Fertilizzazione dell'uva con l'urea in primavera

Il processo di alimentazione dell'uva con una sostanza come la carbammide o l'urea consente di prolungarne la vita, oltre a formare un potente fogliame verde ricco con uno stelo molto forte. Tale fertilizzante contiene azoto, che fa parte della composizione generale di tutte le piante, quindi è ideale per loro, incluso, è un fertilizzante ideale per l'uva.

Le uve alimentate correttamente in primavera sono in grado di formare grappoli con acini abbastanza grandi e della dimensione massima per la loro varietà. Per ottenere tali risultati, è importante capire a che ora è richiesta l'applicazione della concimazione, come usarla in modo che la pianta non sia danneggiata dalla sovralimentazione in primavera e in autunno, ad esempio.

La base per l'alimentazione dell'uva

L'urea o l'urea viene utilizzata come fertilizzante fogliare speciale, nonché un mezzo efficace per combattere vari parassiti in autunno e in primavera. Nel suo ambiente naturale, la vite è senza pretese, può benissimo crescere su diversi terreni sassosi, che possono essere completamente sterili, ma non puoi ottenere molti frutti da essa.

Le uve, coltivate in appezzamenti speciali, danno una vendemmia abbastanza buona con buona cura. Questo si basa sul fatto che il giardiniere taglia foglie e germogli non necessari, lo fertilizza costantemente. Se lasci numerosi germogli, consumeranno molti nutrienti, ma se trascuri la concimazione, in particolare l'urea, non dovrai fare affidamento su rese elevate. Il mancato rispetto di queste regole ridurrà gli indicatori di resistenza a varie malattie in primavera, alle basse temperature. Il fatto che la pianta sia debole è indicato dalla presenza di foglie verde chiaro e i rami diventano sottili.

Cos'è l'urea??

L'urea è il primo composto di azoto artificiale. Questo strumento viene utilizzato come fertilizzante per tutte le piante senza eccezioni. Il prodotto è un granulato rotondo bianco di dimensioni relativamente piccole, non c'è odore, si dissolve molto bene in acqua.

Sotto tutti gli aspetti, questo è un fertilizzante universale, che contiene circa il 6% di azoto. L'urea è usata come condimento fogliare e radicale in primavera. Lo strumento si adatta perfettamente ai parassiti, mentre è completamente non tossico.

Quando e come nutrirsi?

I primissimi tre anni, le uve non hanno bisogno di nutrimento in primavera; la vite consuma solitamente quei fertilizzanti che vengono utilizzati nel processo di impianto. L'alimentazione e la lavorazione con l'urea vengono eseguite rigorosamente in conformità con determinate regole:

  • La lavorazione viene effettuata in primavera e rigorosamente nel secondo o terzo anno di impianto;
  • L'agente viene introdotto nel terreno in forma pre-disciolta, ad una concentrazione di 30-50 grammi per 10 litri di acqua pulita;
  • Successivamente, il fertilizzante viene applicato in primavera a intervalli di un anno;
  • L'alimentazione fogliare e radicale dovrebbe essere eseguita contemporaneamente. Così, l'uva può assimilare una grande quantità di nutrienti;
  • Il fertilizzante deve essere applicato rigorosamente alla zona di crescita delle radici. Perché una trincea speciale viene scavata intorno al cespuglio in un cerchio e lì viene fornita l'urea, che, attraverso un metodo simile, raggiungerà rapidamente le radici;
  • Per misurare la quantità totale di urea venduta nei granuli, è necessario utilizzare un cucchiaio normale. Contiene circa 10 grammi di prodotto.

Oltre alle regole di alimentazione, è anche importante osservare la quantità totale di fertilizzanti effettuati e il tempo della loro implementazione. Ci sono tre di queste medicazioni in totale. Ciascuno di essi è descritto più dettagliatamente di seguito:

  1. Il primo trattamento viene effettuato nella prima primavera, intorno a marzo. Di regola, questo è il tempo prima dell'apertura stessa dei cespugli d'uva, che si rifugia per l'inverno. Ogni cespuglio di solito richiede circa 40 grammi di urea, una quantità uguale di perfosfato e circa 30 grammi di fertilizzanti speciali per il potassio. Dopo la procedura, le uve vengono nuovamente ricoperte.
  2. La lavorazione secondaria viene eseguita alla fine della primavera. Questo è il momento in cui le foglie e numerosi germogli crescono abbastanza intensamente. Insieme all'urea, vengono solitamente utilizzati fertilizzanti al fosforo speciali e prodotti con potassio. Le proporzioni sono le stesse della prima poppata. Durante la concimazione, vale la pena versare molto bene la pianta. L'acqua dovrebbe saturare il terreno di circa mezzo metro, quindi l'azoto raggiungerà l'apparato radicale molto più velocemente.
  3. La terza volta che le uve vengono alimentate in un momento in cui la prima vendemmia sta già cominciando a maturare, cioè in autunno. In questo momento le uve vengono concimate esclusivamente con composti di fosforo e potassio. L'urea non è più usata qui.

Importante! Dopo che le uve sono fiorite, non appena iniziano a dare i loro frutti, la concimazione dell'urea viene completamente eliminata. Pertanto, è possibile prevenire il ritardo nel processo di comparsa del raccolto in estate e in autunno, nonché il tempo di maturazione della vite..

Con l'urea, puoi eseguire un processo come l'alimentazione fogliare. In questo caso, viene utilizzata una soluzione speciale all'uno percento. La vite viene irrorata di urea la sera o la mattina presto, ed è consigliabile scegliere il tempo senza vento e senza pioggia, poiché altrimenti la concimazione sarà inefficace. Il processo di fertilizzazione fogliare viene solitamente effettuato in primavera, in quanto il processo radicale, essendo la sua definitiva aggiunta.

Urea da parassiti

Per utilizzare il meno possibile diversi prodotti chimici tossici, al fine di proteggere efficacemente la pianta da varie malattie, è possibile spruzzarla con una speciale soluzione di urea. Tale trattamento è in grado di proteggere la vite da varie patologie sotto forma di una crosta e allo stesso tempo distruggerà efficacemente un numero enorme di insetti dannosi..

Per eseguire la lavorazione di alta qualità di una pianta dai parassiti, è necessario sciogliere circa 500-700 grammi di urea in 10 litri di acqua. Le piante dovrebbero essere spruzzate nel primo mese primaverile, in un momento in cui i boccioli non sono ancora sbocciati. Puoi ripetere il processo in autunno subito dopo la caduta delle foglie. Tale trattamento è in grado di proteggere la pianta da vari parassiti e anche di nutrire la pianta.

Aspetti positivi dell'alimentazione

L'urea non ha quasi fattori negativi. Possono manifestarsi solo con un uso analfabeta della composizione. Per quanto riguarda i fattori positivi, ce ne sono molti di più e tutti emettono urea favorevolmente rispetto ad altri fertilizzanti a base di azoto. Tra i principali fattori positivi dell'urea ci sono:

  • La composizione è circa la metà dell'azoto, ed è molto facilmente assorbita dalle piante;
  • Con questo strumento è possibile eseguire facilmente l'alimentazione fogliare, mentre non ci saranno bruciature fogliari e danni vari;
  • L'urea nel terreno si trasforma in azoto facilmente digeribile, che a sua volta nutre efficacemente la pianta e per il tempo più lungo possibile.

Va notato che l'urea fertilizza l'uva in modo abbastanza efficace, anche se l'uva cresce in un terreno acido..

Quando la fecondazione dell'urea è inefficace?

Ottenere un risultato positivo è possibile solo se vengono seguite tutte le regole necessarie. Tra questi, un importante è il divieto di mescolare l'urea con la calce, motivo per cui l'effetto dell'alimentazione è significativamente ridotto..

Come mostrano le istruzioni per l'uso, ci sono molti altri punti in cui il processo di fertilizzazione può essere inefficace:

  1. Se c'è poca ureasi nel terreno, l'alimentazione con l'urea non funzionerà, poiché nel terreno c'è un enzima speciale che contribuisce alla formazione del processo di idrolisi della carbamide alla vera ammoniaca.
  2. Una grave igroscopicità dell'urea richiede la conservazione del suo fertilizzante rigorosamente in determinate condizioni, in particolare sono importanti gli indicatori di bassa umidità. Se sono alti, dopo una conservazione a lungo termine, il prodotto potrebbe rapprendersi..
  3. Se la pianta è sovralimentata, inizierà a produrre una crescita molto forte di germogli e foglie. Questo ti impedirà di ottenere un grande raccolto da un cespuglio, inoltre, la pianta non si svilupperà normalmente..

Importante! È altamente indesiderabile fertilizzare con l'urea senza penetrazione, cioè superficialmente. La composizione deve necessariamente penetrare in profondità mezzo metro.

Riassumendo

Se esegui correttamente il processo di alimentazione dell'uva con l'urea, puoi ottenere un risultato abbastanza alto dalla fertilizzazione. Le radici della pianta non si sforzeranno di raggiungere la superficie, ma riceveranno sostanze utili dalle profondità stesse, dove c'è una maggiore quantità di nutrienti.

È necessario monitorare attentamente che le istruzioni per l'uso del fertilizzante siano seguite. L'applicazione competente della medicazione superiore aiuterà la pianta a sopravvivere all'inverno e alle gelate in modo molto più efficiente, rispettivamente, la pianta non si indebolirà, la resa in estate sarà alta e i parassiti non saranno spaventosi.

Quando e come nutrire l'uva?

L'uva è considerata una pianta senza pretese, tuttavia, per una corretta crescita e un buon raccolto, è necessario nutrire le piantine d'uva nelle prime fasi della sua crescita, in modo che in futuro le bacche siano succose e gustose.

Fertilizzanti

Per nutrire correttamente l'uva, è necessario sapere di quali elementi ha più bisogno la pianta. Quali fertilizzanti dovrebbero essere applicati alla radice e quali dovrebbero essere usati per spruzzare le foglie.

Fertilizzanti azotati per uva

L'azoto aiuta foglie e germogli a crescere rapidamente e senza problemi. La maggior parte dei fertilizzanti contenenti azoto vengono applicati in primavera, quando la stagione di crescita è appena iniziata. Va notato che in agosto e in autunno è impossibile introdurre sostanze contenenti azoto. Questo può interferire con la maturazione del legno della pianta..

I fertilizzanti a base di azoto più popolari sono:

  • Urea. È costituito dal 46% di azoto puro. La carbamide è utilizzata sia come condimento fogliare che radicale dell'uva. A causa della grande quantità di azoto nella composizione, può essere applicato solo diversi anni dopo la semina. Per non danneggiare la pianta, è necessario diluire fino a cinquanta grammi di fertilizzante per litro d'acqua e aggiungerlo al terreno.
  • Nitrato di ammonio. È meglio usarlo durante la fioritura. Si sconsiglia di concimare l'uva mentre si versano le bacche. Ciò può influire sulla qualità delle bacche. Il nitrato di ammonio è meglio cospargere su un terreno leggermente umido intorno alla boscaglia..

Concimi di potassio per l'uva

Il potassio è un altro importante oligoelemento necessario per il pieno sviluppo di una pianta. Accelera la crescita e la maturazione delle bacche della pianta. I nutrienti costituiti da potassio sono ottimi per nutrire l'uva in autunno, poiché tali fertilizzanti preparano bene la pianta per il freddo..

L'uva è una delle colture che consuma più potassio dal terreno, quindi puoi nutrire il terreno ogni anno..

  • Solfato di potassio. Per ottenere buoni risultati, è meglio utilizzare questa applicazione fogliare durante la fase finale della crescita. La quantità media di sostanza necessaria è di 20 grammi per 10 litri di acqua, nel secchio devono essere aggiunti 40 grammi di perfosfato. Neutralizza l'acidità.
  • Cloruro di potassio. Contiene dal 50% al 60% di potassio. È meglio aggiungere la calce a questo fertilizzante per neutralizzare l'acidità. Il cloruro di potassio può essere utilizzato in tandem con qualsiasi traccia di minerali e nutrienti diversi dall'urea.

Fertilizzanti fosfatici per uva

Il fosforo è uno dei tre componenti più essenziali per le colture da giardino. È un'ottima soluzione per nutrire le giovani uve nelle prime fasi di crescita e fioritura. A causa della base di fosforo, fiori e bacche si sviluppano molto più velocemente e meglio.

  • Superfosfato. Contiene fino al 20% di fosforo nella sua composizione e gesso. Adatto a tutti i tipi di terreno, tuttavia, quelli acidi devono prima essere aggiunti alla soluzione di fertilizzante con calce o calce. Il perfosfato deve essere applicato dopo l'inizio della fioritura. Questo aiuterà il frutto a svilupparsi meglio durante il periodo di maturazione..
  • Doppio perfosfato. È costituito al 50% da acido fosforico, ma non contiene gesso. Uguale al superfosfato semplice.

Fertilizzanti complessi e composti

I nutrienti complessi sono costituiti da due o più elementi.

  • Azofoska. È una combinazione di tre principali macronutrienti: azoto, fosforo e potassio. Si trova in due tipi: secco e sciolto. Il primo deve essere portato sotto il cespuglio. La quantità della sostanza è fino a sessanta grammi per pianta. Può essere utilizzato solo durante la stagione calda. La forma liquida è composta da due cucchiai di azofoska, diluiti in un secchio d'acqua, la soluzione deve essere versata sotto la radice.
  • Bischofite. Un fertilizzante complesso contenente magnesio, boro, iodio e bromo. In totale, più di dieci componenti. Viene utilizzato per l'alimentazione fogliare dell'uva. È necessario sciogliere dieci litri di acqua in 150 millilitri di bishal, ma, per non danneggiare la pianta, il dosaggio può essere ridotto di quasi la metà. Questo strumento è usato come fertilizzazione del boro dell'uva. In termini di quantità, questo elemento nella bischofite occupa il secondo posto, nel primo è il magnesio.

Fertilizzazione organica

Nutrire l'uva con la cenere è un'ottima soluzione. È meglio usare solo quelli legnosi. Le ceneri dopo aver bruciato il carbone non vengono affatto utilizzate come fertilizzanti; contengono tossine dannose per le piante..

La cenere dell'albero ha un gran numero di micronutrienti che sono benefici per la pianta. Ad esempio, magnesio, boro, potassio e fosforo. Può essere utilizzato come regolatore di acidità del suolo.

Un altro fertilizzante organico sono gli escrementi di uccelli. Aiuta a quasi raddoppiare la fertilità e ad accelerare il processo di maturazione per diverse settimane..

Per capire come nutrire l'uva con escrementi di pollo, è necessario ricordare una regola importante: prima di applicare tale fertilizzante, è necessario preparare una soluzione nutritiva speciale per la pianta. Gli escrementi freschi possono irritare il terreno e i germogli.

Per 20 litri di acqua sono necessari circa 1 chilogrammo di escrementi, la soluzione deve essere infusa per due settimane. Il fertilizzante deve essere applicato a breve distanza dalla boccola in piccole porzioni in fori, fino a 35 centimetri di profondità. Per la piena fertilizzazione della pianta, sono sufficienti due secchi.

Rimedi popolari per concimare l'uva

Uno dei rimedi più efficaci è l'alimentazione del lievito. La ricetta è abbastanza semplice:

  1. Un grammo di lievito di birra secco deve essere sciolto in un litro di acqua leggermente riscaldata, aggiungere un cucchiaino di zucchero, mescolare bene fino a completo scioglimento. La miscela dovrebbe essere infusa per un paio d'ore. Prima di concimare le piante, diluire un litro della soluzione finita con cinque litri di acqua pulita..
  2. Diluire cinquanta grammi di lievito vivo in un litro di acqua leggermente riscaldata, lasciare fermentare un po '. È inoltre necessario diluire il fertilizzante con cinque litri di acqua prima di annaffiare..

Microfertilizzanti

Oltre ai tre elementi principali nella composizione di azoto, fosforo e potassio, per una piena crescita e una buona resa, l'uva necessita anche di altri oligoelementi: boro, magnesio, zinco e altri..

I fertilizzanti micronutrienti sono uno dei fertilizzanti più popolari. Ce ne sono un numero enorme. Ad esempio, il potassio magnesio, che contiene il 28% di potassio, il 18% di magnesio e circa il 16% di zolfo.

I fertilizzanti micronutrienti includono anche solfato di rame, che viene utilizzato per l'alimentazione fogliare..

Un grammo della sostanza è sufficiente per spruzzare un cespuglio. Dovrebbe essere inserito non più di una volta ogni quattro anni..

Schema di preparazione delle radici per l'uva

Per nutrirsi correttamente, è necessario conoscere il dosaggio e i tempi. È meglio aggiungere meno che riempire a caso sostanze inutili e talvolta nocive.

L'alimentazione primaverile dell'uva è considerata la fase più importante. Aiuta i cespugli a riprendersi dal gelo e stimola la fertilità..

Migliori metodi di medicazione

Condimento fogliare e radice separato. Differiscono nel modo in cui vengono presentati. Nel primo caso, i nutrienti devono essere versati o posti sotto la boscaglia per ottenere il miglior effetto. Il secondo può essere considerato uno stadio ausiliario. La medicazione delle foglie aiuta la pianta a svilupparsi correttamente, stimola la crescita di germogli e ovaie e aumenta i raccolti.

Medicazione fogliare

Se l'uva viene piantata in un terreno saturo di microelementi, i primi tre anni non devono essere fertilizzati, poiché la pianta si nutrirà di sostanze del terreno. La medicazione fogliare contribuisce allo sviluppo e al miglioramento della resa. La prima volta le foglie dovrebbero essere lavorate prima della fioritura, la seconda volta dopo la fioritura, la terza volta durante la maturazione dei pennelli. La medicazione fogliare dell'uva viene eseguita indipendentemente dalla quantità e dal tipo di fertilizzanti applicati all'apparato radicale della pianta.

Per sapere esattamente come nutrire l'uva, è necessario partire dal tipo di terreno e dall'età della pianta. Gli elementi più importanti sono azoto, potassio e fosforo. Quasi tutti i fertilizzanti li contengono. Anche il boro, il magnesio, lo zinco e lo iodio sono necessari per una corretta crescita. Grazie alla capacità di nutrire correttamente e tempestivamente le uve, puoi ottenere frutti succosi e gustosi.

I benefici dell'urea per l'uva come condimento superiore

Fertilizzare l'uva con carbamide (urea) aiuta a prolungare la loro vita, formare un potente fogliame verde e un forte gambo. Questo fertilizzante contiene azoto, che si trova in tutte le parti della pianta. Le uve alimentate primaverili formano grappoli con acini grandi che sono la dimensione massima per la loro varietà. È importante sapere quando e come usare il fertilizzante per non danneggiare la pianta sovralimentandola. La carbamide è anche usata come fertilizzante fogliare e controllo dei parassiti..

Perché l'uva deve essere nutrita

In natura, la vite è molto senza pretese. Può crescere su terreni sassosi e infertili. Ma nessuno si aspetterà un grande raccolto di bacche da una vite selvatica..

La vite coltivata nei vigneti cede ogni anno i suoi succhi nutrienti insieme alle decine di chilogrammi del raccolto (con cura). Molte foglie e germogli vengono tagliati durante la formazione del cespuglio. Una grande quantità di nutrienti viene persa con la massa verde. Pertanto, se le uve non vengono fertilizzate in primavera, la loro resa diminuirà. La resistenza alle malattie e al gelo diminuirà, le foglie saranno di un verde chiaro e i germogli saranno sottili.

Cos'è l'urea

L'urea è il primo composto azotato prodotto artificialmente. È usato come fertilizzante per tutti i tipi di piante. È un piccolo granulo bianco arrotondato, inodore, ben solubile in acqua (se l'acqua è leggermente calda, la dissoluzione avviene più velocemente). Fertilizzante azotato universale, contiene il quarantasei percento di azoto puro. Viene utilizzato come alimentazione radice e fogliare delle piante. Aiuta nel controllo dei parassiti. Non è tossico. L'urea è utilizzata come additivo alimentare nella produzione di chewing gum.

Quando iniziare a nutrirsi


I primi tre anni, l'alimentazione dell'uva non è necessaria, la vite utilizza il fertilizzante stabilito durante la semina.

L'alimentazione dell'urea inizia in primavera nel secondo - terzo anno dopo la semina dell'uva. L'urea viene introdotta nel terreno in forma disciolta (da trenta a cinquanta grammi di fertilizzante per dieci litri di acqua). Ulteriori concimazioni vengono effettuate in primavera ogni due anni..

L'alimentazione fogliare e radicale della vite è combinata per una migliore assimilazione dei nutrienti da parte del vigneto. Il fertilizzante deve essere applicato alla zona di crescita delle radici principali. Per fare questo, intorno alla boscaglia, a una distanza di circa mezzo metro dal tronco, si scava una trincea circolare o quattro fori per una profondità di circa mezzo metro in modo che la medicazione superiore applicata raggiunga meglio le radici (se la boscaglia è vecchia e il suo apparato radicale è ben sviluppato, la trincea viene realizzata a una distanza di ottanta centimetri dal tronco).

La prima alimentazione avviene all'inizio della primavera, a marzo, prima dell'apertura dei cespugli d'uva di copertura. Un cespuglio usa quaranta grammi di urea, la stessa quantità di perfosfato e trenta grammi di fertilizzanti di potassio. Dopo la fecondazione, le uve vengono nuovamente ricoperte.

La seconda alimentazione inizia in primavera alla fine di maggio, quando i germogli e le foglie crescono intensamente, dieci quindici giorni prima della fioritura della vite (nelle varietà tardive all'inizio di giugno). Insieme all'urea vengono utilizzati fertilizzanti fosforo e potassio, nella stessa proporzione della prima alimentazione. Durante la fertilizzazione, è necessario annaffiare bene la pianta in modo che l'acqua saturi il terreno fino a una profondità di circa mezzo metro e l'azoto raggiunga le radici.

La terza alimentazione dell'uva avviene quando la vendemmia inizia a maturare. Ma in questo momento le uve vengono fertilizzate solo con fertilizzanti di potassio e fosforo. L'urea non viene utilizzata per la fertilizzazione.

Nota! Dopo la fioritura e durante la fruttificazione, viene esclusa la concimazione con urea in modo che la formazione del raccolto e la maturazione della vite non vengano ritardati.

Per la medicazione fogliare, viene utilizzata una soluzione all'1%. La vite viene spruzzata con una soluzione di urea da un flacone spray al mattino presto o alla sera con tempo calmo e asciutto. Se è prevista pioggia, è meglio non spruzzare perché non porterà benefici e sarà inefficace. La concimazione fogliare viene effettuata in primavera contemporaneamente alla concimazione delle radici, essendo la sua aggiunta.
Un cucchiaio può essere utilizzato per misurare la quantità di urea nei granuli. Un cucchiaio contiene dieci grammi di fertilizzante.

Controllo dei parassiti dell'urea


Per ridurre l'uso di pesticidi tossici e allo stesso tempo proteggere l'uva dalle malattie, puoi spruzzarla con una soluzione di urea. Tale trattamento proteggerà la vite dalla malattia della ticchiolatura e distruggerà molti insetti nocivi (afidi, rami di rame, bruchi, tonchi, ecc.).

Per il trattamento contro i parassiti, da cinque a settecento grammi di urea vengono sciolti in dieci litri d'acqua e le piante vengono spruzzate all'inizio della primavera, quando i boccioli non sono ancora sbocciati o nel tardo autunno, dopo che il fogliame è caduto. Tale trattamento proteggerà le piante dai parassiti e nutrirà inoltre le piante..

Aspetti positivi e negativi dell'alimentazione

L'urea non ha praticamente proprietà negative. Possono apparire solo se il fertilizzante viene applicato in modo errato. Quali sono gli aspetti positivi dell'urea e quali sono i suoi vantaggi rispetto ad altri fertilizzanti azotati?

  • L'urea contiene quasi il cinquanta percento di azoto, che viene facilmente assorbito dalle piante..
  • L'indubbio vantaggio dell'urea rispetto ad altri fertilizzanti azotati è la capacità di eseguire la medicazione fogliare senza danneggiare e bruciare le foglie.
  • Trasformandosi gradualmente in azoto facilmente assimilabile dal sistema radicale della pianta nel terreno, l'urea è un fertilizzante in grado di nutrire la pianta per lungo tempo.
  • L'urea fertilizza efficacemente l'uva, anche se il terreno è acido. Non mescolare l'urea con la calce durante l'alimentazione..

In quali casi l'uso dell'urea può essere inefficace?

  • Se il terreno contiene pochissima ureasi (un batterio o un enzima speciale grazie al quale le piante idrolizzano l'urea in ammoniaca e anidride carbonica).
  • L'elevata igroscopicità dell'urea richiede la conservazione del fertilizzante in condizioni adeguate con bassa umidità dell'aria. Durante la conservazione a lungo termine, potrebbe formarsi una torta.
  • Se si sovralimenta la pianta, inizierà un'abbondante crescita di fogliame e germogli verdi, che interferirà con la fruttificazione e il normale sviluppo della pianta..

Errori comuni

Non è desiderabile effettuare la fecondazione con urea superficialmente, senza penetrazione fino a una profondità di mezzo metro. Ciò comprometterà l'assorbimento di potassio e fosforo da parte delle radici della vite..

Se fai una medicazione superficiale in primavera, le radici profonde della pianta correranno verso la superficie del suolo, dove ci sono più nutrienti. Ciò influirà negativamente sul trasferimento dell'uva gelata. Nel primo inverno senza neve, parte del sistema radicale può congelare, il che indebolirà notevolmente la pianta, rallenterà la sua crescita, ridurrà i raccolti e renderà l'uva vulnerabile a malattie e parassiti.

Durante i periodi di siccità, le uve con un apparato radicale superficiale soffriranno di una mancanza di umidità, incapace di ottenerla dagli strati profondi del terreno..

Alimentazione riuscita dell'uva in primavera: come concimare per un raccolto migliore?

Dopo aver piantato le piantine in terreno fertilizzato, le piante vengono nutrite per circa 2 anni. In questo momento, le uve non richiedono un'alimentazione aggiuntiva. E per aumentare la resa, le piante adulte hanno bisogno di cure e fertilizzate regolarmente..

Nell'articolo parleremo di come nutrire ed elaborare il cespuglio per un buon raccolto, nonché delle sostanze necessarie alla pianta e dei nomi dei fertilizzanti.

Caratteristiche della procedura

Anche i terreni fertili si esauriscono nel tempo. Affinché i cespugli d'uva si sviluppino normalmente dopo la dormienza invernale, devono essere nutriti. La concimazione primaverile con fertilizzanti minerali rende l'uva più resistente ai cambiamenti improvvisi delle condizioni meteorologiche e di varie malattie e accelera anche la crescita delle piante.

Esistono due tipi di alimentazione della vite:

  • Radice.
  • Fogliare.

Come nutrirsi o quali fertilizzanti applicare sotto la radice all'inizio della primavera? I fertilizzanti complessi o i fertilizzanti monocomponenti sono usati come medicazioni per le radici. Vengono introdotti direttamente sotto la radice della pianta. Come fertilizzanti organici naturali vengono utilizzati: compost marcio, letame o escrementi di pollo.

La medicazione fogliare è una miscela liquida che viene spruzzata sulla sommità della pianta: steli e foglie.

Di solito le medicazioni fogliari sono ausiliarie e aumentano l'efficacia dei fertilizzanti radicali. Si tengono la sera con tempo asciutto. In questo articolo imparerai a conoscere il calendario alimentare dell'uva durante tutto l'anno..

Come concimare i cespugli?

Affinché i cespugli d'uva crescano forti, resistano alle malattie e agli attacchi degli insetti, e alla fine della stagione ti hanno presentato un ricco raccolto di bacche dolci, devono essere forniti di tutti i microelementi necessari:

  • Azoto - responsabile della crescita dei germogli e della formazione delle foglie.
  • Fosforo: stimola la crescita di infiorescenze e bacche grandi e dolci.
  • Potassio: accelera la maturazione dei grappoli e aumenta la resistenza al gelo delle piante.
  • Magnesio: accelera il processo di maturazione delle uve e migliora la loro qualità di conservazione.
  • Ferro - responsabile della fotosintesi delle foglie, della crescita e della produttività dell'uva.
  • Manganese - aumenta la resa dell'uva, rende le bacche più dolci e aiuta a svernare viti e gemme.
  • Boro - stimola la crescita delle bacche e la formazione di polline, grazie al quale le bacche diventano più dolci.
  • Molibdeno: aumenta la resa e il contenuto di zucchero dell'uva.
  • Zinco: aiuta le piante a far fronte a cambiamenti improvvisi delle condizioni meteorologiche.
  • Calcio - favorisce lo sviluppo dell'apparato radicale, è necessario per la fotosintesi, aiuta il frutto ad accumulare zucchero.
  • Rame: aiuta i cespugli d'uva a far fronte alla siccità estiva e aumenta la resistenza al gelo.
  • Lo zolfo è uno degli elementi più importanti del supporto vitale delle piante, migliora il metabolismo.

Come capire quali sostanze mancano?

È abbastanza difficile determinare quale dei nutrienti utili manca alla pianta. Tuttavia, le foglie e il cespuglio dell'uva la dicono lunga sulla salute della pianta..

Analizziamo i segni di una mancanza di sostanze specifiche nell'uva.

SostanzaSpecificheVisualizza
AzotoLa mancanza di azoto è indicata dall'ombra verde chiaro delle foglie, la crescita debole del cespuglio. A causa di ciò che i boccioli si aprono più tardi del solito, le foglie diventano piccole e pallide e possono sgretolarsi prematuramente. Anche le bacche diventano più piccole e perdono il loro sapore.
FosforoLa mancanza di questo elemento rallenta anche la crescita del cespuglio, in particolare questo influisce sulla formazione di infiorescenze. Le foglie diventano rosse, con l'intensità del colore a seconda di quanto sia grande la carenza. Inoltre, l'impollinazione dei fiori peggiora e le bacche accumulano male lo zucchero e non acquisiscono dolcezza..
PotassioSe nella seconda metà dell'estate appare un bordo marrone sui bordi delle foglie, significa che il cespuglio dell'uva è privo di potassio. I fertilizzanti organici come l'umato di potassio aiutano a risolvere questo problema..
MagnesioCon la mancanza di magnesio, i tessuti delle foglie vecchie iniziano a morire, questo si manifesta nel fatto che un motivo "marmorizzato" appare sulle foglie tra le vene - macchie giallo-marroni chiare. La crescita dei germogli è indebolita.
FerroCon mancanza di ferro, partendo dall'alto, le foglie cambiano colore, ingialliscono e cadono. La crescita del cespuglio viene interrotta, diventa debole, le foglie smettono di crescere.
ManganeseLa mancanza di manganese si manifesta nell'ingiallimento delle foglie. Partendo dai bordi, la foglia diventa gradualmente completamente gialla.
BoroCon una carenza di boro, la crescita dei germogli rallenta, il colore delle foglie diventa un mosaico alleggerito, ma le vene principali mantengono il loro colore verde per qualche tempo. La maggior parte dei fiori cade e compaiono molte piccole bacche.
MolibdenoA causa della mancanza di questo elemento, lo scambio di azoto e acqua delle piante viene disturbato, la formazione di clorofilla e vitamine viene ridotta. Le foglie diventano opache, pallide, per lo più prive di turgore.
ZincoCon una mancanza di zinco, sulle foglie dell'uva compaiono macchie giallo-verdi (clorotiche). Le cime dei germogli diventano bianche, le foglie crescono piccole su piccioli corti.
CalcioLa carenza di calcio porta all'ingiallimento delle foglie. I piccioli e le infiorescenze diventano fragili, i grappoli diventano più piccoli. Un eccesso di questo elemento può portare alla clorosi carbonatica, quando le foglie di una pianta perdono la capacità di fotosintetizzare, diventano di colore giallo pallido o biancastro..
RameLa carenza di rame è comune nei terreni torbosi e sabbiosi. Porta alla clorosi interveinale delle foglie giovani e all'ulteriore comparsa di macchie marroni su di esse. La mancanza di rame porta ad una diminuzione dell'efficacia dell'azione degli oligoelementi.
ZolfoCon una mancanza di zolfo, le viti smettono di crescere. Le foglie superiori diventano gialle, in seguito compaiono macchie vetrose, le foglie diventano fragili. La carenza di zolfo è molto rara perché questo elemento è ottenuto dai cespugli d'uva durante il trattamento contro parassiti e malattie.

Schema di root

Con lo schema radicale dell'uva fertilizzante, puoi nutrirti con semplici fertilizzanti minerali monocomponenti, come urea, nitrato di ammonio, perfosfato, ecc. E anche costituito da diversi elementi: nitrophoska. O complesso: Kemira, Florovit, Solution, ecc..

Ma per una corretta alimentazione dei cespugli d'uva, i fertilizzanti organici sono indispensabili. Per migliorare la fertilità del suolo aiuterà: cenere, letame, escrementi di pollo, compost.

Successivamente, considereremo lo schema di alimentazione delle radici delle uve durante tutto l'anno: come concimare all'inizio della primavera, in estate e in autunno per aumentare la resa

Il primo

Considera quando e come concimare dopo l'inverno. Per ripristinare la forza dei cespugli d'uva dopo un lungo riposo, dopo aver rimosso il riparo dell'uva in primavera, deve essere concimato. La prima alimentazione primaverile dopo l'inverno aiuterà le piante a diventare più forti e a iniziare a crescere..

Come nutrirsi ad aprile? Il letame liquido o gli escrementi di uccelli sono usati come fertilizzanti organici. Il letame viene diluito al ritmo di 2 kg per 10 litri di acqua, questo volume è sufficiente per 1 metro quadrato. Se preferisci i fertilizzanti minerali, prepara la miscela secondo una delle ricette:

Ricetta numero 1:

  • 65 g di nitrofos.
  • 5-7 grammi di acido borico.
  • 10 l di acqua.

Ricetta numero 2:

  • 20 g di perfosfato.
  • 5 grammi di sale di potassio.
  • 10 grammi di nitrato di ammonio.
  • 10 l di acqua.

La prima poppata avviene ad aprile, quando la temperatura dell'aria raggiunge i + 16 ° C.

Il secondo

La ri-fertilizzazione viene effettuata in estate, 10-20 giorni dopo la fioritura. Lo scopo di questa medicazione superiore è stimolare la crescita dei germogli e migliorare il processo di impostazione delle bacche. Si usano gli stessi fertilizzanti della primavera, ma per una maggiore efficienza aggiungere 20 grammi di solfato di potassio per 10 litri di acqua.

Terzo

In estate, quando l'uva ha raggiunto la dimensione dei piselli, è necessario applicare per la terza volta il condimento delle radici dei cespugli. Questo viene fatto per aumentare i rendimenti. Durante questo periodo, sono necessari fertilizzanti contenenti azoto:

  • 20 g di perfosfato.
  • 15 grammi di sale di potassio.
  • 10 g di potassio magnesio.
  • 10 l di acqua.

Il quarto

Effettuato quando gli acini hanno iniziato a maturare, circa 2 settimane prima della raccolta. Questo condimento consente di aumentare la massa dei frutti di bosco, migliorarne il gusto e mantenere la qualità dei grappoli.

Per uso alimentare:

  • 20 g di perfosfato.
  • 20 g di fertilizzante di potassio senza aggiunta di cloro.
  • 10 l di acqua.

Questi volumi sono progettati per fertilizzare un cespuglio.

Il quinto

In autunno, quando viene raccolta la vendemmia, i cespugli d'uva devono essere preparati per lo svernamento. Ciò consentirà alla vite di immagazzinare i nutrienti per un buon sviluppo nella nuova stagione..

La composizione della medicazione minerale autunnale:

  • 10 g di sale di potassio.
  • 20 g di perfosfato.
  • 1 g di acido borico.
  • 2 g di zinco.
  • 2 grammi di manganese.
  • 1 g di iodio di potassio.
  • 10 l di acqua.

Questi volumi sono progettati per fertilizzare un cespuglio.

Composizione del fertilizzante organico per l'alimentazione autunnale:

  • 2 kg per 1 metro quadrato di letame marcito vengono applicati in forma secca o liquida, diluiti con acqua.
  • 1 kg di escrementi di pollame viene diluito in 1 litro di acqua e utilizzato per 1 metro quadrato.
  • 300 grammi di cenere vengono diluiti in 10 litri di acqua e applicati su 1 cespuglio, dopo aver inumidito abbondantemente il terreno.

Metodo fogliare

L'assimilazione di alcune sostanze attraverso i piatti fogliari dell'uva avviene più velocemente che attraverso le radici delle piante. Pertanto, il risultato dell'alimentazione fogliare è evidente dopo poco tempo, letteralmente entro pochi giorni..

Prima spruzzatura

Prodotto circa una settimana prima della fioritura. Per spruzzare 1 cespuglio, utilizzare 5 g di acido borico diluito in 10 litri di acqua.

La concimazione fogliare primaverile aiuta:

  • Riduci lo spargimento di fiori.
  • Migliora la posa delle gemme svernanti.
  • Aumenta il numero di ovaie.
  • Aumenta la dolcezza dei frutti di bosco.

Composizioni fertilizzanti:

Mix n. 1:

  • 40 g di urea.
  • 20 g di acido citrico.
  • 15 g di acido borico.
  • 1 grammo di solfato ferroso.
  • 10 l di acqua.

Mix n. 2:

  • 50 g di perfosfato.
  • 50 g di solfato di ammonio.
  • 50 g di nitrato di ammonio.
  • 50 g di solfato di potassio.
  • 1 g di molibdato di ammonio.
  • 10 l di acqua.

Mix n. 3:

  • 300 g di solfato di potassio.
  • 200 g di solfato di ammonio.
  • 2 l di acqua.
  • In un contenitore separato, sciogliere 300 g di perfosfato in 2 litri di acqua.
  • Mescolare entrambe le soluzioni e portare ad un volume di 10 l.

Secondo e terzo

Per la spruzzatura, i fertilizzanti minerali al fosforo o la cenere vengono utilizzati come alimenti biologici. La terza volta i cespugli vengono trattati 2 settimane dopo il secondo trattamento e utilizzano la stessa composizione.

Il quarto

Il quarto trattamento viene effettuato 2 settimane prima della raccolta. I cespugli vengono irrorati con fertilizzanti fosforo-potassio. Questa medicazione superiore aiuterà a preparare le piante per il periodo dormiente..

Piantine fertilizzanti durante la semina

Durante la semina, è molto importante dare alle giovani uve una spinta nello sviluppo e promuovere la sopravvivenza di successo. È molto importante che tipo di fertilizzante applicare quando si piantano giovani uve. È giusto creare uno speciale cuscino nutriente con fertilizzanti minerali e organici per una giovane pianta. I fertilizzanti sono mescolati con terreno fertile, che è stato messo da parte durante lo scavo di una buca. Dopo che le uve sono state piantate e annaffiate abbondantemente.

Giardinieri esperti consigliano di realizzare questo cuscino con 2 secchi di escrementi di pollo o letame, con l'aggiunta di 100 grammi. nitroamofoski. In questo caso è molto importante non utilizzare escrementi freschi, in quanto possono “bruciare” le radici di una giovane piantina. Prima di aggiungere, è imperativo che il processo di fermentazione sia passato. Imparerai come nutrire le talee in tazze da un articolo separato..

Piantine fertilizzanti durante la semina

Di conseguenza, se applichi tutti i fertilizzanti necessari durante la semina, durante i primi 2-3 anni puoi fare a meno dell'alimentazione aggiuntiva di giovani cespugli d'uva..

Il condimento al top è essenziale per una viticoltura di successo. Contribuiscono al buon sviluppo della boscaglia, alla formazione di un ricco raccolto e aiutano le piante a far fronte alle malattie..

Così, abbiamo imparato come nutrire le uve giovani e come concimare le viti mature per una migliore raccolta dopo l'inverno o dopo l'apertura e in altri momenti. Ora concimiamo secondo i migliori consigli dei coltivatori e sappiamo quando e quanto fertilizzante applicare per il corretto sviluppo e crescita del cespuglio..

Video utile

In questo video imparerai come nutrire l'uva in primavera

Corretta alimentazione delle uve dall'inizio della primavera in poi

Soddisfare:

  1. Quali fertilizzanti è meglio usare
  2. Calendario degli additivi
  3. Suggerimenti

La pianta un tempo meridionale si trova oggi nelle dacie di molte regioni della Russia. Gli appassionati riescono a far crescere un buon raccolto di uva anche nella regione di Mosca e Nizhny Novgorod. Non è una cosa semplice e richiede l'applicazione competente di fertilizzante per l'uva in primavera e in altri periodi dell'anno. Dopo aver piantato una vite in una buca, non dovresti aspettarti che gli additivi utili nella buca durino per decenni. La boscaglia dovrà essere sistematicamente legata, potata e fornita di nutrienti in primavera e autunno, e se parliamo di additivi fogliari, allora in estate.

Nei primi anni, la vite ha bisogno di fosforo per far crescere il suo apparato radicale. Man mano che crescono, i cespugli avranno bisogno di azoto per formare la parte del terreno. Il potassio è necessario per un ricco raccolto. Devi arricchire il terreno secondo necessità. La fase principale è l'incorporamento di fertilizzanti azotati per l'uva in primavera in fosse poco profonde intorno ai cespugli. Puoi farlo in autunno, ma la composizione del supplemento cambia. In primavera vengono utilizzati superfosfato, letame, cenere, salnitro e urea e in autunno i composti azotati possono essere abbandonati..

Dopo il primo trattamento di inizio primavera, segue il secondo, entro la fine di maggio. Utilizzare una soluzione di cenere sotto un cespuglio fino a una profondità di 15 cm, quindi annaffiare abbondantemente. Gli integratori fogliari sono efficaci durante la stagione di crescita. La spruzzatura viene effettuata la sera. Il primo è nella fase del germoglio, circa una settimana prima della fioritura. Sono adatti azofoska e altre composizioni minerali complesse. Seconda spruzzatura - non appena termina la fioritura.

Quali fertilizzanti sono i migliori per l'uva?

La gamma di fertilizzanti per l'uva in primavera per aumentare la resa e aumentare la durabilità delle viti è ampia, includendo materia organica e composizioni minerali. Ogni agronomo sceglie il proprio schema tra le opzioni presentate, basandosi su approcci tradizionali ed esperienza personale. Se la vite viene piantata secondo le regole in una buca preparata, si possono fare circa 2 anni senza arricchimento del terreno. Entro il terzo anno, il cespuglio è abbastanza vecchio e necessita di alimentazione aggiuntiva. Schema di cura approssimativo della vite:

  • non appena il cespuglio si apre, vengono scavate depressioni di 30 cm lungo la periferia, in esse vengono posti circa 2 secchi di humus. La procedura viene ripetuta una volta ogni 2 anni;
  • ogni anno, prima che i boccioli fioriscano, 3 litri di cenere vengono incorporati nel terreno intorno alla boscaglia;
  • prima della fioritura, le foglie vengono spruzzate con composizioni minerali secondo le istruzioni;
  • quando le bacche future risaltano, ripetere la spruzzatura.

Se sembra che l'alimentazione dell'uva in primavera con concimi minerali non abbia soddisfatto il fabbisogno della vite, si può lavorare il terreno in estate, escludendo però l'azoto. Il suo eccesso può accumularsi negli acini, compromettendone la qualità e la conservabilità, e rendendo i grappoli potenzialmente dannosi al consumo. In primavera, l'azoto può essere aggiunto in sicurezza senza superare il dosaggio consigliato dalle istruzioni. L'opzione di supplemento di azoto più innocua è l'urea. È più conveniente usarlo per la spruzzatura.

Scegliendo quando piantare l'uva, quali fertilizzanti applicare di più in primavera, puoi risparmiare bene sulle composizioni di potassio. La cenere di legno è quasi gratuita per chi ha una stufa. La vite ama molto il potassio e ne avrai bisogno in abbondanza. Ci sono monofosfato, solfato e cloruro di potassio in vendita. Il cloruro è compatibile con altri additivi oltre alla carbammide. Il solfato è più conveniente perché è neutro rispetto ad altri tipi di additivi, si dissolve bene e non ha quasi alcun effetto sull'acidità del terreno. Il monofosfato contiene non solo potassio ma anche fosforo.

Di solito, i fertilizzanti complessi per l'uva in primavera non includono il fosforo, poiché è leggermente solubile in acqua. L'opzione selezionata sotto forma di roccia fosfatica o precipitato viene ordinata nel terreno prima dell'inverno.

Oltre alle composizioni elencate, viene utilizzata attivamente la materia organica: letame (meglio - letame di cavallo), escrementi di uccelli (richiede cautela), compost.

Calendario dei supplementi di primavera

Tutte le opzioni per gli additivi utilizzati per mantenere la salute e aumentare la produttività della vite, gli agricoltori sono divisi in 3 gruppi:

  1. Pre-impianto (posto in una buca per fornire cibo alla pianta per 3-4 anni).
  2. Di base. Ciò include l'alimentazione primaverile dell'uva con fertilizzanti minerali, la lavorazione autunnale.
  3. Ulteriori (soluzioni per il trattamento delle radici e delle foglie).

Lo schema di lavorazione viene adattato tenendo conto delle condizioni dei cespugli e delle condizioni meteorologiche, delle caratteristiche della regione e del paesaggio. A marzo, i meridionali iniziano a incorporare additivi nel terreno, in altre regioni - più tardi. Ad aprile, i composti principali vengono introdotti nelle fosse: letame, carbamide (30 g), perfosfato (15 g), cenere (3 l). Il letame viene introdotto per primo, componenti minerali - entro la fine del mese. A maggio si concentrano sulla lavorazione delle radici liquide. Il lavoro inizia circa 2 settimane prima della fioritura. Per 10 litri di acqua avrai bisogno di 15 g di urea, 20 g di perfosfato, 5 g di solfato di potassio. Invece di composizioni minerali, puoi usare un'infusione di verbasco in un rapporto di 1:10 con una manciata di cenere. Per ogni cespuglio - 1 secchio di liquido.

Suggerimenti per giardinieri principianti

Per ottenere uve gustose e belle, l'alimentazione in primavera dovrebbe essere fatta in tempo e secondo le raccomandazioni di agronomi esperti. È altrettanto importante avere informazioni su come prendersi cura adeguatamente della vite..

Le principali raccomandazioni per la fertilizzazione sono le seguenti:

  • è pericoloso scavare buche alla base del cespuglio - c'è il rischio di danneggiare le radici. Dovresti fare un passo indietro di 50 cm e scavare buche. Un cespuglio adulto riceve nutrimento da un'area di circa 6 m2, che può essere guidato quando si incorporano sostanze nutritive nel terreno;
  • la norma annuale dei nutrienti va data alla pianta in dosaggio, in più dosi, alternando diverse composizioni. Tutti gli additivi vengono applicati sul terreno umido, ad eccezione di quelli liquidi - dopo di loro non è possibile annaffiare.

Un bel packaging non è un criterio per scegliere i giusti integratori benefici per la vite. L'esperienza (propria e di qualcun altro), le raccomandazioni professionali e gli articoli scientifici sono fonti affidabili di preziose conoscenze. Puoi saperne di più su ogni tipo di nutrienti sopra elencati da altri articoli sul sito.

Come nutrire l'uva in primavera

In qualche modo impercettibilmente, l'uva cessò di essere considerata una pianta esclusivamente meridionale e si stabilì in cottage estivi di un territorio più ampio del nostro paese. Gli appassionati anche nei sobborghi o nella regione di Nizhny Novgorod riescono a coltivare eccellenti rese di deliziose bacche. È vero, ciò richiede cure qualificate sistematiche, una delle quali è la concimazione tempestiva, compresa la primavera.

Fertilizzanti per l'uva in primavera e metodi di applicazione

Una volta piantata nel sito, l'uva crescerà per decenni, quindi è chiaro che i fertilizzanti posti nella fossa di semina dureranno solo per i primi anni della sua vita. In futuro, i cespugli devono essere alimentati sistematicamente. Lo fanno sia in primavera che in autunno e in estate danno la medicazione fogliare.

Nei primi anni le uve hanno più bisogno di fertilizzanti al fosforo, poiché contribuiscono alla crescita dell'apparato radicale. Dopo alcuni anni, i cespugli cresciuti iniziano ad aver bisogno di azoto per formare la parte fuori terra. E l'uva ha bisogno di potassio principalmente per la formazione del raccolto, quindi per questa coltura vengono applicati soprattutto molti fertilizzanti di potassio.

La medicazione superiore non dovrebbe diventare fine a se stessa, vengono applicate secondo necessità, ma questa necessità si presenta ogni anno. L'applicazione principale dei fertilizzanti è l'inizio della primavera incorporandoli in pozzi relativamente profondi scavati lungo la periferia del cespuglio (tuttavia, devi cercare di non danneggiare le radici). Questa procedura può essere trasferita al tardo autunno, ma se vengono utilizzati fertilizzanti in primavera, l'azoto non deve essere somministrato in autunno. In primavera, sia il letame, il perfosfato e la cenere, sia i fertilizzanti azotati (urea o salnitro) vengono seppelliti nei fori.

Dopo la prima alimentazione primaverile, che viene effettuata non appena è possibile lavorare con il terreno, si ripete nuovamente l'alimentazione delle radici: a metà o fine maggio, un paio di litri di cenere vengono coperti sotto la boscaglia fino a una profondità di 10-15 cm, seguiti da abbondanti annaffiature.

Durante il periodo vegetativo risulta particolarmente efficace la concimazione fogliare, effettuata irrorando il fogliame con soluzioni fertilizzanti diluite. Provano a fare questo lavoro la sera o nelle giornate nuvolose. La prima volta che i cespugli vengono spruzzati nella fase del germoglio, una settimana prima della fioritura. Vengono utilizzati fertilizzanti minerali complessi (ad esempio azofosku). La seconda medicazione fogliare viene somministrata immediatamente dopo la fioritura. Le soluzioni per questo sono preparate rigorosamente secondo le istruzioni sulla confezione..

Fertilizzanti azotati per uva

L'azoto è necessario per tutti i tipi di piante, ma le sue quantità eccessive, somministrate nel momento sbagliato, possono essere molto dannose. Quindi, un eccesso di azoto nitrico può essere depositato nei frutti, deteriorandone la qualità, la sicurezza e persino rendendoli dannosi per l'uomo. I fertilizzanti azotati in eccesso, utilizzati nella seconda metà della stagione di crescita, provocano una rapida crescita della massa verde e ostacolano la preparazione delle piante per l'inverno: questo vale in larga misura per l'uva. In primavera l'azoto può essere fissato senza troppi timori delle conseguenze, ma non bisogna superare le dosi consigliate sulle confezioni.

Distinguere tra ammonio e azoto nitrico. I vantaggi per la pianta quando si utilizza l'una o l'altra opzione sono quasi gli stessi, ma il rischio di danni quando si utilizza l'opzione nitrato (cioè vari salnitri) è maggiore. Il più innocuo dei fertilizzanti azotati è l'urea (urea). È storicamente la prima sostanza organica (presente nell'urina animale) ottenuta sinteticamente da componenti inorganici..

L'urea è perfettamente solubile in acqua: la dissoluzione avviene quasi istantaneamente, quindi è possibile preparare accidentalmente soluzioni di concentrazioni superiori a quelle richieste per l'alimentazione. A questo proposito, il dosaggio deve essere monitorato attentamente. Dal punto di vista dell'utilizzo, questo fertilizzante è praticamente sicuro per l'uomo. Il più conveniente è un preparato granulare, che non si agglutina, ma va conservato in sacchetti chiusi: in atmosfera umida, la carbammide assorbe l'acqua.

L'urea è il fertilizzante azotato più conveniente e sicuro

Quando applicata al terreno, l'urea la acidifica leggermente, ma questo effetto è evidente solo quando vengono utilizzate alte dosi di fertilizzante. Si ritiene che se ci sono problemi con l'acidità del suolo sul sito, dopo un po 'dovrebbero essere aggiunti circa 800 g di gesso normale a 1 kg di urea introdotta (non oggi, non domani, ma durante la stagione).

L'urea è più convenientemente utilizzata nell'alimentazione fogliare. Per fare ciò, preparare una soluzione con una concentrazione dello 0,5-1,0%.

I sali di ammonio agiscono sulle piante in modo simile, ma nel caso di terreni altamente alcalini vengono rapidamente distrutti con il rilascio di ammoniaca e la perdita di prezioso azoto. Inoltre, a causa dell'idrolisi, essi stessi acidificano il terreno anche più dell'urea. Ma tutto ciò dovrebbe essere preso in considerazione solo quando si usano quantità molto grandi di fertilizzanti. Tra i sali di ammonio, vengono usati più spesso solfato e cloruro..

Il nitrato di ammonio include sia l'ammonio che l'azoto nitrico, cioè è un fertilizzante azotato universale. Il suo nome banale è nitrato di ammonio. Va utilizzato solo in granuli, poiché la preparazione in polvere si agglutina rapidamente grazie alla sua forte igroscopicità. Tra gli altri salnitri, in viticoltura venivano usati sodio, calcio e potassio (quest'ultimo è anche un ottimo fertilizzante di potassio).

Concimi di potassio per l'uva

I fertilizzanti di potassio sono l'opzione su cui puoi risparmiare denaro: il miglior fertilizzante di potassio praticamente gratuito è la cenere di legno. Ma questo - se c'è una stufa: non avrai molta cenere sul fuoco per il barbecue e le piante di vite amano molto il potassio. Pertanto, è spesso necessario acquistare cloruro di potassio, solfato o monofosfato.

Cenere di legno - fertilizzante di potassio ecologico e quasi gratuito

Il cloruro di potassio è un fertilizzante altamente concentrato contenente più del 50% dell'elemento utile. Ma il cloro è indesiderabile per molte colture. E se questo non si applica così tanto all'uva, per molte piante da giardino c'è una raccomandazione per evitarlo. Il cloruro di potassio può essere applicato in combinazione con altri fertilizzanti, ma non è desiderabile mescolarlo con l'urea.

Il solfato di potassio è una scelta molto più corretta, può essere utilizzato contemporaneamente a qualsiasi altro fertilizzante, è sicuro per la maggior parte delle piante anche a dosi elevate, quasi non modifica l'acidità del terreno, si dissolve perfettamente in acqua.

Il monofosfato di potassio contiene, oltre al potassio, anche il fosforo, è potassio diidrogeno fosfato. Come tutti i sali acidi dell'acido fosforico, si dissolve bene in acqua. La preparazione tecnica è leggermente brunastra per la presenza di impurità, principalmente ferro. Ottimo fertilizzante per molte piante, non è una scelta ideale nel caso dell'uva. Nelle annate ordinarie si cerca di utilizzare il potassio magnesio come fertilizzante di potassio in vigna, in cui il contenuto di potassio e magnesio è equilibrato (e il magnesio è necessario per la maturazione delle bacche). Ma se l'anno precedente è stato troppo umido, l'uso primaverile del monofosfato di potassio è abbastanza giustificato..

Fertilizzanti fosfatici per uva

Quando parliamo di fertilizzanti fosfatici, ricordiamo prima di tutto il perfosfato. In effetti, questa è la preparazione più tradizionale contenente circa il 19,5% di ossido di fosforo. È usato per qualsiasi coltura e quasi tutti i terreni. Solo quelli più altamente acidi dovrebbero essere calcificati prima di aggiungere il perfosfato, per tutti gli altri il perfosfato può essere utilizzato in qualsiasi combinazione con altri fertilizzanti.

Il perfosfato a volte viene migliorato aggiungendo composti azotati alla formulazione

Se conservati in un'atmosfera umida, torte di superfosfato in polvere, granulari - in misura molto minore. Il perfosfato regolare, oltre al calcio diidrogeno fosfato, contiene anche gesso (solfato di calcio). Questo non può essere considerato un additivo di zavorra: il gesso è utile anche per la maggior parte delle colture, ma molti giardinieri acquistano il doppio perfosfato più prezioso. Non contiene gesso e il contenuto di fosforo è più che raddoppiato..

Meno apprezzata, anche tra i viticoltori, è la farina di fosforite, poiché è efficace solo su terreni acidi, e precipitati (idrogeno fosfato di calcio). Il precipitato può essere interrato prima dell'inverno, ma il suo utilizzo in primavera non è pratico e nella medicazione superiore è impossibile, poiché è leggermente solubile in acqua.

Fertilizzanti complessi e complessi per l'uva

La divisione esistente di fertilizzanti complessi in complessi, misti e complessi misti per il consumatore non è essenziale. Questi termini si riferiscono al metodo di preparazione di fertilizzanti contenenti due o più sostanze nutritive contemporaneamente. Nella tecnologia dei fertilizzanti minerali, sono possibili sia la miscelazione meccanica dei fertilizzanti semplici originali sia le reazioni chimiche tra di loro. Pertanto, ha senso utilizzare il termine più semplice "complesso".

I più diffusi sono i fertilizzanti noti da tempo contenenti sia azoto che fosforo (nitrofos), azoto e potassio (nitrato di potassio), ecc., Nonché tutti e tre i nutrienti principali: potassio, azoto e fosforo (nitrophoska e nitroammophoska).

Negli ultimi decenni l'industria ha prodotto un'ampia gamma di preparati contenenti non solo fertilizzanti complessi, ma anche additivi di vari microelementi, adattandone la composizione in modo specifico per una particolare coltura..

Nitrofoska è un concime minerale, noto da molto tempo, contiene azoto, fosforo e potassio (16% ciascuno). L'azoto in questa formulazione è sotto forma di nitrato. Nella versione classica non ci sono altre sostanze utili, ma recentemente si producono nitrofosfati aromatizzati con alcuni microelementi (rame, cobalto, boro, zinco, ecc.).

L'azofoska (il vecchio nome è nitroammofoska) è un fertilizzante un po 'più utile della nitrophoska, sebbene contenga approssimativamente lo stesso rapporto dei principali componenti nutritivi. Tuttavia, l'azoto nella sua composizione è sia in forma di nitrato che di ammonio, il che conferisce versatilità in termini di natura del suolo. Azofoska è utilizzato su tutti i terreni e per tutte le colture.

Azofoska nella maggior parte delle situazioni fornisce alle piante una serie di nutrienti di base in un rapporto ottimale

In viticoltura, Azofoska viene utilizzata sia per medicazioni di base (applicazione al suolo) che per applicazioni fogliari. In forma secca, l'Azophoska è incastonata sotto i cespugli d'uva a una profondità ridotta alla dose di 40-60 g per pianta quando inizia un clima relativamente caldo. Puoi innaffiare l'uva con una soluzione contenente 2 cucchiai di azofoska per secchio d'acqua (1-2 secchi, a seconda dell'età del cespuglio). Le soluzioni diluite sono adatte anche per la medicazione fogliare prima e dopo la fioritura.

Florovit è una delle ricette moderne, creata appositamente per l'uva, non contiene azoto nitrico. È usato per piantare e nutrire. Nella versione radice, la dose è di circa 50 g per cespuglio.

Novofert - un fertilizzante idrosolubile prodotto in Ucraina, contiene una gamma completa di sostanze nutritive e oligoelementi (ad eccezione di boro e molibdeno) - sotto forma di complessi forti con Trilon B. Il farmaco è utilizzato in tutte le varianti, è compatibile con la maggior parte degli agenti di controllo dei parassiti e delle malattie.

Il fertilizzante Agro-Nova ha un'azione simile a Novofert, ma contiene bioadditivi di stimolanti della crescita. L'introduzione di questi additivi aumenta la resistenza dell'uva alle gelate primaverili, alle siccità estreme e alla maggior parte delle malattie fungine. In primavera viene utilizzato sotto forma di soluzione (80-90 g di fertilizzante vengono sciolti in un secchio d'acqua per l'irrigazione, circa 10 g per secchio - per spruzzare sulle foglie).

Fertilizzanti organici, compresi verbasco e letame di pollo

I fertilizzanti organici più importanti sono il letame ottenuto dagli escrementi di vari animali domestici, nonché gli escrementi di pollame (principalmente pollo). I fertilizzanti organici includono anche compost e torba decomposta..

Il letame è il fertilizzante naturale più importante, quasi nessun orto o orto può farne a meno. Il letame di cavallo è considerato il miglior letame, il letame di vacca è un po 'peggio, il maiale e le pecore sono al passo successivo. Tuttavia, il letame di cavallo sta diventando sempre più inaccessibile, e al primo posto in termini di applicabilità è arrivato lo sterco di vacca, che ha ricevuto un soprannome molto eufonico "verbasco".

Il letame deve essere conservato correttamente, nelle dosi richieste e utilizzato in tempo. Il miglior metodo di conservazione è stretto (freddo), che preserva il più possibile i nutrienti. Se il letame fresco diventa molto caldo durante lo stoccaggio, una percentuale significativa di ammoniaca fuoriesce da esso. Con una corretta conservazione, dopo 5-6 mesi, si ottiene letame moderatamente decomposto, una tonnellata del quale contiene 30-60 kg di tre nutrienti principali e molte altre sostanze necessarie per le piante.

Il letame di cavallo marcio è il fertilizzante organico ideale

Il letame mezzo maturo può essere già utilizzato in vigna, ma è meglio aspettare che si decomponga completamente, quando non ci saranno praticamente resti visibili di paglia e altri materiali di lettiera. Nell'alimentazione dei cespugli d'uva, il letame viene utilizzato una volta ogni due anni, seppellendo da uno a due secchi e mezzo di fertilizzante nei fori lungo la periferia del cespuglio all'inizio della primavera.

Il letame di pollame è un fertilizzante molto efficace che agisce rapidamente, ma è insidioso: se usato in modo errato, può bruciare tutti gli esseri viventi. Il letame è più concentrato di quello dei mammiferi. In termini di composizione elementare, differisce dal letame in presenza di grandi quantità di composti di magnesio e zolfo.

Il letame secco di pollo (così come anatra, oca, piccione) può essere utilizzato solo in quantità molto piccole. Deve essere interrato in modo che non venga a contatto con le radici. È molto più sicuro ed efficace usarlo per l'alimentazione. Per questo, il letame in polvere viene versato con acqua in un rapporto di 1:10 e insistito per due giorni. Successivamente, la massa risultante viene miscelata e diluita altre 10 volte. Con questa soluzione puoi annaffiare l'uva senza paura.

Gli escrementi di uccelli sono fertilizzanti preziosi, ma pericolosi in mani inabili

La torba nella maggior parte delle regioni della corsia centrale è un fertilizzante poco costoso e facilmente reperibile. Le composizioni di letame di torba sono molto utili per le piante (la torba è spesso usata come lettiera per il bestiame). La torba viene aggiunta ai compost, viene anche utilizzata come fertilizzante indipendente. Tuttavia, per questo, deve decomporsi bene, allo stato di una polvere marrone o quasi nera. Sull'uva, è più conveniente usare la torba per pacciamare il terreno attorno ai cespugli..

Il compost è un fertilizzante preparato da giardinieri e giardinieri. È una miscela decomposta di vari rifiuti organici. Un buon compost si ottiene dalla decomposizione di rifiuti, erbe infestanti, foglie cadute, rifiuti alimentari, ecc. Accumulati durante l'anno Per questo, tutti questi materiali vengono intercalati con terra, torba, cenere e irrigati sistematicamente il mucchio risultante, periodicamente spalandolo. Può volerci quasi un anno prima che il compost maturi completamente, ma dopo di che il compost è nutriente come il verbasco.

Rimedi popolari per concimare l'uva

Oltre al compost, che infatti viene preparato dai rifiuti, i nostri giardinieri utilizzano altri “rifiuti” molto nutrienti, e il più importante di questi è la cenere di legno. Si tratta di un prezioso fertilizzante potassio-fosforo, praticamente privo di azoto, ma nella cenere sono presenti molti oligoelementi. La cenere è la principale fonte di potassio (così come il calcio), quindi di solito viene aggiunto il superfosfato, poiché contiene significativamente meno fosforo. La cenere sui terreni acidi è particolarmente importante: neutralizza in gran parte l'aumento dell'acidità, poiché contiene carbonato di potassio, che ha una reazione alcalina in soluzione.

Non c'è mai molta cenere sulla trama, e questo vale in primo luogo per il vigneto. Dopotutto, l'uva è preziosa, compreso l'alto contenuto di potassio nelle bacche, ma deve provenire da qualche parte. La cenere è un fertilizzante ecologico, quindi solo se si tratta di cenere di legno (in casi estremi, cenere di un fuoco da foglie bruciate, erbacce secche, ecc.). La cenere ottenuta dalla combustione del carbone è praticamente inutile e da vari materiali artificiali può essere dannosa. La cenere di legno può essere cosparsa sul terreno intorno alle viti senza limiti, coprendolo leggermente con una zappa, seguito dall'irrigazione. Utile anche il condimento fogliare dell'uva con infuso di cenere..

Un altro fertilizzante popolare simile in effetti è il guscio d'uovo. È vero, non puoi raccoglierne così tanto, e questo, piuttosto, ha un significato psicologico, ma i giardinieri non gettano il guscio tutto l'anno, raccogliendolo e conservandolo fino alla primavera. Il guscio delle uova di gallina è composto per il 95% da composti di calcio. Inoltre, contiene potassio, magnesio, fosforo. Tutti questi elementi, penetrando nel terreno, si trasformano facilmente in forme disponibili per il nutrimento del vigneto. Tuttavia, prima di essere avviato allo stoccaggio, il guscio deve essere accuratamente risciacquato e asciugato, e prima di essere aggiunto al terreno, deve essere più o meno schiacciato..

I gusci d'uovo devono essere schiacciati prima dell'uso

Alcuni coltivatori usano il lievito di birra nel condimento superiore. Per fare questo, vengono mescolati in acqua tiepida (100 g di lievito per secchio) e lasciati riposare per un giorno. Questo secchio è sufficiente per annaffiare cinque viti..

Microfertilizzanti per l'uva in primavera

I microfertilizzanti sono tali elementi chimici di cui le piante necessitano in quantità notevolmente inferiori rispetto all'azoto, al fosforo e al potassio. Tuttavia, in completa assenza di elementi come manganese, magnesio, molibdeno, boro, rame, zolfo, zinco, iodio, la maggior parte delle piante, compresa l'uva, non può crescere normalmente, svilupparsi e dare frutti. Tutti questi e alcuni altri componenti sono inclusi nella composizione di numerosi farmaci attualmente prodotti dall'industria..

Esistono micronutrienti venduti separatamente che includono un solo nutriente e ci sono molti esempi in cui nel farmaco sono inclusi fino a una dozzina o più micronutrienti. Tali miscele sono molto convenienti, perché, ad esempio, per utilizzare separatamente molibdeno o cobalto, dovresti pesare solo circa 1 g del farmaco, il che non è facile per la maggior parte dei normali residenti estivi, e l'imballaggio in sacchetti piccoli aumenta notevolmente il costo dei prodotti.

In concentrazioni relativamente elevate si utilizzano, ad esempio, solfati di rame e ferro, ma ciò accade nel caso del loro utilizzo come fungicidi: l'irrorazione all'inizio della primavera molto prima dell'inizio della stagione di crescita viene effettuata con soluzioni all'1%. Se usi questi elementi come fertilizzanti micronutrienti, spruzzandoli sulle foglie verdi, devi creare una concentrazione molto bassa.

Sia i solfati di ferro che quelli di rame sono idrati cristallini dei corrispondenti solfati, entrambi perfettamente solubili in acqua. Il solfato di rame come fertilizzante è necessario per i cespugli in tracce, una volta ogni pochi anni vengono spruzzati al ritmo di 1 g di sostanza per cespuglio. L'uva ha bisogno di un po 'più di ferro.

Il ferro vetriolo è, prima di tutto, un ottimo farmaco nella lotta contro i parassiti di giardini, orti e vigneti. Come microfertilizzante contenente ferro in una forma assimilabile dall'uva, viene utilizzato come condimento fogliare. Per fare questo, sciogliere circa 10 g del farmaco in un secchio d'acqua e utilizzare questo secchio per 3-4 cespugli. Il ferro è necessario per la crescita di successo di un cespuglio d'uva, senza esso la maturazione tempestiva delle bacche è impossibile.

L'irrorazione primaverile con solfato di ferro, eseguita prima della rottura del germoglio, viene utilizzata per distruggere muschi, licheni, agenti causali di malattie fungine, nonché per un'altra questione molto importante. Se, prima che le gemme inizino a gonfiarsi, i cespugli vengono spruzzati con una soluzione abbastanza forte (1%), la fioritura delle uve sarà ritardata di 1-2 settimane e non cadrà sotto le gelate di ritorno..

Tuttavia, questa irrorazione non funzionerà rapidamente come fertilizzante, poiché il ferro penetrerà attraverso la corteccia in quantità molto piccole. Ma nel tempo, il film di sali di ferro verrà lavato via dalle piogge nel terreno e l'elemento entrerà attraverso le radici. Pertanto, se la spruzzatura con solfato di ferro è stata eseguita all'inizio della primavera, non è necessario spruzzare ulteriormente il cespuglio sulle foglie verdi..

Il ferro vetriolo è sia un fertilizzante che un fungicida

Oltre al ferro e al rame, gli oligoelementi più importanti per l'uva sono il boro, il molibdeno e lo zinco. Alla fine della primavera, si consiglia di spruzzare i cespugli con soluzioni che contengano 0,1–0,5 g dei preparati corrispondenti per secchio d'acqua. Il boro viene fornito alle piante sotto forma di borace o acido borico, molibdeno sotto forma di molibdato di ammonio, zinco - solfato di zinco.

I microfertilizzanti sono venduti anche in capsule contenenti un set bilanciato. Queste capsule (granuli) sono ricoperte da una membrana che fa passare lentamente il contenuto interno attraverso se stesso, a seguito della quale gli elementi entrano gradualmente nel terreno. Tali farmaci come Osmokot, Multicot, Activin e alcuni altri durano da diversi mesi a tre anni.

Alimentazione primaverile di cespugli d'uva di varie età

Quindi, la gamma di fertilizzanti, sia organici che minerali, è molto ampia e quasi tutte le opzioni possono essere utilizzate quando si alimenta l'uva. Tuttavia, in termini di efficienza ed economia, ogni viticoltore sceglie il proprio schema, ci sono solo approcci tradizionali di base.

Quindi, se l'uva fosse piantata secondo tutte le regole in una fossa ben riempita di fertilizzanti, non saranno necessari due anni di alimentazione. Al terzo anno, è già un cespuglio completamente maturo, che ha consumato una parte significativa di ciò che gli era stato originariamente fornito. Pertanto, a partire dal terzo anno, il regime alimentare minimo necessario si presenta così.

  1. Immediatamente dopo aver aperto i cespugli o dopo altre 1-2 settimane, vengono scavate piccole fosse (fino a 30 cm di profondità) lungo la periferia del cespuglio e in esse vengono deposti 1,5-2 secchi di humus: questo viene fatto una volta ogni due anni.
  2. Ogni anno, poco prima della rottura del germoglio, 2-3 litri di cenere di legno vengono incorporati superficialmente su tutta l'area sotto il cespuglio.
  3. Immediatamente prima dell'inizio della fioritura, le foglie vengono spruzzate con una soluzione diluita di un fertilizzante minerale completo (ad esempio, Azofoski, o ancora meglio - Novofert o Agro-Nova), rigorosamente secondo le istruzioni sulla confezione.

La medicazione fogliare viene eseguita come irrorazione preventiva con fungicidi

Se sembra che le piante stiano morendo di fame, in estate si nutrono di più, ma evitando l'azoto.

L'uva viene propagata più spesso per talea, crescendo piantine da loro a casa. Ma nelle regioni meridionali le talee vengono spesso piantate direttamente in giardino, in autunno o all'inizio della primavera, dove mettono radici in campo aperto e danno origine a una nuova pianta. Le sezioni di viti (talee) con 3-4 gemme ben sviluppate sono tradizionalmente chiamate stinchi. Anche i chubuki piantati nel terreno hanno bisogno di nutrimento e di allentamento costante..

È vero, molto spesso sono già piantati in un terreno ben pieno di fertilizzanti e nel processo di trasformare il chubuk in un vero cespuglio d'uva, non ha bisogno di nutrimento aggiuntivo. Tuttavia, nel caso di una scarsa composizione del suolo, i gambi possono crescere male, può anche sembrare che vogliano morire. In questo caso, la normale cenere di legno può aiutare. Viene anche usato quando si coltivano piantine in vaso in un appartamento di città. Per ottenere una soluzione nutritiva in 1 litro d'acqua, durante il giorno vengono insistiti 2-3 cucchiai di cenere e le piantagioni vengono annaffiate con la soluzione preparata. Se le foglie sono già sbocciate sulle talee, ma sono di colore giallastro, vale la pena spruzzarle con una soluzione diluita (1%) di urea.

Video: la prima alimentazione primaverile in un grande vigneto

Calendario di fertilizzazione e top dressing in primavera

Fertilizzanti e condimenti nei vigneti si dividono in tre gruppi principali:

  • fertilizzante pre-impianto (cioè riempire la fossa di semina, che fornisce cibo al cespuglio per 3-4 anni);
  • condimento di base (applicazione all'inizio della primavera o in autunno di grandi dosi di fertilizzanti alle buche scavate intorno al cespuglio);
  • alimentazione aggiuntiva (radice liquida o fogliare).

La concimazione aggiuntiva viene eseguita secondo necessità: molti residenti estivi non lo fanno affatto, sebbene nella produzione industriale di uva sia impossibile farne a meno. I residenti estivi usano spesso condimenti verdi: seminano siderati (piselli, vecce, lupini o avena) accanto all'uva e poi, senza farli fiorire, scavano i verdi con il terreno.

Non è necessaria un'alimentazione extra: quasi senza restrizioni, puoi dare, forse, solo cenere di legno. E spruzzare i cespugli con infuso di cenere (una manciata per secchio d'acqua) combina completamente l'alimentazione con la prevenzione delle malattie. Qualsiasi piano di alimentazione sarà adattato a seconda del tempo e delle condizioni dei cespugli, nonché della regione, ma in generale, se consideriamo i mesi primaverili, a marzo l'alimentazione è possibile solo nell'estremo sud, dove è già possibile incorporare fertilizzanti nel terreno. Quanto ai due restanti mesi primaverili, si presentano così.

  1. Ad aprile, la medicazione superiore principale è incorporata nelle fosse: letame (dopo un anno), 20-30 g di urea, 10-15 g di perfosfato e 2-3 litri di cenere. In questo caso, l'introduzione del letame dovrebbe essere effettuata il prima possibile e fertilizzanti minerali - più vicino alla fine del mese..
  2. L'alimentazione delle radici liquide viene effettuata a maggio. È meglio farlo 10-15 giorni prima della fioritura, cioè nella corsia centrale sarà alla fine di maggio, a sud - nel mezzo. Se si utilizzano fertilizzanti minerali, sciogliere in un secchio d'acqua 10-15 g di carbamide, 15-20 g di perfosfato e 5 g di solfato di potassio. Se naturale, aggiungi una manciata di cenere di legno all'infuso di verbasco (1:10). Un secchio di ricetta viene speso su un cespuglio adulto, versandolo in solchi poco profondi.

La medicazione fogliare avviene già nel primo mese estivo. I cespugli vengono spruzzati con soluzioni diluite di fertilizzanti minerali una settimana prima della fioritura e subito dopo la fine.

Video: suggerimenti per l'alimentazione primaverile dell'uva

Suggerimenti per principianti

Può essere difficile per i viticoltori alle prime armi decidere cosa considerare come il territorio della boscaglia, dove praticare i buchi per i fertilizzanti. A qualsiasi età, scavare una buca vicino alla base del cespuglio è pericoloso: puoi danneggiare le radici. Devi ritirarti di almeno mezzo metro e con l'età - di più. In media si può considerare che l'area di alimentazione di un arbusto adulto è di 6-7 m 2.

Se il coltivatore ha piantato lui stesso una piantina, conosce esattamente la sua età, insieme all'animale domestico attraverseranno tutte le fasi della formazione. E se il sito viene acquistato e l'uva cresce già su di esso? Apparentemente, indipendentemente dalla sua età e qualità, vale la pena piantare 1-2 giovani cespugli da solo nel prossimo futuro, scegliendo varietà che non sono le più difficili da coltivare e su di loro studiare in pratica tutta la saggezza della cura.
Vale sempre la pena ricordare che l'uva è un essere vivente. Dopotutto, il suo proprietario non può mangiare l'intera norma quotidiana in una volta, preferisce 3-4 pasti al giorno? Allo stesso modo, le viti devono essere nutrite un po '. Il tasso annuo di nutrienti deve essere fissato in più fasi. E non puoi nutrirti con un solo letame. Dopo tutto, il proprietario non può mangiare solo carne, senza pane e verdure? Allo stesso modo, l'uva ha bisogno di varietà nella sua dieta..
Sì, e non puoi mangiare cibo secco. Questo vale anche per l'uva. Solo il letame all'inizio della primavera non può essere riempito d'acqua: c'è ancora molta umidità dopo l'inverno e pioverà. Qualsiasi condimento deve essere applicato su terreno umido. Se si tratta di medicazioni liquide, dopo di esse difficilmente puoi annaffiare e asciugare - assicurati di riempire una quantità sufficiente di acqua.

Al giorno d'oggi esiste un'enorme varietà di fertilizzanti per l'uva, solitamente venduti in bellissime confezioni. Ma questo non significa che sia necessario affrettarsi a dare soldi per la pubblicità: nella maggior parte dei casi, l'uva può essere alimentata molto più a buon mercato. Anche se a volte vale la pena coccolarsi con una combinazione equilibrata di vari nutrienti.