, grave esaurimento, allattamento, tubercolosi attiva e, in generale, è necessario prestare attenzione, poiché questa pianta è velenosa. L'assunzione di farmaci da esso può causare avvelenamento.
Segni di avvelenamento con farmaci per la felce maschile: nausea, singhiozzo, eruttazione, vomito, diarrea, vertigini, mal di testa, depressione respiratoria e cardiaca, ittero, convulsioni, disturbi visivi. Pronto soccorso e trattamento: lavanda gastrica, lassativi salini, bagni caldi. Attenzione! L'olio di ricino non dovrebbe essere preso in quanto può portare alla cecità.

La radice di felce fresca, nera e forte ha le migliori proprietà curative. Ma è molto velenoso! Pertanto, il dosaggio indicato deve essere rigorosamente rispettato! La polvere preparata dai rizomi del timo aiuterà a sbarazzarsi dei vermi piatti se la prendi in una quantità di 12 g con vino, dopo aver bevuto un bicchiere di latte. Se bevi 9 g di polvere con vino, puoi sbarazzarti dei vermi lunghi.

Nella medicina popolare, la felce maschio viene utilizzata come emostatico.
Prendendo il suo decotto all'interno si ferma l'emottisi, purifica il fegato e apre il blocco.
Va ricordato che la pianta è molto velenosa, quindi può essere utilizzata solo sotto la supervisione di un medico, osservando rigorosamente il dosaggio!
La felce è usata esternamente per trattare le vene con tromboflebite.
Schiaccia la parte aerea della felce maschio appena colta. Mescolare un cucchiaio della massa tritata con la stessa quantità di latte acido, mescolare bene e applicare uno strato uniforme su una garza, che viene poi messa sulle zone dolenti. Metti i piedi sul cuscino e copri con il cellophane. Dopo mezz'ora, rimuovere la garza e ungere le gambe con panna acida dal basso verso l'alto. Il trattamento deve essere effettuato entro 3-4 giorni. Dopo alcuni giorni il trattamento può essere ripetuto.

Per i reumatismi, varie ulcere e contrazioni convulsive dei muscoli delle gambe, sono stati prescritti bagni.
Si fanno bollire 50 g di rizoma secco o 100 g di rizoma fresco per 2-3 ore in 2-3 litri d'acqua. Temperatura del bagno - 28-30 "C. La polvere di radice applicata alle ulcere le asciuga bene.
Secondo Sedir, la felce maschio è governata da Saturno, influenzata da Marte e sta curando il Sagittario.

Felci

Le felci (Polypodiophyta) sono la divisione più abbondante di piante vascolari senza semi, con circa 11.000 specie viventi. Studi recenti hanno dimostrato che potrebbero essere i parenti più stretti delle piante da seme. Oggi è un gruppo fiorente e diffuso, con il 75% delle sue specie che si trova ai tropici. Le foreste pluviali, che includono felci arboree, esistono nei tropici e subtropicali dell'Australia, dell'America e dell'Asia.

Proprio come gli equiseti e i balun, le felci sono il gruppo di piante più antico. Sono apparsi alla fine del Paleozoico - l'inizio del Mesozoico. Le specie arboree di felci, che facevano parte delle foreste del periodo Carbonifero, hanno svolto il ruolo più importante nella composizione della copertura vegetale della Terra..

Foresta carbonifera. Fonte: https://lib.nspu.ru/umk/

Forme di vita di felce

Oggi le felci crescono in tutti i continenti tranne l'Antartide e in varie condizioni ecologiche. Ma la più grande diversità delle loro specie e forme di vita si presenta nelle umide foreste tropicali e subtropicali. Alle latitudini temperate, tutte le felci, ad eccezione della salvinia galleggiante, sono piante erbacee con rizomi sotterranei corti o lunghi.

Nelle felci a radice lunga (golokuchnik Linnaeus, felci, ecc.), Le foglie sono a grande distanza l'una dall'altra per la presenza di internodi lunghi diversi centimetri. Nella maggior parte delle felci, le foglie formano una rosetta su brevi rizomi. La loro rosetta spesso muore in autunno e la base rimane su uno stelo sottile (fino a 1 cm).

Nelle foreste subtropicali e tropicali, le forme di vita delle felci sono più diverse. Le forme striscianti terrestri crescono lì all'ombra, le specie con germogli corti eretti sono meno comuni..

Le felci terrestri più piccole del genere Trichomanes hanno una lunghezza da 3-4 mm a 2-4 cm, e le specie più grandi del genere Angiopteris della famiglia delle Marattiaceae, che spesso formano fitti boschetti, hanno fusti tuberosi fino a 1 m di diametro. le foglie crescono di 5-6 m di lunghezza con piccioli lunghi e robusti e lame fogliari molto sezionate.

Angiopteris evecta.
Autore: Not tirt, CC BY-SA 4.0

Molte epifite superficiali, principalmente della famiglia Hymenophyllaceae, si trovano in condizioni di eccessiva umidità; le loro foglie inferiori trasparenti 1-3 strati di cellule sono prive di stomi e assorbono l'umidità atmosferica su tutta la superficie del corpo. Gli epifiti che vivono nelle chiome e sui tronchi degli alberi sono in condizioni di carenza di umidità, e quindi hanno foglie dense, coriacee o fortemente pubescenti.

Una delle meravigliose felci epifite che conferisce un aspetto particolare alle foreste del Vecchio Mondo: l'asplenio nidificante, o nido di uccello, da lontano crea l'impressione di enormi nidi di uccelli. I suoi germogli corti e spessi sono saldamente attaccati ai tronchi e ai rami degli alberi con l'aiuto di numerose radici intrecciate e fortemente pubescenti. Nella parte superiore dei germogli si formano rosette di foglie coriacee incredibilmente belle, che a volte raggiungono i 2 m di lunghezza. L'intera massa di foglie e radici è in grado di accumulare humus e assorbire umidità dall'atmosfera, fornendo sia cibo che acqua..

In tutte le foreste tropicali sono diffuse specie del genere Platycerium, o corna. I loro steli corti sono anche attaccati alla corteccia degli alberi da numerose radici. Le foglie vegetative hanno la forma di piatti arrotondati piatti, che sono premuti saldamente contro il tronco con le loro basi, e le loro cime restano dietro lo stelo, formando una nicchia a forma di tasca. La corteccia in ritardo degli alberi e le foglie cadenti della pianta stessa si accumulano in una nicchia, cioè formano il proprio terreno.

In un platycerium grande in una tale nicchia, più di 1 m di profondità, possono accumularsi fino a 100 kg di terreno; sotto il loro peso gli alberi portatori vengono talvolta capovolti. Un po 'più tardi, compaiono foglie vegetative o spore, dicotomicamente o ramificate a dita, per le quali la felce ha ricevuto il nome di corna.

Insieme alle forme altamente specializzate sopra descritte, vi sono molte piccole epifite ed epifille appartenenti ai generi Trichomanes e Schizaea. Le foglie di alcune specie sono ricoperte da peli igroscopici che assorbono l'umidità dall'atmosfera e riducono l'evaporazione. In altri, non contengono peli, ma nel periodo di siccità possono andare in animazione sospesa..

Le felci a forma di vite sono molto meno comuni. Alcuni di loro semplicemente poggiano su tronchi d'albero, altri sono dotati di radici avventizie, spine su foglie o piccioli sottili.

Di grande interesse è il genere Ligodium, che ha una forma di vita unica di una vite frondosa. Le radici si estendono lungo il suo lungo germoglio strisciante dal lato inferiore, e sul lato superiore in due file ci sono foglie pennate molto particolari e moltiplicate; i loro piccioli sono capaci di una crescita molto lunga, raggiungendo talvolta una lunghezza di 30 m. Attorcigliandosi attorno ai tronchi, portano i lobi delle foglie più vicini alla luce.

Le felci arboree, che fanno parte di 8 generi, sono molto particolari. Molti di loro, ad esempio Cyathea e Dicksonia, sono confinati nelle regioni montuose delle zone tropicali e subtropicali, dove formano graziosi boschetti. La maggior parte delle felci arboree raggiunge da 5-6 a 10 m, gli esemplari rari hanno una dimensione massima di 20-25 m con un diametro di 50 cm I loro tronchi, di regola, non si ramificano e formano una corona traforata di foglie pennate lunghe 2-3 m nella parte superiore ( in cyatea fino a 5-6 m).

Le radici si formano sotto ogni foglia, alcune delle quali raggiungono la superficie della terra, mentre altre rimangono ariose. Le radici dello stelo sono anche perforate con fasci di sclerenchina, che conferisce loro maggiore forza. I piccioli diretti verso l'alto e le radici rivolte verso il basso, intrecciandosi, formano un forte cilindro attorno al fusto, come una maglia di armatura, che svolge una funzione di sostegno. Ma in sostanza, le felci arboree sono erbe giganti..

Cyathea microdonta.
Di Alejandro Bayer Tamayo, CC BY-SA 2.0

Poiché le felci mancano di cambio, mancano anche di legno secondario, la resistenza meccanica è ottenuta grazie alla guaina sclerenchima attorno ai fasci vascolari; solo occasionalmente la corteccia esterna è costituita da tessuto meccanico. Pertanto, il cilindro foglia-radice esterno svolge la principale funzione di supporto. Con l'invecchiamento della pianta, la base del suo tronco muore e collassa, ma il tronco non cade, poiché è tenuto da radici pendenti come su trampoli.

È impossibile tracciare una linea netta tra erbe e forme simili ad alberi. All'interno di una specie, la dimensione delle felci può variare da diversi decimetri a diversi metri, il che è in gran parte determinato dalle condizioni del suolo e della temperatura..

Le felci acquatiche includono solo pochi generi di erbe che vivono nell'acqua o nelle paludi..

Azolla filiculoides - felce, Salvinia natans (felce), Ricciocarpos natans (briofita).
Autore: Christian Fischer, CC BY-SA 3.0

Anche un elenco così breve di forme di vita parla di una grande diversità morfologica di felci, questo vale per foglie, steli e germogli in generale.

Struttura della felce

Lo sporofito delle felci è strutturalmente più complesso di quello dei muschi. Ha tessuti vascolari e un corpo ben differenziato in fusti, radici e foglie. Come gli equiseti, contengono germogli modificati sotterranei orizzontali - rizomi. Nei climi temperati nelle felci erbacee, all'inizio della stagione di crescita, si formano foglie arrotolate di lumaca dai boccioli sul rizoma. Strettamente attorcigliati, superano facilmente gli ostacoli e raggiungono la superficie del terreno, dove possono già aprirsi tranquillamente senza danni.

Le caratteristiche principali delle felci:

  • mancanza di cambio;
  • macrofilia (a foglia larga);
  • niente strobila.

Rizoma di felce

Le caratteristiche morfologiche delle felci incontrano spesso difficoltà terminologiche, poiché i termini ei concetti sviluppati per le piante da fiore non sono sempre accettabili per le felci. Questo si riferisce principalmente al concetto di rizomi di felce, che durante lo sviluppo possono cambiare la sua natura.

Nelle specie studiate di felci rizoma, lo zigote forma quattro cellule durante la divisione; da un haustorio nasce, dal secondo - la radice, dal terzo - la foglia, dal quarto - lo stelo, ad es. fusto, radice e foglia sono organi omologhi equivalenti. Molto spesso, la radice e la foglia embrionali sono davanti allo stelo nel loro sviluppo, quindi si forma una foglia con una radice alla base. Alla base del picciolo della prima foglia, viene posto un tubercolo meristematico, formando una nuova foglia con una radice alla base.

La foglia successiva nasce da un tubercolo situato alla base del picciolo della foglia precedente. Le basi di tutte le foglie e le radici appena emergenti formano collettivamente un rizoma che è unico per tutte le piante superiori viventi. A volte è chiamato filogenico, ad es. sviluppandosi dalle foglie. Tuttavia, nel corso dell'ontogenesi, il rizoma filogenico viene sostituito dal solito; allo stesso tempo, il tubercolo meristematico (punto di crescita) inizia a formare uno stelo con gemme fogliari.

Nelle felci a rizoma lungo, all'apice, nelle immediate vicinanze della cellula iniziale apicale (apicale), un tubercolo è isolato dalle cellule meristematiche. Da esso può svilupparsi un rizoma laterale o una foglia, il che indica anche l'omologia di questi organi. La parte superiore del rizoma delle felci a rizoma lungo può essere ricoperta da numerose squame o rimanere completamente nuda.

Nelle forme a rizoma corto, nella parte superiore, le foglie speciali sono posate con una lama fogliare sottosviluppata e una base ben sviluppata - liddopode, forniscono una protezione aggiuntiva per il germoglio svernante. La ramificazione di una pianta può essere effettuata non solo a scapito dei germogli del fusto, ma anche dei germogli che sorgono sui piccioli delle foglie o sulle lame delle foglie. Spesso tali gemme fogliari formano immediatamente giovani rosette, che cadono e svolgono la riproduzione vegetativa; tali piante sono chiamate vivipare.

In alcune felci, ad esempio, nella nefrolepis tuberosa, sottili rizomi a forma di stolone, privi di foglie e ricoperti di squame coriacee, si sviluppano dai germogli dello stelo. Venendo alla superficie della terra, formano una nuova rosetta. Inoltre, sugli stoloni compaiono rami laterali tuberosi, che svolgono la riproduzione vegetativa.

Le radici avventizie delle felci differiscono dalle radici vere, così come quelle dei licopodi e degli equiseti, in quanto non possono essere adagiate su parti già formate dei germogli. Le radici di felce vivono 3-4 anni.

Gambo di felce

I tronchi (nelle forme erbacee dei rizomi) nella loro giovinezza hanno il più delle volte un protostele centrale, che nelle parti più vecchie si trasforma in una struttura del tipo a sifone e polistilo delle forme più diverse, il più delle volte con uno xilema centrale e un floema periferico. Occasionalmente si formano anche vasi (come in Pteridium aquilinum).

Il fascio conduttore è circondato da exoderm. Non c'è ispessimento secondario e la forza dei tronchi si ottiene in modo diverso rispetto a Lycopodiopsida ed Equisetopsida: numerosi fasci di tracce di foglie molto spesso passano a grande distanza nella corteccia e, insieme alle placche sclerenchimali, rinforzano il fusto. In alcune felci arboree, la forza del tronco è anche aumentata a causa del mantello di radici avventizie dure. A volte una tale copertura può essere estremamente spessa (fino a diversi decimetri).

Organi simili a foglie di felce

Gli organi fogliari specifici delle felci sono fronde. Sono caratterizzati da una crescita a lungo termine dell'apice, che si manifesta nella formazione di una lumaca (ad eccezione delle lumache) e una fitta rete di vene abbondantemente ramificate. Lo sviluppo delle foglie nel sottosuolo dura spesso diversi anni e, sopra il terreno, viene completato entro 1-1,5 settimane. In alcune felci, ad esempio, nel capelvenere, comptosorus, le foglie mostrano una natura a stelo: i loro rachidi si allungano in una sferza simile a uno stelo e, dopo aver raggiunto la superficie della terra, mettono radici per formare una nuova rosetta. Nel ligodium leaf rachis, il suo comportamento ricorda anche uno stelo.

Secondo la struttura istologica (la presenza di palizzata e parenchima spugnoso), queste foglie assomigliano in gran parte alle foglie delle piante terrestri superiori, tuttavia, le cellule epidermiche nelle felci contengono più spesso cloroplasti.

Le basi di foglie, piccioli e lame fogliari in molte specie sono ricoperte da squame, che a volte sono considerate microfila (piccole foglie) - foglie di origine enation. La varietà delle loro forme, dimensioni, colori è un'importante caratteristica sistematica..

Le felci più tipiche sono fronde sezionate in modo doppio, tre volte o più pinnatamente. La parte centrale della lamina fogliare, che rappresenta la continuazione del picciolo, è chiamata rachide, ei lobi laterali del primo e dei successivi ordini sono, rispettivamente, piume e piume.

Insieme alle foglie sezionate, ci sono foglie intere in diverse famiglie. È caratteristico che nelle foreste tropicali umide, le piccole felci, di regola, hanno foglie intere e tutte le grandi hanno lame fogliari sezionate. Questo, a quanto pare, è associato alla natura delle piogge tropicali in cui potenti flussi d'acqua passano liberamente attraverso la lama fogliare sezionata, senza violare la sua integrità. La venatura delle foglie non è meno varia dalla più primitiva aperta alla più perfetta: reticolare.

Nella maggior parte delle specie di felci, le foglie combinano due funzioni: fotosintesi e sporulazione, tuttavia, in molte specie si osserva dimorfismo fogliare - alcune svolgono la funzione di fotosintesi, mentre altre - solo sporulazione, ad esempio, nello struzzo, tricomi.

Alcune specie (uzovnikov, osmund) hanno dimorfismo delle parti fogliari. Il materiale paleontologico mostra che tutti e tre i tipi di foglie esistevano già nel primo Paleozoico e si formavano indipendentemente l'uno dall'altro..

Sori sulla fronda di felce

L'analisi degli organi vegetativi della felce rivela la capacità di trasformare un organo in un altro, questo indica che la differenziazione in organi in essi non è sempre fissata rigidamente geneticamente.

Allevamento di felci

Le felci si riproducono vegetativamente, asessualmente e sessualmente. La propagazione vegetativa è diffusa tra le felci. Spesso viene eseguito con l'aiuto di gemme di covata che sorgono su foglie, steli e radici. La trasformazione di steli e persino foglie in stoloni striscianti serve anche per la propagazione vegetativa. La riproduzione asessuata avviene a causa delle spore, la maggior parte delle specie sono ugualmente piante di spore, il numero di felci eterogenee tra le felci è piccolo.

Fronda di felce con sori sul bordo

Di regola, i gruppi di sporangi - sorus compaiono sul lato inferiore delle fronde generative o miste in primavera (il singolare è sorus). Nelle specie più primitive i singoli sporangi si trovano ai margini delle foglie, o alla sommità dei loro lobi, mentre ogni sporangio è provvisto di una vena indipendente. Questo assomiglia alla disposizione apicale degli sporangi alle estremità dei telomi vascolarizzati dei rinofiti. Durante lo sviluppo, i sori sono spesso protetti da una membrana trasparente, quindi esternamente assomigliano a lesioni causate da batteri o insetti. A Marattia, i sori, crescendo insieme, formano la sinangia.

La disposizione di sporangi o sori sul lato inferiore della foglia risulta essere biologicamente benefica:

  • in primo luogo, viene assicurata una protezione affidabile degli sporangi durante la loro maturazione e allo stesso tempo l'intensità della fotosintesi non diminuisce;
  • in secondo luogo, viene assicurata la dispersione uniforme delle spore;
  • in terzo luogo, crea la possibilità di una grande produzione di sporangi su tutta la superficie della foglia, piuttosto che solo lungo il bordo.

Ciclo di sviluppo della felce

Il ciclo vitale di una felce differisce dai muschi per la dominanza e una maggiore indipendenza della fase sporofitica asessuata. I loro sporofiti possono avere un diametro inferiore a un centimetro (come nelle felci acquatiche come l'Azolla) o più di 24 m di altezza, con foglie fino a 5 mo più nelle felci arboree. I gametofiti sono molto piccoli e raramente raggiungono i 6 mm di diametro. Sia il gametofito che lo sporofito delle felci contengono cloroplasti e sono capaci di fotosintesi.

Ciclo vitale della felce

Le cellule spore materne diploidi negli sporangi subiscono la meiosi, producendo spore aploidi. Le spore mature vengono espulse dallo sporangio. Le controversie possono rimanere in sospeso da diversi a decine di anni. Quelli di loro che cadono in condizioni adeguate possono germogliare e dare origine a un gametofito fotosintetico - una conseguenza - della fase sessuale del ciclo vitale. Per la germinazione delle spore, sono richieste umidità, temperatura positiva, una certa acidità del suolo, intensità e qualità della luce, specifiche per ogni specie.

Il germe di felce è spesso una cellula, ad eccezione della parte centrale, ea forma di cuore, ha rizoidi che li fissano nel terreno. Nella maggior parte delle omospore conducono uno stile di vita terrestre, effettuando una nutrizione autotrofa. La loro durata di vita, di regola, è calcolata in diversi mesi e solo in alcune specie primitive, i gametofiti vivono per diversi anni (a volte fino a 10-15).

I rizoidi non sono vere radici, non hanno tessuti conduttivi, ma aiutano a trasportare l'acqua e le sostanze nutritive dal suolo..

L'archegonia a forma di fiasco (organi genitali femminili) e l'anteridia globulare (maschio) sono prodotte su una o diverse escrescenze. Gli archegoni si formano più spesso più tardi degli antheridia, il che favorisce la fecondazione incrociata. Con un'alimentazione molto scarsa, la formazione di archegonia è completamente soppressa.

Le cellule aploidi sessuali in tutte le cellule spore si formano come risultato della mitosi delle cellule aploidi. L'archegonia multicellulare forma un uovo ciascuno e fornisce protezione per gli embrioni. Gli spermatozoi formati negli antheridia sono dotati di flagelli, con l'aiuto dei quali nuotano verso l'archegonia in presenza di acqua durante la pioggia, la rugiada, o vicino alle felci acquatiche proprio nel fiume. Si muovono, concentrandosi sulle sostanze chimiche prodotte dall'archegonio.

Dopo la fecondazione dell'uovo con uno sperma, si forma uno zigote diploide, che si sviluppa in un nuovo sporofito. Un embrione di felce in via di sviluppo ha una protezione più affidabile di quella delle alghe charo. Ma anche lei non può entrare nella fase di riposo per sopravvivere al rigido inverno come embrione di seme.

Sarai interessato

In botanica, le foglie sono organi vegetativi, parti del germoglio delle piante vascolari. Normalmente si sviluppano...

La botanica è una branca complessa della biologia che studia le piante. Come scienza, è apparso sulla base di pratiche...

L'equiseto (Equisetum) è l'unico genere moderno di piante di spore vascolari, più spesso isolato in una divisione indipendente Equiseto....

Plown, o Lycopodium (Lycopodium, da Lycos - lupo, Podos - gamba) è un genere della classe...

Qual è la struttura di una felce - caratteristiche di foglie, radici di felce

Le piante simili a felci esistono da molto tempo e sono rappresentate da un'ampia varietà di forme di vita. Le prime di queste piante apparvero presumibilmente 400 milioni di anni fa. Ora vivono principalmente in luoghi con elevata umidità. La speciale struttura li aiuta ad adattarsi facilmente alle nuove condizioni di crescita.

Descrizione generale delle piante di felce

Esistono diverse versioni di cosa sia una felce. La comunità scientifica lo classifica tra le piante più antiche: i rinofiti. Nel processo di evoluzione, la struttura della felce è diventata più complessa, motivo per cui la felce è classificata come pianta superiore..

La felce non può essere confusa con nessun'altra pianta

Diversi fatti che supportano questa opinione:

  • La pianta si sviluppa in cicli.
  • C'è un sistema vascolare sviluppato.
  • I cespugli si distinguono per una buona adattabilità al modo di vivere sulla terraferma.

Le felci sono arbusti perenni appartenenti al portatore di spore. Tuttavia, molti coltivatori di fiori sono ancora preoccupati per la domanda: una felce è un arbusto o erba. Entrambe le risposte sono positive..

Interessante! Ci sono piante così alte da essere considerate alberi.

Le felci si distinguono per una varietà di colori e colori. Pertanto, ogni pianta è bella a modo suo e decorerà sicuramente il luogo in cui cresce. Questi arbusti insoliti sono spesso usati nella progettazione del paesaggio e negli interni domestici. Difficilmente si ammalano con cure adeguate..

La pianta sembra un arbusto sempreverde e non fiorisce. Tuttavia, per gli slavi, questo fiore era e rimane un simbolo di amore e felicità. C'è una tradizione per cercarlo nella notte delle vacanze di Ivan Kupala.

Classificazione biologica delle felci

La classificazione delle felci è piuttosto difficile a causa del gran numero di specie. Gli scienziati hanno tentato a lungo di costruire un sistema. C'erano circuiti di prova che erano diversi l'uno dall'altro. E solo molto più tardi è emersa una classificazione unificata, basata sulla struttura dell'organo riproduttivo (sporangium) e alcuni altri segni.

In breve: tutte le piante sono divise in 2 gruppi: antica e contemporanea. Il reparto felci comprende 7 classi di piante vascolari estinte e attualmente esistenti. Queste classi sono riassunte di seguito:

  • il più antico e il più semplice nel gruppo di struttura Aneurophytopsida;
  • un antico rappresentante, simile nell'aspetto alle conifere - Archaeopteridopsida;
  • "Ramo evolutivo cieco" - il cosiddetto Cladoxylopsida;
  • la categoria di transizione ai contemporanei è rappresentata da Zygopteridopsida o Goenopteridopsida;
  • piante moderne - Ophioglossopsida o ophioglossopsida;
  • piante perenni grandi e compatte - Marattiopsida;
  • altri contemporanei, tra cui le piante perenni sono più comuni, meno spesso annuali - Polypodiopsida (Polypodiopsida).

Questi ultimi sono suddivisi in 3 sottoclassi: Polypodiidae, Marsileidae, Salviniidae.

Classe di felce di transizione

Storia delle specie di piante di felce

Le felci fanno risalire la loro storia ai giorni in cui c'erano i dinosauri sul pianeta. Poi c'era un clima tropicale caldo favorevole. Alcune specie sono cresciute semplicemente enormi per gli standard moderni - fino a 30 m.

Il tempo passò e il clima non cambiò in meglio, a seguito dei quali si verificarono cataclismi e le forme più antiche della pianta non sono sopravvissute fino ad oggi. La moderna divisione delle felci è molto diversa dai loro antenati sia per dimensioni che per forma. Il gruppo più numeroso è composto da 300 generi, rappresentati da 10.000 specie.

In una nota! Questi arbusti sono molto diffusi sia in giardino che in casa..

Le piante più alte crescono in un clima favorevole a loro: tropicale e subtropicale. I singoli individui crescono fino a 20 m.

Le felci più alte crescono ai tropici

Distribuzione in natura, esempi di specie

Dove e quando una felce cresce dipende direttamente dal livello di umidità e dalla temperatura ambiente. In poche parole, che tipo di clima prevale in una data area. Possono vivere nelle foreste, nei fiumi, nei laghi, nelle paludi, così come nei prati umidi, nei burroni, lungo le strade, nelle fessure rocciose.

Nei climi temperati sono presenti circa 100 piante erbacee. Le descrizioni delle felci dipendono dalla specie:

  • Bracken: la foglia di felce di questa varietà è facilmente riconoscibile per la sua forma a ombrello quando è aperta. Vive nelle foreste (principalmente pini) ed è adatto all'uso alimentare.
  • Verme secco maschio con una lunghezza dello stelo fino a 1,5 m, una specie piuttosto rara, il suo estratto ha una proprietà curativa per uccidere gli elminti, che viene utilizzato con successo dalla medicina.
  • Il gelso si distingue per le foglie verde scuro che si trovano sullo stelo in fila.
  • L'Osmunda cresce naturalmente nell'Asia orientale e nel nord americano, si distingue per la superficie lucida delle foglie allungate.
  • Femmina Kochedzhnik - pianta di grandi dimensioni con foglie aggraziate.
  • Lo struzzo è conosciuto come una delle felci più belle, ha lunghi rizomi che creano veri e propri boschetti, questo effetto è utilizzato nella decorazione del paesaggio.

In una nota! Le foglie di struzzo bollite sono commestibili.

Esistono varietà destinate alla coltivazione indoor:

  • Pteris;
  • Dixonia;
  • Kostenets;
  • Davallia;
  • Nefrolepsi;
  • Asplenium.

Separatamente, vale la pena evidenziare Junior - una varietà con un foglio ondulato.

Interessante! Ci sono felci molto piccole con un'altezza dello stelo non superiore a 12 mm. Un brillante rappresentante è l'azolla cariliniana, che cresce su alberi, viti.

In montagna, puoi vedere un'altra pianta straordinaria con graziose foglie traforate. Si chiama Hair Venus. Ci sono anche abitanti sottomarini, come Marsilea quadrifolia. E la felce Dicranopteris ha piccioli molto forti.

Ci sono felci che sono specie rare e in via di estinzione. Quindi, Salvinia è elencata nel Libro rosso bielorusso.

Quante felci vivono

Non esiste una risposta definitiva alla domanda su quanto a lungo possono vivere le felci. Dipende sia dal luogo che dalle cure (se cresce in casa o in giardino). Svolge un ruolo e appartiene alla specie. Nei climi temperati, quando si verifica uno scatto freddo, la parte superiore della pianta muore immediatamente e in condizioni tropicali il cespuglio può crescere per molti anni consecutivi.

Tuttavia, le radici, che sono avventizie, si rinnovano ogni 4 anni e il rizoma aumenta la durata della vita in questo caso fino a un intero secolo. È il potente apparato radicale che consente alla pianta di sopravvivere e adattarsi alle mutevoli condizioni..

Caratteristiche della nutrizione delle piante

Le felci sono piante che si nutrono di radici e foglie. Assorbono importanti microelementi e acqua dal terreno. Le foglie sono coinvolte nella fotosintesi. Si ottengono così zucchero e amido, necessari per il lavoro di tutti gli organi della felce..

Analisi della struttura delle piante di felce

Gli antenati delle felci erano più semplici delle specie moderne.

Foglie, fronda

La particolarità della struttura è rappresentata da foglie massicce, che sono più pesanti dell'intero fusto della felce. Differiscono in una varietà di forme, hanno le loro caratteristiche nella crescita e nella dispensazione. Tipicamente, le foglie sono a forma di piuma e sezionate. Le foglie di felce sono chiamate fronde (questa definizione è stata data dagli scienziati). Il picciolo della foglia è attaccato alla parte dello stelo, che è sotterranea, quindi non è immediatamente possibile vedere l'inizio della foglia.

In una nota! La particolarità della fronda di felce è la crescita della parte superiore, simile a una lumaca. Innanzitutto, il foglio viene piegato e quindi si apre gradualmente.

Le foglie si sviluppano prima nel sottosuolo. Questo periodo dura 2 anni. Nel terzo anno diventano visibili sopra la superficie. A causa della crescita delle cime, c'è una rapida crescita. Molte fronde prendono parte alla fotosintesi, al processo di vegetazione e sporulazione..

Le spore si formano sul retro della lastra sia singolarmente che in gruppi.

Gambi

Il fusto delle felci è sempre piccolo e sottosviluppato. L'eccezione sono le piante ai tropici, che crescono fino alle dimensioni di un albero. I loro tronchi sono grandi, ricoperti di corteccia. Il gambo riccio può essere molto lungo.

Sistema di root

L'apparato radicale è rappresentato da un rizoma e molte appendici. Lo stelo è rivestito da un tessuto che conduce e assorbe perfettamente l'acqua. Si muove lungo i vasi di fasci fino alle foglie.

Organi riproduttivi

Tutta la vita vegetale ha 2 cicli principali:

  1. Asessuale prolungato, quando la felce non si riproduce - sporofito.
  2. Corto: gametofito quando si verifica la riproduzione.

Gli organi riproduttivi sono rappresentati dagli sporangi, che contengono spore. Situato sul retro del foglio. Quando le spore sono abbastanza mature, il vento le soffia per lunghe distanze..

Attenzione! Alcuni scienziati identificano la sporulazione con la fioritura.

Non tutte le controversie sopravvivono, solo una frazione. La fase di riproduzione inizia con la germinazione e la trasformazione in una conseguenza, chiamata gametofita. Assomiglia a un piatto di diversi mm a forma di cuore verde.

Dal fondo del gametofito si formano rispettivamente antheridia e archegonia, organi riproduttivi femminili e maschili. Producono uova e spermatozoi, che si combinano con un sufficiente livello di umidità. Il risultato è uno zigote. È da lei che appare l'embrione della futura pianta..

La felce può riprodursi vegetativamente. In questo caso, le gemme della covata appaiono sulle radici e sul gambo. Varietà rare e belle si riproducono solo attraverso le spore.

Confronto con altre piante erbacee

Le felci includono felci, lune, equiseti. Hanno la stessa origine e si moltiplicano tutti per formazione di spore. Tuttavia, le felci hanno anche proprietà distintive da quelle erbacee:

  • l'apparato radicale e la complessa struttura delle foglie sono diversi dalle alghe;
  • predominanza dello sporofito nelle generazioni, in contrasto con i muschi, che nelle generazioni hanno, di regola, il gametofito;
  • la presenza di tessuti in grado di condurre l'acqua;
  • mancanza di fioritura.

La felce è la pianta più antica e bella che decorerà sia il giardino che l'interno dell'appartamento. La sua composizione chimica è dotata di proprietà medicinali utilizzate in medicina. Esistono varietà adatte al consumo umano.